Fotolia/Facebook
CANTONE
23.11.2017 - 06:450

La stretta di Berna contro i pirati: «Ormai abbiamo perso il web»

Fermare chi condivide file illegalmente per far rifiorire la cultura, la proposta dell'Esecutivo non dispiace nemmeno al Partito Pirata ticinese che rilancia: «Difficile sfida»

LUGANO - Misure «per rendere più efficace la lotta alla pirateria illegale su internet», quelle annunciate ieri dalla Confederazione e che saranno la base per la futura «revisione della legge sul diritto d'autore». L'obiettivo dichiarato è quello di porre un freno alla condivisione illegale di film, canzoni e giochi non penalizzando però chi li consuma, di modo che a trarne beneficio sia chi questi prodotti culturali li realizza.

Si tratta di un progetto, riporta Berna in una nota, figlio «del compromesso fra vari gruppi di interesse» e pare sufficientemente ragionevole da non dispiacere nemmeno... ai pirati stessi, come ci spiega Carlo Brancati, presidente del Partito Pirata della Svizzera Italiana e Growth Hacker.

Qual'è stata la vostra reazione al messaggio della Confederazione?

​Premetto che in una situazione di disinteresse totale da parte delle istituzioni di tutto il mondo sull'impatto del digitale sulle nostre vite, ogni volta che si prova a lavorare su questi temi si può solo esserne contenti. Vi stupirò, lo so, ma il Consiglio federale in realtà ha trovato un buon compromesso. Per esempio ci piace il fatto che venga tutelato l'uso personale (ricordo i casi di ragazzini arrestati perché in possesso di musica scaricata) ma ho paura che questo si andrà a scontrare con la realtà: come faranno le autorità a rintracciare chi condivide o ospita i file illegali quando fra crittografia e darkweb diventa sempre più difficile?

Non lo considerate un duro colpo al vostro cavallo di battaglia della libera condivisione?

Ormai è una questione un po' superata per noi, di questi tempi preferiamo concentrarci sulla tutela della privacy. Non dico che ce ne disinteressiamo ma è una battaglia persa. Oggi con iTunes, YouTube, Netflix e affini abbiamo perso il web: è diventato come un enorme palinsesto televisivo in mano ai colossi dell'hi-tech. Fateci caso: se prima facevamo zapping con il telecomando, ora passiamo da una piattaforma all'altra, abbiamo perso il piacere di esplorare il web, che era poi la grande scommessa di chi il web lo ha inventato. 

Come giustificate la pratica dello sharing/downloading rispetto al diritto d'autore?​ ​

Quando si parla di internet, tendo sempre a fare il parallelo con la realtà, ed esattamente come avviene nella vita di tutti giorni al bar, il passaparola è da sempre lo strumento di marketing più potente. Il fatto che le opere “girino” liberamente innesca proprio quel processo virtuoso del «Ehi, hai sentito questa traccia?» che non potrà mai passare esclusivamente da radio o tv. Ostacolandolo, si uccide l'underground, le opere più nascoste che poi sono (erano?) la grande opportunità del web. 

Commenti
 
87 1 mese fa su tio
La Confederazione vuole assumersi il ruolo di Davide contro Golia? La Storia ci insegna che col tempo viene vanificato ogni sforzo dello Stato contro i "pirati" (ocio, questi "pirati" condividono media audiovisivi, reato peggiore di intrusioni sui server bancari o disturbi ai semafori del Piano Viario Luganese o manipolazioni ai supercomputer del CERN). Fanno le regole, e i "pirati" trovano la scappatoia. Segno che gli esperti della Confederazione (in genere di ogni Stato) non sono stati "pirati" a loro volta, o se lo sono stati è passato troppo tempo da quell'epoca tecnologica. Il miglior poliziotto dovrebbe essere stato ladro. L'unica soluzione, efficace solo fino a un certo punto, sarebbe quella di chiudere ogni accesso alla Rete. Proposta: invece che investire (buttare) soldi contro la diffusione di media audiovisivi (musica, film) per cui sarebbero i le case produttrici a dovervi finanziare per questa lotta (ci guadagnano sopra bei soldini, che possono investire a propria difesa), _usate_ questo denaro per finanziare (mantenere) meglio le emittenti di radio e televisione per ridurre il canone radiotelevisivo a cifre più accettabili dalla popolazione di ogni ceto sociale. Il personale specialistico contro la pirateria informatica, servirà per aprire un ufficio interno alla Confederazione per la riscossione del canone e distribuzione agli emittenti, lasciando perdere aziende terze (Billag o Serafe o altre).
Frankeat 1 mese fa su tio
bla bla bla
Laura Bernasconi 1 mese fa su fb
Pirati di qua, pirati di lá e vorreste mettere più tecnologia comandata da programmi, comprese le famose automobili che viaggiano da sole ?????? 😂😂😂😂😂 quel giorno mi compro un cavallo !!!!!
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
web
berna
pirati
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 08:27:21 | 91.208.130.86