Mattheis.
CANTONE
22.08.2019 - 06:000

Les Digitales: viaggio dentro l’universo electro

Les Digitales: appuntamento imperdibile per tutti gli amanti della musica elettronica e sperimentale - sabato 24 agosto dalle 14 alle 22 - al Parco Panoramico di Guidino (Lugano-Paradiso)

LUGANO - Una rassegna attesissima - dagli appassionati del genere, ma anche dai più curiosi - che da qualche tempo a questa parte, annualmente, tocca anche il Ticino: il festival itinerante - che con puntuale regolarità abbiamo modo di gustare anche in altre località del territorio elvetico - torna per cui questo sabato nella suggestiva location luganese.

Disegni sonori tutti da scoprire, dalle 14 alle 22, al Parco Panoramico di Guidino, ma anche all’after party, in programma poco lontano, ovvero a Le Cap (Capo San Martino).

Vediamo, esattamente, chi saranno i protagonisti di questa edizione: alle 14.30 aprirà il festival il ticinese Mario Bisignani, con il progetto forty-nine, tramite il quale proporrà - si legge nelle note di presentazione - una sorta di colonna sonora ideale «per una battaglia di “Final Fantasy VII” ambientata in un rave party lituano». Alle 15:15 resteremo ancora in Ticino, ma con Marianne Rezzonico, che ci porterà in contesti cold wave tramite l’archetipo Mistadel

Alle 16 salirà sul palco il milanese Andrea Marinelli: «i suoi live set sono basati sulla modellazione elettronica della voce. Utilizza un archivio originale di voci tradizionali dal mondo, linguaggi perduti, nenie, cori, organizzandoli in tessiture musicali eseguite completamente dal vivo». Si proseguirà alle 16:45 con il duo elettro-acustico Voed (CH/USA), costituitosi appositamente per Les Digitales per volontà di Harry e Sara Jane, già componenti di gruppi come Eva Kant ed Endless Boogie. 

Poi, direttamente da Rotterdam, giungerà sul palco alle 17.30 Mattheis, il quale presenterà le tracce contenute nel suo ultimo lavoro discografico “Thin Sections”, «che strizza l'occhio ai migliori lavori elettronici anni Settanta». Alle 18:15 vedremo all’opera il bernese Gerhard Nydegger, alias BrassDragon che, devoto al suono della tromba, amalgama jazz e altri generi, prestando il proprio strumento ad effettistica e sonorità electro. 

Alle 19 salirà sul palco un altro ticinese, ovvero Reed Blue (Oliviero Tavaglione): dai suoi lavori traboccano suoni fatti in casa, che aggiungono un grande tocco di originalità alla musica - elettronica, noise, ambient, abstract, idm - di base. Poi, alle 19:45 sarà il turno della zurighese Andrina Bollinger, la quale si concentra su strutture scarne e delicate, utilizzando la voce quale materia prima. 

Alle 20.30 ascolteremo invece «il loop infinito» del progetto sviluppatosi sull’asse Berna-Friborgo End Of Void mentre, in chiusura, dalle 21.15 alle 22, avremo modo di gustarci il del duo Qatsi (Zurigo/Friborgo) con un live costruito da improvvisazioni modulate all’interno di contesti ambient.

In caso di pioggia, la manifestazione si svolgerà nella medesima location, ma al coperto.

Info: lesdigitales.ch

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-20 00:09:26 | 91.208.130.87