foto lettore tio/20 minuti
Bellinzona
BELLINZONA
29.12.2017 - 15:270

Il Municipio torna sulla neve: «Ci vuole più efficienza»

Tra i correttivi proposti anche »il coinvolgimento di altri servizi come la protezione civile o ausiliari esterni, o disoccupati per lo sgombero dei marciapiedi»

BELLINZONA - Il Municipio di Bellinzona torna sul “problema neve” e lo fa rispondendo all’interpellanza presentata dalle consigliere comunali Mps Angelica Lepori-Sergi e Monica Soldini.

La spiegazione equivale a quella fornita in conferenza stampa il 19 dicembre, quando la popolazione era indignata per la presenza di ghiaccio a distanza di una settimana dalla nevicata ma, soprattutto, per l’impraticabilità dei marciapiedi.

Inizialmente viene ricordata la natura «fuori dalla norma» della prima nevicata dell’inverno. Dal punto di vista organizzativo «è stato impiegato lo stesso numero di mezzi, personale, assuntori esterni e sono stati usati protocolli di intervento così come erano attivati nei 13 quartieri prima dell’aggregazione, con le squadre esterne invariate senza nessun travaso di personale».

Un po’ di numeri - Il Municipio fornisce i dati della nevicata: 230 chilometri di strade e marciapiedi, 10’000 m3 di neve sgomberata, 100’000 chili di sale sparso tra il 10 e il 18 dicembre (pari alla scorta annuale della vecchia Bellinzona), 4’300 ore di lavoro investite, 120 operai impiegati in turni fino a 15 ore, 26 assuntori esterni, 40 mezzi mediamente impiegati durante il giorno e la notte, 25 chiamate ai pompieri per la messa in sicurezza di rami, alberi pericolanti, strutture e altro per circa 280 ore lavoro (senza contare quelli svolti dalla squadra dei giardinieri dei servizi urbani) e un costo presumibile dello sgombero neve di 250'000 franchi.

L’ammissione - Il Municipio, che «si rammarica per i disagi di questi giorni», ammette che «chiaramente, anche in un evento particolare come quanto accaduto, la città deve reagire con un’efficienza ben maggiore di quanto fatto». In particolar modo per quanto concerne lo sgombero della neve dai marciapiedi, «il parco veicoli della città ha rivelato i suoi limiti: attualmente con il numero dei nostri uomini e i mezzi non riusciamo a tenere il passo ed effettuare una pulizia efficace. Anche i silos del sale dovranno essere distribuiti in modo più capillare sul territorio, coscienti del fatto che l’attuale logistica dei magazzini comunali di Bellinzona non è più in grado di far fronte a eventi di simile portata».

Risposta alle critiche - La gestione di Bellinzona si toglie qualche sassolino dalla scarpa in merito alle critiche ricevute: «Lunedì sera gli operai non stavano partecipando all’aperitivo del Comune in Piazza del Sole, le lame delle cale rialzate durante alcuni passaggi erano di assuntori non facenti capo al Comune, oppure erano di assuntori del Comune che si trasferivano nella zona loro assegnata, gli operai hanno lavorato a turni anche di notte e non abbiamo messo in atto nessuna misura di risparmio».

I correttivi - La Città ha intenzione di istituire un gruppo di coordinamento e controllo in caso di eventi / pericoli naturali per casi straordinari (neve, riali, scoscendimenti, messa in sicurezza di versanti, frana Preonzo), perfezionare la linea di comando con una chiara struttura organizzativa dei servizi urbani con quattro aree geografiche (Bellinzona, Giubiasco, zona Sud e Nord), ridefinire le priorità di intervento sulla base di questa esperienza e adottare una comunicazione proattiva verso la popolazione in caso di eventi naturali.

Disoccupati a sgomberare i marciapiedi - Il Municipio si prefissa inoltre di migliorare la gestione del sistema tra i servizi urbani e gli appaltatori esterni. «Si impone pure una discussione sulla ripartizione dei compiti con il Cantone in particolare lungo le strade cantonali». Per limitare il numero di utenti delle strade, il Municipio valuterà «la gratuità dei trasporti pubblici in caso di nevicate straordinarie, la chiusura temporanea di tratti per urgenti lavori di sgombero neve e il coinvolgimento di altri servizi come la protezione civile o ausiliari esterni, o disoccupati per lo sgombero dei marciapiedi».

3 sett fa Lezione imparata, la neve non coglie impreparata la Capitale
1 mese fa «Un’ora da Arbedo a Bellinzona»
1 mese fa Dopo una settimana ancora ghiaccio sulle strade. Il Municipio risponde
Commenti
 
