Angelo Duro, classe 1982.
ULTIME NOTIZIE Agenda
LUGANO
9 ore
"Ferroboat" è pronto a salpare
Mercoledì 28 luglio si potranno solcare le acque del Ceresio insieme a Roberto Ferrari di Radio Deejay
CANTONE
5 gior
Nichetti ha scelto “One Leaf One Life”
Il documentario di Domenico Lucchini parteciperà a un festival milanese e in autunno arriverà nelle sale ticinesi
LOCARNO
5 gior
Due prime mondiali per Locarno74
Saranno il debutto di Charlotte Colbert e il nuovo film di Gleb Panfilov, già Pardo d'oro nel 1969
LOCARNO
6 gior
Alla scoperta della Stazione Spaziale Internazionale... restando alla Rotonda
Si potrà vedere "Space Explorers: The ISS Experience" all'interno della vecchia cabina di proiezione di Piazza Grande
CEVIO
6 gior
Tocca al blues italiano, ticinese e svizzero
Mercoledì 21 e giovedì 22 luglio due grandi serate per il Vallemaggia Magic Blues
LUGANO
1 sett
Andrea Pucci torna a Lugano
L'evento è previsto per il 9 settembre in Piazza Manzoni
CANTONE
1 sett
Un viaggio nel tempo con il trenino storico
Un'esperienza unica, da vivere domenica 18 luglio sulla tratta tra Locarno e Camedo
MONTECENERI
1 sett
Monte Tamaro, la parola d'ordine è musica
Il 31 luglio si terrà una giornata con Make Plain, Lorenzo De Finti e CoreLeoni
LOCARNO
1 sett
Un antipasto muto (ma musicato dall'Osi) per il Locarno Film Festival
È “Safety Last!” (“Preferisco l'ascensore”) con Harold Lloyd, la proiezione è prevista per il pomeriggio del 4 agosto
CEVIO
1 sett
Blues in salsa europea e americana a Cevio
Due serate con Copenaghen Slim, Justina Lee Brown, Kaz Hawkins, Hotlanta e Neal Black & The Healers
BELLINZONA
2 sett
Fra dj set (ed eco-brunch domenicale) la summer experience al Parco entra nel vivo
Il lounge estivo dell'associazione B'Easy di Bellinzona non teme la pioggia e inizia col vento in poppa
BIASCA
2 sett
Spartyto tra 77 Bombay Street e Sinplus
Sarà un programma al 100% all'insegna della musica svizzera e ticinese per l'open air, in programma il 27 e 28 agosto
CANTONE
25.01.2019 - 06:010
Aggiornamento : 05.02.2019 - 18:02

«Non servono nomi e partito. È dalle azioni che capisci se una persona è buona o è una merda»

In attesa di vederlo sul palcoscenico del Palacongressi di Lugano il 10 febbraio con “Perché mi stai guardando?”, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Angelo Duro

LUGANO - Da “Le Iene” al cinema - accanto a Fabio de Luigi in “Tiramisù” (2016) -, dal web ai romanzi - lo scorso novembre per Mondadori è uscito “Il piano B” -, per poi sbarcare sul palcoscenico.

Nel corso dello spettacolo che porterà a Lugano, Angelo racconterà di come - dall’adolescente ingenuo che era - ha reagito alle ingiustizie della vita, trasformandosi in un ragazzo dispotico, «ma con il cuore di Robin Hood». Affronta ogni argomento senza filtri, con sincerità, sarcasmo e ironia. E di conseguenza, sui suoi profili social è seguito da oltre 1 milione e 700mila follower.

Angelo, da quanto mi è sembrato di capire, in questo mondo, in questa società, hai dovuto indossare una sorta di armatura fatta di riflessioni, di parole… Che vuoi dirmi al riguardo?

«Ognuno di noi è arricchito da centinaia di traumi lasciati da coloro che ci circondano. Siamo noi a dover imparare a reagire e a trovare la strada giusta da percorrere: tutto ciò che ci ritroviamo attorno - che subiamo e viviamo - mette alla prova la nostra vita. Per cui, dentro di noi scaturisce un conflitto tra ciò che noi vorremmo essere e ciò che gli altri vorrebbero che diventassimo...».

Non è sempre facile farsi ascoltare… C'è un trucco, immagino, visto che sui social stai viaggiando verso i due milioni di follower... 

«Non c'è un trucco. E devo dire che credo poco ai numeri gratuiti del web. Lo sforzo vero, secondo me, è quello che sto realizzando con il teatro: chi acquista un biglietto, chi spende del denaro per me, è davvero interessato a ciò che sto proponendo... Capisci? È differente...».

Lo spettacolo ha un titolo curioso, “Perché mi stai guardando?”.

«Credo definisca bene il mio carattere, ossia il carattere di una persona stanca dei pregiudizi e con un atteggiamento rissoso, ma anche ironico, nei confronti della realtà».

Com'è impostato?

«È un monologo di 90 minuti in cui racconto la storia del perché sono diventato così dispotico. Insomma, i passaggi della mia vita. Che sono un po' quelli di tutti. A cui, però, come dicevo poco fa, ho reagito...».

Cosa, in particolare, ha incominciato a forgiare, diciamo così, l'Angelo Duro di oggi?

«In sintesi, sono le delusioni ad avere sagomato questo mio carattere: come sai, siamo costantemente circondati da false promesse, per cui io ho iniziato a vivere senza aspettative».

Nei tuoi interventi ti focalizzi spesso su razzismo e omofobia. Temi, purtroppo, al centro della più stretta attualità: mi viene in mente il titolo di Libero di mercoledì: “Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay”.

«Gli omofobi non hanno capito che se i gay aumentano la concorrenza maschile cala. Già soltanto da questo punto di vista si rivelano ottusi...».

E dei 47 migranti in attesa da giorni del porto sicuro nel Mediterraneo cosa pensi?

«Non servono nomi, cognomi e partito. È dalle azioni che capisci se una persona è buona o è una merda».

Prima di concludere: ti rivedremo un giorno a “Le Iene”?

«Sì, certo. Negli anni sono cambiato, per cui non farò più le cose fatte in passato...».

E al cinema?

«Per ora no, anche perché sto lavorando a un altro spettacolo teatrale (per il momento ancora senza titolo, ndr), la cui prima è prevista a settembre».

Prevendita: biglietteria.ch

 

 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-26 00:33:41 | 91.208.130.85