ULTIME NOTIZIE Agenda
CANTONE
1 gior
Una raccolta di corti svizzeri a tema isolamento e coronavirus
È il progetto svizzero "Lockdown Collection" al quale hanno partecipato anche diversi registi ticinesi
CANTONE
2 gior
Dalla storia del cinema fino alle piattaforme streaming con Heritage Online
Una piattaforma per i professionisti del settore con una nobile missione quella presentata oggi da Locarno Pro
BELLINZONA
2 gior
Il Teatro Sociale riparte il 6 giugno con "Il fondo del sacco"
Nel giorno della riapertura dei teatri in tutta la Svizzera ci sarà una rappresentazione straordinaria gratuita
CANTONE
3 gior
I Vip ticinesi leggono ad alta voce
Dalle 10 via con i video in italiano sul sito web ufficiale
CANTONE
3 gior
Il Pardo partecipa al festival We Are One con i suoi assi dell'edizione 2019
L'evento globale, che si terrà esclusivamente via YouTube trasmetterà alcuni degli incontri top dell'anno scorso
LUGANO
3 gior
Anche il concerto di Paolo Conte slitta al 2021
Doveva tenersi questo 25 giugno in Piazza Riforma, la data definitiva è ancora da stabilirsi
CANTONE
1 sett
12 voci note per la Giornata della lettura ad alta voce
Il 27 maggio non perdetevi i video di Christa Rigozzi, Rosy Nervi, Elias Bertini e altri ancora
CANTONE
1 sett
Da Pupo ai PanPers: se ne riparla nel 2021
Un anno di attesa in più anche per sentire i Jethro Tull al Palazzo dei Congressi di Lugano
CANTONE
2 sett
Jethro Tull a Lugano, l'appuntamento slitta al 2021
Il rinvio del concerto è legato alle misure per l'emergenza coronavirus
BELLINZONA
08.01.2016 - 12:000

Pearl Jam Tribute al Peter Pan

Il locale bellinzonese propone una serata dedicata agli anni 90

BELLINZONA - Venerdì 8 gennaio al Peter Pan di Bellinzona suonerà dal vivo una delle migliori tribute band dei Pearl Jam.

I Pearl Jam Tribute saranno i protagonisti di una serata dedicata agli anni 90 che avrà inizio alle 21.30.

Ai dischi dj Cobra che riporterà tutti in quegli anni fantastici.

L'entrata è gratuita.

Pearl Jam Tribute - Correva l'anno 1992: il mondo era in pieno fermento, stava accadendo qualcosa di nuovo, qualcosa che avrebbe cambiato definitivamente il panorama musicale mondiale.



A Seattle, cittadina di “boscaioli” nello stato di Washington, nasceva per la prima volta un movimento giovanile contrario alla globalizzazione mondiale.
Nello stesso periodo, diventavano popolari una serie di band provenienti da quella città: Nirvana, Pearl jam, Soundgarden e Alice In Chains, che “urlavano” al mondo la loro solitudine, la loro inquietudine, la loro follia.
Band giovanissime che hanno dato vita all'ultimo vero movimento musicale che ha accomunato un’intera generazione mondiale: il grunge!


Oggi come allora, il mondo è in preda al panico: la globalizzazione ha portato nel mondo occidentale una crisi senza precedenti. Oggi come allora, i negozi delle vie del centro espongono nelle vetrine le mitiche camicie a scacchi di finta flanella che hanno caratterizzato quella generazione. Oggi come allora i giovani urlano la loro solitudine, la loro inquietudine, la loro follia.

Anno 2010: Apple presenta il nuovo iPad, a Seul si svolge il G20, anonimi versano nel Lambro milioni di litri di idrocarburi, due attacchi terroristici colpiscono Mosca, negli Usa viene creata la prima forma di vita sintetica e a Milano nascono i No Habits.

Un tributo ai Pearl Jam, formatosi tanto per gioco quanto per vocazione, che ripropone lo spirito dei primissimi ragazzi di Seattle.

Una formazione comprendente musicisti che hanno fatto parte di altre tribute band italiane, formata da cinque elementi che hanno vissuto la loro adolescenza in città con problematiche giovanili spesso simili a quelle americane da cui nasce il grunge.

Città come Taranto, Lecce, Genova, luoghi di mare, città di impegno sociale, territori di lotte di classe, dove a volte l'unico modo per toglierti dalla strada è suonare in una band.

Energici, vitali, trascinanti i No Habits non danno tregua.
Dalle atmosfere avvolgenti delle rock-ballads “Black”, “Immortality”, “I got shit”, alla potenza delle emozioni di storici brani come “Alive”, “Rearview mirror”, “Animal”, e “State of Love and Trust”.

Con una scaletta che include soprattutto i primi cinque album della band di Seattle, i No Habits ripercorrono con vivacità, capacità e divertimento, i brani che hanno segnato tappe rilevanti nel panorama “grunge”: “Ten”, “Versus”, “Vitalogy”.

Album che hanno fatto anche la storia di Eddie Vedder e compagni.

Massimo Venneri, vocals

Giuseppe Caputo, guitars
Matteo Borbonese, guitars
Luca Sorrentino, bass - vocals
Alberto Pietrapertosa, drums


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-30 14:57:59 | 91.208.130.89