Marc Amacher e Philipp Fankhauser chiudono Vallemaggia Magic Blues.
MAGGIA
07.08.2019 - 06:000

La crema del blues svizzero per chiudere Vallemaggia Magic Blues

La 18esima edizione della kermesse si conclude con Marc Amacher e soprattutto Philipp Fankhauser

MAGGIA - Il top of the top dello "Swiss blues night" va in scena giovedì sera a Maggia, un epilogo più che degno per la 18° edizione del Vallemaggia Magic Blues.

Si parte con Marc Amacher: da quando ha entusiasmato pubblico e giuria de “The voice of Germany” è diventato l’astro nascente del blues svizzero. La sua voce roca si impone e risuona dovunque. Difficile inquadrare in un genere specifico la musica della band, è spontaneità, dinamismo ed emozione. Marc Amacher non suona musica, egli è la musica, con anima e corpo. Il vero Blues, l’originale Boogie-woogie e l’autentico Rock’n’Roll, grazie alla voce di Amacher, ti penetrano nella pelle. Autodidatta ha ricevuto la sua prima chitarra dal nonno, che la recuperò dalla latta della spazzatura dicendogli «Toh Märcu, vedi se riesci a cavarne qualcosa!». Al Vallemaggia Magic Blues lo ricordiamo quale membro del duo Chubby Buddy, con il quale partecipò ad Avegno alla finale della “Swiss Blues Challenge”, arrivando ad un soffio dal vincitore. Gli show con la sua band, nella quale suona un’altra vecchia conoscenza del Vallemaggia Magic Blues, Philipp “Bluedög” Gerber, sono trascinanti, sorprendenti. State attenti: c’è il rischio di diventarne dipendenti! Recente novità, la band ha aperto i concerti europei di Eric Clapton.

Finalmente anche il più acclamato artista blues svizzero calcherà il palco del Vallemaggia Magic Blues. Nato a Thun nel 1964, Philipp Fankhauser ha passato gli anni della prima gioventù a Tegna, ascoltando giorno e notte il Blues di Sunnyland Slim, Buddy Guy, Muddy Waters e B.B. King. Nel 1975 ha ricevuto dalla madre la sua prima chitarra, che ancora oggi possiede. Da allora ha capito quale sarebbe stata la sua strada. Ha formato la sua prima band “Checkerboard Blues Band” nel 1987 e il suo primo album è del 1989 “Blues for the lady”. Iniziò a girare per l’Europa e i suoi album successivi (alcuni “Disco d’oro” o “Disco di platino”) hanno ricevuto le lodi di John Lee Hooker e Johnny Copeland, con il quale ha condiviso il palco durante la prima tournee negli States nel 1994. Rimase in America fino al 2000, girando tra Nashville e New Orleans, attraversando il Texas e suonando con la crème del Blues. Negli anni ha suonato con B.B. King, Bobby Bland e Richard Cousins, invitato anche ai prestigiosi Chicago Blues Festival e Montreux Jazz Festival (2011/2018). Lo scorso anno, con diversi sold out, ha festeggiato 30 anni di carriera. I suoi concerti sono una splendida miscela di ballads e brani dal sapore funky, suonato alla grande dalla sua splendida band, che non deluderà le attese dei suoi numerosi fans, attesi in massa a Maggia per questo evento top.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 07:38:59 | 91.208.130.86