Aste Bolaffi
ITALIA
07.03.2018 - 14:170

All'asta i cimeli di Kubrick

Sarà venduta la collezione di Emilio D'Alessandro, assistente e amico del regista

TORINO - Il ciak di "Eyes Wide Shut", la giacca in velluto bordeaux di Jack Torrance, lo scrittore protagonista di "Shining", i tappetti dell'Overlook Hotel, il cappello del sergente Hartman, lo spietato protagonista di "Full Metal Jacket". Sono alcuni dei cimeli del grande regista Stanley Kubrick, provenienti dalla collezione del suo assistente per quasi 30 anni, Emilio D'Alessandro, che saranno venduti all'incanto da Aste Bolaffi il 27 marzo a Torino e che sono stati presentati a Milano nell'anniversario della morte di Kubrick, scomparso il 7 marzo 1999.

Si tratta della «più importante raccolta di memorabilia sulla sua vita e la sua opera mai offerta in asta - commenta Filippo Bolaffi, ad di Aste Bolaffi - 55 oggetti provenienti da un unico proprietario vivente che ci ha raccontato tutto di loro».

Particolarmente raro è un lungo frammento di pellicola originale di "Shining" (base d'asta 3 mila euro) donato a D'Alessandro dal regista che era celebre per bruciare tutte le parti avanzate di pellicola, per timore che potessero copiare il suo lavoro. Tra gli oggetti di culto la borsa per la macchina fotografica di Stanley Kubrick, in tela arancione con fascia a tracolla (base 8 mila euro), da cui non si separava mai. Lo stesso Emilio D'Alessandro ha raccontato la storia di questi oggetti, con aneddoti e curiosità della sua vita con il regista, per cui era diventato non solo il suo factotum ma anche un amico. Gli oggetti saranno in mostra a Milano al Museo interattivo del cinema dal 13 al 21 marzo.
 

Tags
kubrick
oggetti
asta
regista
alessandro
cimeli
emilio alessandro
emilio
marzo
bolaffi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-22 19:37:16 | 91.208.130.87