"No Obvious Signs".
+ 6
ULTIME NOTIZIE Agenda
LUGANO
2 ore
Temus: torna il Party anni '80
Tre serate dai gusti più diversi per il fine settimana del locale di Serocca d'Agno
BIOGGIO
2 ore
Con Gabi Jogeix le Blues Nights si tingono di... Spagna!
L'asso delle sei corde, venerdì al suo esordio in Svizzera, sarà protagonista di una serata all'insegna del rhythm and blues
LUGANO
7 ore
Quanto siamo disposti a osare per sconfiggere la noia nella coppia?
È l'interrogativo che si pone la premiata pièce “Sonnambuli” sul palco del Teatro Foce tutto questo fine settimana
GIUBIASCO
7 ore
E l'orchestra suona... il tango
La manifestazione "Tango Si Quiero" presenta questo sabato 23 novembre un concerto davvero speciale e da non perdere
CADEMPINO
13 ore
Torna Latina, la serata con la musica più caliente del pianeta
Sabato 23 novembre il Centro Eventi ospita la settima edizione di questo attesissimo appuntamento
LUGANO
1 gior
Gala lirico al Palazzo dei Congressi
Domenica 24 novembre ci sarà l'occasione per ascoltare brani gioiosi e frizzanti
LUGANO
1 gior
Quattro spettacoli per LuganoInScena
Si va da "Una mano mozzata a Spokane" fino a "L'usignolo o dell'amicizia", passando per la mitica PFM
LUGANO
1 gior
Il roboante Sgarbi torna in scena: è la volta di Raffaello
Lo spettacolo è in programma per sabato 23 novembre al Palazzo dei Congressi di Lugano. I biglietti sono disponibili in prevendita su Biglietteria.ch
LUGANO
1 gior
Un incontro con Fabio Capello per parlare di agonismo e... smartphone
Perché il telefonino per i ragazzi è un grande distrattore nello studio come nello sport, il dibattito aperto si terrà al CineStar giovedì 21 novembre
CHIASSO
2 gior
Paolo Tomelleri chiude la stagione delle matinée jazz
Il noto sassofonista vicentino si presenterà a Chiasso questa domenica 25 con il suo quartetto per un inizio giornata all'insegna dei classici
LOCARNO
2 gior
Una pista mai così grande per il 15esimo di Locarno On Ice
L'amata manifestazione locarnese ritorna giovedì 21 novembre con un calendario ricchissimo, fra concerti, spettacoli e... un corso di curling
LUGANO
2 gior
"Stai zitto… Diritto!": ma quanto è difficile essere un bambino...
La pièce teatrale della Compagnia Uht dedicata ai più piccoli (e ai genitori) sarà sul palco del Foce questo mercoledì 20 novembre
LUGANO
2 gior
La Bella Addormentata diventa un musical a tutta magia
Con "Malefica" sul palco del Plazzo dei Congressi il prossimo 11 gennaio
LUGANO
13.10.2019 - 09:150

È l'ora del gran finale

Si conclude oggi l'edizione 2019 del Film Festival Diritti Umani Lugano

LUGANO - Siamo arrivati al gran finale per l'edizione 2019 del Film Festival Diritti Umani Lugano. Una kermesse che, come tutti gli anni, ha saputo unire impegno civile e sociale, trattando temi di scottante attualità come la tutela dell'ambiente, la lotta contro le disuguaglianze e ogni forma di discriminazione.

Si parte alle 11.15 al Cinema Corso di Lugano con "No Obvious Signs" di Alina Gorlova. Cosa c’è dietro le quinte dei video eroici dei combattenti in Ucraina? Cosa devono affrontare in tempo di pace, e dove si ferma la guerra? Questa è la storia di una donna soldato che ritorna alla normalità dopo l’esperienza del conflitto armato. Mostrando il suo percorso dall'inizio della riabilitazione fino al ritorno al lavoro, tra incontri con gli psicologi e sfide quotidiane "No obvious signs" è un documentario che racconta come tornare a casa non sia così semplice, poiché c’è un’altra guerra da combattere: quella contro i suoi disturbi da stress post-traumatico, fatta di attacchi di panico e paure, quella che non si vede, ma c’è.

Si prosegue sempre al Corso alle 14.45 con "Bojayà. Dfae Caught in the Crossfire" in anteprima svizzera. Diretto da Oisín Kearney, il massacro di Bojayá del 2002 rimane una delle peggiori atrocità di massa nel conflitto colombiano tra i paramilitari e le FARC durato 50 anni. I corpi delle vittime non sono mai stati adeguatamente identificati e i sopravvissuti sono stati lasciati in un limbo, senza informazioni sulla fine dei loro cari. Leyner Palacios, leader della comunità Chocò e candidato al premio Nobel per la pace, vide morire davanti a sé 32 membri della sua famiglia. Il Film segue il suo percorso nella ricostruzione di quel tragico avvenimento e nelle trattative di pace per il suo popolo. Il documentario è una prospettiva sull’incredibile lotta per la giustizia in un paese di precari equilibri politici.

Poi "Je te ne voyais pas" di François Kohler, che sarà proiettato alle 17 alla presenza del regista al Cinema Iride. Un film sull’avvicinamento, sulla capacità di abbandonare il proprio status di vittima e anche di criminale. È un documento di pace, una testimonianza su una forma complementare di giustizia, basata sulla riparazione del legame e del tessuto sociale. Entrambi gli attori coinvolti cercano di ricostruirsi una vita, tra assunzione di responsabilità e perdono. Un film intimo ed emotivo in cui svaniscono le barriere tra realtà e finzione.

Fino ad arrivare a due film molto attesi: il primo alle 18 al Cinema Corso è "Khartoum Offside" di Marwa Zein, una storia di emancipazione femminile attraverso il calcio: le protagoniste lottano per il diritto di giocare e formare la nazionale del Sudan, un paese in cui la religione, la politica e le tradizioni soffocano sogni, volontà e desideri delle donne. Un documentario in cui in campo ci sono la voglia di libertà e la storia di un paese che si batte per i propri diritti nonostante la feroce repressione del suo governo. E lo fa con tutti i mezzi possibili, anche attraverso lo sport.

"Sorry We Missed You" di Ken Loach chiude la rassegna alle 20.30 al Cinema Corso. Stare a galla dopo il crollo finanziario del 2008 è tutt’altro che semplice: lo sanno bene Ricky e Abby,  una coppia di New Castle che si ritrova a dover ogni giorno fare i conti per arrivare a fine mese. L’indipendenza economica è un miraggio, ma la coppia cerca di non far mancare niente ai propri figli tra lavori mal pagati e sacrifici. La svolta può forse arrivare da un salto nel vuoto? Abby e Ricky decidono di provarci: lei vende la sua macchina per permettergli di comperare un furgone e – tramite un’app – lavorare in modo indipendente con la sua impresa di consegna a domicilio. Ma conciliare questo nuovo impiego con la vita famigliare è tutt’altro che semplice. «Sorry we missed you», una storia sulla capacità di reinventarsi, un’istantanea del nostro tempo.

Il Film Festival Diritti Umani Lugano è in prevendita su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 19:11:49 | 91.208.130.86