Keystone / EPA
GERMANIA
18.02.2018 - 15:530

La magica Sardegna (anche un po' svizzera) di "Figlia mia"

Il film di Laura Bispuri è in concorso alla 68esima edizione del Festival di Berlino

BERLINO - Il film italiano in concorso alla 68esima edizione del Festival di Berlino, "Figlia mia" di Laura Bispuri - interpretato da Valeria Golino, Alba Rorhwacher, Udo Kier e dagli attori isolani Sara Casu e Michele Carboni, che porta alla Berlinale la magia della Sardegna - è anche una coproduzione svizzera.

La pellicola è realizzata da Vivo Film e Colorado Film con Rai Cinema, in coproduzione internazionale con la tedesca Match Factory Productions e la svizzera Bord Cadre Films, nonché con ZDF/arte e la RSI.

L'opera seconda della Bispuri - il debutto era stato con "Vergine giurata", nomination per l'Orso d'oro nel 2015 - ha ottenuto il sostegno di Eurimages, Ministero italiano dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Sardegna e Fondazione Sardegna Film Commission. Frutto di riprese realizzate tra Cabras, Riola Sardo, San Vero Milis e Oliena, debutta oggi in prima mondiale alla kermesse cinematografica.

In corsa per l'Orso d'oro il film della Bispuri racconta un patto segreto, destinato a rompersi, tra due donne madri di una stessa bambina. Da una parte c'è Tina (Valeria Golino), madre amorevole, ansiosa e affidabile che vive solo per la sua piccola Vittoria (Sara Casu) di dieci anni e, dall'altra, Angelica (Alba Rohrwacher) madre naturale della bambina, alcolizzata, fragile, in preda solo a se stessa e alla sua vita scombinata. Vittoria dovrà così combattere con le sue due anime: quella libera e adulta, ma senza rete, che fa sì che segua Angelica nelle sue folli e pericolose escursioni nelle grotte, e quella rassicurante di Tina, la sola capace di poterle far vivere la normalità.

È la prima volta dalla nascita della Fondazione Sardegna film commission (Fsfc) che un film "made in Sardegna" è in concorso alla Berlinale. La Fsfc ha seguito la genesi del progetto invitando la regista a scoprire l'Isola attraverso una serie di "scouting" e incontri sul territorio con la comunità delle novenanti del Sud Sardegna e della Barbagia. «L'idea di partenza è sempre stata quella di voler raccontare una Sardegna fuori dagli stereotipi - racconta Laura Bispuri - Quello che mi affascina fortemente dell'Isola è la contaminazione continua e stratificata tra la potente tradizione arcaica e il mondo contemporaneo».

Sul tappeto rosso della Berlinale ci sarà un parterre di eccellenze isolane che raccontano la Sardegna attraverso gusti e profumi. Alla proiezione di "Figlia mia" seguirà una serata ispirata all'Isola, in collaborazione con l'Accademia Casa Puddu. Due docenti, Salvatore Camedda, giovanissimo chef e patron del ristorante Somu a San Vero Milis, e Francesco Vitale, chef di Cucina.eat a Cagliari, faranno degustare agli ospiti internazionali una cucina innovativa che conserva l'autenticità sarda ma con un gusto per il contemporaneo.

Tags
sardegna
film
bispuri
figlia
concorso
berlino
laura bispuri
laura
isola
berlinale
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-14 04:54:19 | 91.208.130.87