Tato50 2 sett fa su tio
Alessio Empathy !!!!!!!! La signora di Gnosca in 32 anni che abita li non ha mai visto un porcheria del genere. Scuole chiuse, gente rimasta a casa, servizi di trasporto pubblici assenti. Ha cominciato a nevicare la sera del 10.12 e con la calla neve sono passati il 12. dicembre alle 15.00. La calla rotta è stata fornita dalla Grande Bellinzona, un baracchino che con 5 cm di neve si bloccava. Ai tempi delle grandi nevicate non 'cerano i disoccupati e nemmeno certi mezzi per scrivere cretinate senza essere toccato dal problema.
Alessio Empathy 2 sett fa su fb
Alla signora di Gnosca il municipio avrebbe risposto: "quando abbiamo finito negli altri quartieri arriviamo con la cala" Ah, lo spazzaneve era rotto. Ai tempi delle grandi nevicate, se eri disoccupato, il municipio ti telefonava e ti presentavi per spalare.
Gennarino Cat 2 sett fa su fb
Eppure ad aumentarsi gli stipendi di oltre il 150 % sono stati super efficienti !
vulpus 2 sett fa su tio
Tutti possono collaborare, anche i singoli cittadini: ognuno pulisce il proprio pezzo di marciapiede davanti a casa, come si faceva ...50 anni fa. Ma il problema è un altro.Come qualcuno ha già evidenziato, a cosa serve snocciolare tanti numeri?Purtroppo è uno dei tanti, anzi dei primi problemi, che non si risolveranno, creati dalla mega aggregazione .Inutile che il sindaco si nasconda dietro ad un dito.Non esiste l'organizzazione e la testa per gestire un territorio di queste dimensioni: solo l'ambire alle famose cadreghe. Gli appalti agli esterni ,possono solo funzionare se questi esterni fanno voto di completa fedeltà alla città, rinunciando a qualsiasi altro incarico. Ma chi la fa?? Ma la questione mentalità affiora ancor più nelle considerazioni: si continua a parlare della città, ma in tutti gli altri ex comuni ,( che qualcuno stenta definirli quartieri), la situazione non è assolutamente migliore.Negli ex comuni, gli operai operavano con altri stimoli,con una punta di orgoglio per rendere il tutto praticabile in poco tempo. Ora invece più nessuno sa cos aspettarsi.
Toni Toniman Sollami 2 sett fa su fb
Io credo che non sia una questione di organizzazzione😎 ma un livello basso di competenza😎😎
Roby Pio 2 sett fa su fb
ma che disoccupati… ci sono gli asilanti con lo smartphone che non fanno NU cazzo tutto il giorno. Non ne ho visto 1 ad aiutare… a già…! per il sindacuccio sinistroide gli asilanti non possono lavorare poverini…
Silvana Canonica 2 sett fa su fb
Esatto!!,!
Laurent Moser 2 sett fa su fb
Passate a cugnasco se volete ridere... ho parlato col sindaco di Lenzerheide mi ha detto che se era anche così da loro sarebbero partite le denuncie, raccomandate..
Marco Bottinelli 2 sett fa su fb
Ro Bi 2 sett fa su fb
Anche i migranti possono collaborare o no? 🤔
Toutmignon Toutmignon Leader 2 sett fa su fb
Nn
Romy Ribi 2 sett fa su fb
... oppure migranti che sono mantenuti i centri senza fare troppo?
Liana Alberti 2 sett fa su fb
Se uno deve uscire! Io stamattina zona semine i marciapiedi erano inagibili!
gigipippa 2 sett fa su tio
Chissà quando vi arriva la fattura !
Jj Cherryk 2 sett fa su fb
un idea su chi coinvolgere......
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Madonna, é inverno, un pò di pazienza no? Statevene a casa se non riuscite a camminare sui marciapiedi innevati.
Silvia Bottinelli 2 sett fa su fb
Cristina Botta arriverai anche tu alla mia età!!!
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Mia nonna metteva gli "antiscivolo" sotto le scarpe e camminava in strada come tutti gli altri, mai sentita reclamare una volta.
Silvia Bottinelli 2 sett fa su fb
sarà difficile mettere gli "anti scivoli" sui girelli....
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Non si deve sempre uscire per forza
Antonio Simich 2 sett fa su fb
Cristina Botta hai presente "lavorare"?
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Hai presente l'inverno? :D
Antonio Simich 2 sett fa su fb
Quindi d'inverno non devi uscire per forza a lavorare?
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Che domanda stupida, ovvio.che devi uscire. Infatti non mi risulta che ci sia stata gente dispersa sotto tre metri di neve o impedita a recarsi al lavoro.
Cristina Botta 2 sett fa su fb
E se si, eri proprio imbranato 😂
Pek Pol 2 sett fa su fb
Di cazzate ne ho lette, ma come questa....
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Non si finisce mai di imparare 😂
Micaela Rebozzi 2 sett fa su fb
Ci sono anziani, persone malate gestite nelle abitazioni e necessitano per le cure del caso di dirigersi all'esterno della propria abitazione! Mi scusi. Ma non la trovo per nulla una riflessione pertinente!
Cristina Botta 2 sett fa su fb
Nessun problema, é libera di pensarla come vuole 😊 dico che non ê mai morto nessuno per un pò di neve. Ringrazio chi, come qui proprio in questo momento, mentre noi dormiamo, è in giro a spargere sale per la nostra sicurezza.
tip75 2 sett fa su tio
duma ball
Alessandro Milani 2 sett fa su fb
Aggregazioni.uguale a na bela..marda
Filippo Vincenzo Guscetti 2 sett fa su fb
Votazione comunale in arrivo... *tremarella*
Rino Cantiello 2 sett fa su fb
Colpa delle fusioni, prima ogni comune si gestiva il suo paesello, ora con tutti i comuni raggruppati aumentando il territorio di competenza, non riescono a gestire manco il piazzale del proprio comune.
Romy Ribi 2 sett fa su fb
Ben detto, è proprio così e i servizi rifiuti peggiorano
Liliana Amadò 2 sett fa su fb
verissimo !!!
Aldo Mariotti 2 sett fa su fb
Fabiano Genetelli datti da fare NÈ
Alessandro Milani 2 sett fa su fb
Sempre peggio! Al posto di raddoppiarvii gli stipendi in municipio..una volta c'erano ausiliari, ecc che x qualche soldino in più sicuramente avrebbe fatto piacere! !
Luca Borromini 2 sett fa su fb
Avesse nevicato in Africa laggiù l'avrebbero sicuramente gestito meglio il problema
Toutmignon Toutmignon Leader 2 sett fa su fb
Grande
Potrebbe interessarti anche
Tags
municipio
marciapiedi
neve
bellinzona
esterni
servizi
sgombero
assuntori
comune
efficienza
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 22:16:17 | 91.208.130.87