iStock
Fino a pochi decenni fa, la zucca era considerata un cibo per poveri o addirittura utilizzata per nutrire gli animali. Nel corso degli anni questa verdura è tuttavia riuscita a conquistarsi un posto in tutte le cucine e perfino nella haute cuisine. Volete saperne di più su questa verdura di stagione?
+3
#NOISIAMOILFUTURO
27.09.2020 - 12:000

Cinque fatti sulla verdura autunnale per eccellenza: la zucca

La stagione della zucca è iniziata! Scoprite di più su questa versatile verdura che in realtà è…una bacca

L’autunno dà il via alla stagione della zucca. Lo sapevate che la zucca dal punto di vista botanico appartiene alla famiglia delle bacche? E che ne esistono oltre mille varietà? E che bussando sulla scorza è possibile capire se la zucca è matura? In questo articolo abbiamo raccolto qualche fatto sorprendente sulla più famosa verdura autunnale.

 

1. Toc toc
Per molti alimenti è possibile utilizzare i cinque sensi per capire se sono maturi. Le zucche mature si riconoscono dal suono che fanno bussando sulla scorza: se il suono è vuoto e sordo, la zucca avrà un sapore migliore. Se non cede sotto una lieve pressione, allora è perfettamente matura.

 

2. Fa bene alla salute
La zucca è un’ottima fonte di vitamine, betacarotene, sali minerali come potassio, magnesio, calcio e ferro nonché sazianti fibre. Il betacarotene è un precursore della vitamina A, ha un effetto antiossidante e aiuta a combattere i radicali liberi. Il magnesio è essenziale per i nervi, i muscoli e il cuore nonché per lo sviluppo di un’ossatura solida. Anche il calcio è una sostanza essenziale per le ossa e i denti. Il ferro è responsabile del trasporto dell’ossigeno, del suo immagazzinamento nei muscoli e del buon funzionamento del metabolismo. Nonostante l’elevato contenuto di preziose sostanze nutritive, la zucca è povera di calorie e contiene solo 25 chilocalorie per 100 grammi.

I semi di zucca sono un ottimo spuntino salutare e contengono nettamente meno calorie della polpa di frutta. Gli acidi grassi omega 3 contenuti nei semi aiutano a diminuire la pressione sanguigna, hanno un effetto antiinfiammatorio e favoriscono il buon funzionamento del metabolismo.

 

3. Versatile
Fino a pochi decenni fa, la zucca era considerata un cibo per poveri o addirittura utilizzata per nutrire gli animali. Nel corso degli anni questa verdura è tuttavia riuscita a conquistarsi un posto in tutte le cucine e perfino nella haute cuisine. Come zuppa, torta o risotto, le possibilità di utilizzo della zucca sono numerosissime: può essere gustata anche cruda, grattugiata come le carote in un’insalata. Fun
Fact: in botanica, le zucche sono considerate bacche. Secondo la definizione, le bacche sono frutti i cui semi, proprio come nelle zucche, sono distribuiti liberamente nella polpa.

Esistono più di mille varietà di zucca. Alla stessa famiglia appartengono anche le zucche ornamentali che non sono commestibili. La sostanza amara detta cucurbitacina contenuta nelle zucche ornamentali può provocare nausea e mal di pancia. Alle nostre latitudini, le varietà più amate sono la butternut dall’aroma nocciolato, la speziata zucca moscata e la Hokkaido, particolarmente aromatica.
Le varietà dal sapore leggermente dolce sono molto apprezzate anche dai bambini che non necessariamente apprezzano sempre i cibi più salutari.

 

4. Sostenibile
La zucca svizzera offre attualmente un ecobilancio particolarmente buono. Nei prodotti regionali si nasconde una quantità nettamente minore di energia grigia rispetto alle merci importate. Esiste però un’eccezione: se frutta e verdura vengono coltivate in serre riscaldate, l’energia per il riscaldamento costituisce la maggior parte dell’energia grigia. In questo caso, l’ecobilancio di prodotti vegetali coltivati in Svizzera in serre riscaldate al di fuori della stagione naturale è peggiore di quello di prodotti coltivati in campo aperto nel sud dell’Europa fintanto che il trasporto avviene su strada. Il trasporto con i camion pesa meno sull’ecobilancio rispetto al riscaldamento delle serre. I consumatori attenti all’ambiente dovrebbero acquistare solo frutta e verdura regionali e soprattutto di stagione e coltivati in campo aperto. La stagione della zucca in Svizzera dura da agosto a febbraio.

 

5. Lunga conservabilità
Se conservate nel modo giusto, le zucche intere si conservano anche per molti mesi: basta immagazzinarle in un luogo fresco e asciutto. La zucca a pezzi può invece essere conservata in frigo e resta fresca, a seconda della varietà, da due a quattro giorni. I singoli pezzi possono essere sbollentati e congelati. La maggior parte delle varietà di zucca può essere conservata in congelatore fino a quattro mesi.

 

#NOISIAMOILFUTURO
Il movimento nazionale #NOISIAMOILFUTURO è sostenuto da rinomate imprese svizzere e da SvizzeraEnergia. L’obiettivo è invogliare la popolazione svizzera ad organizzare le proprie giornate in maniera più efficiente dal punto di vista energetico e ad impegnarsi attivamente per i temi dell’energia e della protezione del clima. In qualità di partner media, 20 Minuti sostiene #NOISIAMOILFUTURO con approfondimenti, reportage e quiz.

iStock
Guarda tutte le 7 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 17:38:26 | 91.208.130.85