Immobili
Veicoli

LifestyleAnche in Svizzera dobbiamo consumare meno acqua?

01.03.22 - 11:00
La penuria d’acqua non è un problema rilevante in Svizzera.
GettyImages
Anche in Svizzera dobbiamo consumare meno acqua?
La penuria d’acqua non è un problema rilevante in Svizzera.
Dobbiamo comunque consumarne meno? Sì, ma ci sono delle eccezioni.

Consumo di acqua

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

La Svizzera è la riserva d’acqua d’Europa: l’acqua zampilla senza sosta dalle sorgenti e solo nelle estati veramente torride, come ad esempio quella del 2018, la penuria d’acqua diventa un problema. A un primo sguardo, impegnarsi per consumare meno acqua nel nostro Paese può sembrare inutile.

Inoltre, il consumo di acqua in Svizzera è diminuito negli ultimi anni: se nel 1970 il consumo pro-capite ammontava a 500 litri al giorno (inclusa l’industria e l’agricoltura), oggi siamo solo a 300 litri. Se non calcoliamo l’agricoltura e l’industria, al giorno d’oggi ognuno di noi consuma ogni giorno 143 litri d’acqua.

Occorre inoltre considerare che una stagnazione nelle condutture sarebbe controproducente: nell’acqua stagnante si formano i germi. L’acqua del rubinetto deve quindi scorrere regolarmente e dopo essere stati in vacanza sarebbe meglio lasciarla scorrere per un po’ e utilizzarla dapprima ad esempio per innaffiare le piante.

Consumo nascosto di acqua

Al consumo appartiene anche la cosiddetta acqua «virtuale»: la produzione di una t-shirt necessita ad esempio di circa 2000 litri d’acqua. La produzione di un PC richiede circa 20 000 litri e un chilogrammo di avocado consuma 1000 litri. Oltre all’utilizzo materiale, gli svizzeri consumano giornalmente circa 4000 litri di acqua «virtuale».

E quindi perché dovremmo risparmiare acqua? Nell’acqua si nasconde tanta energia: l’acqua deve essere trasportata, pulita, distribuita e, a seconda della necessità, anche riscaldata. L’acqua calda necessita ad esempio di una quantità di energia 150 volte superiore rispetto all’acqua fredda. E dove c’è energia, spesso ci sono anche emissioni di CO2. Risparmiare acqua al momento giusto ha quindi senso da questo punto di vista. Grazie a questi dieci consigli potrete ridurre notevolmente il vostro consumo di acqua.

# 01 – Fare la doccia invece del bagno

Una vasca da bagno piena contiene fino a 250 litri d’acqua mentre la doccia ne consuma solo 15 litri al minuto. Con un doccione a risparmio idrico è possibile ridurre ulteriormente il consumo a soli 6 litri al minuto. Le docce fredde permettono di risparmiare elettricità e fanno meraviglie per la circolazione.

#02 – WC: dopo di me il diluvio?

Al giorno d’oggi, la maggior parte dei WC è equipaggiata con due tasti per lo sciacquone. Utilizzate il tasto grande solo quando la situazione lo richiede. Ancora migliori sono i WC che fanno scorrere l’acqua solo finché il tasto viene tenuto premuto o che dispongono di un tasto di stop.

#03 – Chiudere il rubinetto

Mentre ci laviamo i denti, ci laviamo le mani o ci rasiamo, non è necessario che l’acqua scorra costantemente. Sostituendo il classico miscelatore con un rompigetto a risparmio idrico, potrete ridurre ulteriormente il consumo di acqua.

#04 – Sostituire le guarnizioni

I rubinetti che perdono fanno sì che litri e litri d’acqua gocciolino inutilizzati nello scarico. Generalmente sostituire le guarnizioni è un’operazione piuttosto semplice e talvolta basta semplicemente pulirle o girarle.

#05 – Panni puliti

La lavatrice dovrebbe essere avviata solo a pieno carico ma mai troppo piena. Il programma a risparmio energetico è generalmente sufficiente per ottenere un bucato fresco e pulito. Questo programma (se disponibile) è generalmente migliore anche del programma breve. Il prelavaggio è uno spreco di energia: trattate le macchie ostinate prima del lavaggio con sapone da bucato o sapone di Marsiglia.

#06 – Piatti e posate

La lavastoviglie consuma meno acqua rispetto al lavaggio manuale. Se non avete una lavastoviglie, insaponate i piatti in una bacinella prima di sciacquarli sotto l’acqua corrente.

#07 – Frutta e verdura

Lavate frutta e verdura in una bacinella invece che sotto l’acqua corrente e utilizzatela poi per innaffiare le piante.

#08 – Far bollire l’acqua

Scaldare l’acqua consuma molta elettricità. Cercate quindi di scaldarne solo la quantità necessaria.

#09 – In giardino

Avete un giardino? Sistemate un barile per la raccolta dell’acqua piovana e utilizzatela per innaffiare le piante. Innaffiate solo le radici. Per un’innaffiatura regolare, è meglio utilizzare un classico tubo di gomma invece che un irrigatore.

#10 – Risparmiare acqua «virtuale»

Comprando meno prodotti, consumerete meno acqua «virtuale». Comprate prodotti locali: un pomodoro svizzero necessita di soli 20 litri d’acqua mentre ce ne vogliono dieci volte di più per un pomodoro «globale».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE #NOISIAMOILFUTURO