MobilitàCome Bienne si appresta a diventare una città verde

09.12.22 - 11:00
Due professionisti della comunicazione desiderano liberare Bienne dal traffico e renderla una città verde.
Foto: Projectone/Chris Gaethke, ArchiCGI
Come Bienne si appresta a diventare una città verde
Due professionisti della comunicazione desiderano liberare Bienne dal traffico e renderla una città verde.
Il progetto «Urban Zéro» ruota attorno a una funivia: così Bienne ritornerà a essere una fiorente città del futuro.

In principio era la funivia. Durante i suoi viaggi di lavoro, Stefan Jermann osserva come le grandi metropoli si trasformano e come le funivie rivestano un ruolo sempre più importante nella gestione dei flussi dei pendolari. L’esperto di comunicazione e pubblicista nutre da sempre un grande interesse per la città del futuro e la trasformazione a essa collegata.

Tutto inizia con la sua amicizia con Reto Bloesch, un professionista di comunicazione ed eventi di Bienne. Ad accomunarli è l’amore per la città di Bienne, nominata «città del futuro» in occasione dell’esposizione nazionale Expo.02 e disdegnata venti anni più tardi come la «patria dei casi sociali». Entrambi desiderano vedere Bienne sotto una nuova luce.

Liberare la città dal traffico

All’inizio è previsto soltanto un articolo sulla piattaforma online Naratek.com, dove espongono le loro idee sulla trasformazione di Bienne. L’obiettivo principale: liberare dal traffico la città cronicamente congestionata.

La protagonista sarà una funivia urbana lunga quasi sette chilometri dal lago al distretto industriale di Bözingen. «Richiede meno energia ed è efficiente», afferma Jermann. E, una volta tolto il traffico, si dischiudono nuove opportunità di convivenza, la città può respirare a pieni polmoni e rifiorire.

Bloesch e Jermann iniziano a lavorare a «Urban Zéro», il nome del progetto. Bloesch ha più contatti e vanta esperienza nella trasformazione: con la serie di eventi «First Friday» ha risvegliato il centro storico di Bienne dal suo letargo e ha contribuito a trasformarlo in un vivace punto d’incontro per gli abitati della città.

Collaborazione di esperte ed esperti

Entrambi riconoscono che l’idea è più di un semplice articolo online. Gli esperti di funivia sviluppano il tracciato. Jermann e Bloesch progettano un parco con passerella sopraelevata per un campo incolto direttamente sul lago. È prevista anche una ferrovia sopraelevata sopra al lago.

Dalla cooperazione di architetti, di un art manager, della direttrice delle aziende del trasporto di Bienne e altri nasce un white paper. Dalla «Green City» originaria, progettano una «Smart City» per collegare le persone e una «Social City» per uno spazio abitativo e un’integrazione accessibili.

La funivia ha l’obiettivo di funzionare sia come mezzo di trasporto per la popolazione, che come una calamita per i turisti. Jermann e Bloesch ripensano Bienne: la città non deve essere piena di vita ed ecologica solo sulla carta, bensì anche nella realtà.

Interesse da parte dell’industria dell’orologeria

Pura utopia? Non stando alle prime reazioni a «Urban Zéro». Ad esempio, l’industria dell’orologeria, che a Bienne offre migliaia di posti di lavoro, ha mostrato interesse per la funivia. Persino il sindaco di Bienne ha giudicato il progetto interessante.

«Urban Zéro funge soprattutto da base di discussione», afferma Jermann. Con un proprio sito web, il prossimo passo è compiuto. La prossima fase prevede la nascita di un comitato di consulenti e uno studio di fattibilità. «Desideriamo riunire la politica e l’economia», conclude Jermann. Sempre con un obiettivo in mente, ovvero che Bienne torni a essere una città del futuro.

Urban Zéro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

COMMENTI
 
andrea28 1 mese fa su tio
Un funivia che collega Como-confine con Lugano-Grancia, Idem con PonteTresa-Lugano: veloce da costruire, efficace e meno costosa di nuove autostrade.
IaM 1 mese fa su tio
Ti piace di più un lago al naturale (per esempio un lago di montagna o in Alaska) o quello di Lugano? O quello di Bienne? Risposta ovvia, un bel lago naturale privo di costruzioni edificazioni ecc è decisamente più bello! Se tu questo lago lo guardi nel paesaggio fa pietà. Ogni lago diventerà così. Poi si dirà :-"eh ma i la rovinò, guarda sti foto del 1950 che bei, ghera domà ol lagh senza tut sti strus.... Ma per gli incassi e i tornaconti questo è un costruire verde!
Viperus 1 mese fa su tio
Progetto geniale.
dinci 1 mese fa su tio
Verdi fuori e rossi dentro: non mi piace
Pensopositivo 1 mese fa su tio
Certo sono più creativi ... Tu resta con i tuoi pregiudizi , perdinci...
Princi 1 mese fa su tio
e chi ci va a Bienne !!!???
Lux Von Alchemy 1 mese fa su tio
Scelte colte ed intelligenti a nord.
zuccolon 1 mese fa su tio
Ticino rimane a guardare
dan007 1 mese fa su tio
E Che siamo A Genova così la gente può guardare in casa della Gente che abita piani alti
Manang1404 1 mese fa su tio
a genova stanno per smantellare la sopraelevata, faranno un tunnel
NOTIZIE PIÙ LETTE