Keystone
CANTONE / SVIZZERA
17.11.2017 - 10:270

La fiscalità dei frontalieri nel primo viaggio all'estero di Cassis

Il consigliere federale ticinesesi recherà a Roma per incontrare il ministro degli esteri italiano Angelino Alfano

BERNA - Prima visita di lavoro oltre confine in qualità di consigliere federale per Ignazio Cassis: il neo ministro degli esteri si recherà a Roma martedì dove incontrerà il suo omologo italiano Angelino Alfano, con il quale affronterà tra l'altro lo spinoso problema della fiscalità dei frontalieri.

Cassis intende così «sottolineare (...) l'importanza che la Svizzera accorda all'Italia», indica in un comunicato odierno il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). L'obiettivo di questa visita sarà di fare il punto sulle relazioni bilaterali e sulle principali questioni di politica internazionale, sottolinea la nota.

I due ministri degli esteri affronteranno in particolare le questioni fiscali e finanziarie. Cassis si informerà sullo stato dei dossier riguardanti l'accesso al mercato italiano dei fornitori di servizi finanziari e l'imposizione dei lavoratori frontalieri.

Al centro dei colloqui vi sarà anche la collaborazione tra Svizzera e Italia in materia di politica migratoria: si farà in particolare il punto sulla situazione nel Mediterraneo e in Libia.

In agenda figurano pure le relazioni tra la Svizzera e l'Unione europea (Ue), la visione italiana del futuro dell'Ue e le sfide che quest'ultima dovrà affrontare. Cassis s'interesserà anche della presidenza italiana dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) nel 2018.

L'Italia è il quinto partner commerciale della Svizzera, con un volume di scambi commerciali pari a 34 miliardi di franchi nel 2016. Oggi sono circa 320'000 i cittadini italiani che vivono in Svizzera - si tratta della più grande comunità straniera nel Paese - e circa 70'000 i frontalieri che lavorano in Svizzera, per lo più in Ticino. Oltre 50'000 cittadini elvetici vivono in Italia. Gli stretti legami che uniscono la Svizzera e l'Italia trovano espressione negli incontri bilaterali organizzati periodicamente a vari livelli.

Con questa visita, Cassis rompe con la tradizione secondo la quale la destinazione del primo viaggio di lavoro all'estero di un nuovo consigliere federale è l'Austria. Quest'ultima è tuttavia in attesa di un nuovo governo dopo le elezioni del 15 ottobre vinte dal leader del Partito popolare austriaco (Övp), Sebastian Kurz.
 
 

Commenti
 
WGWG 1 mese fa su tio
Rimettere immediatamente il segreto bancario
Bleniese 2 mesi fa su tio
Evviva...forse nel 2024 avremo un accordo (naturalmente al 100% a nostro svantaggio).
Zico 2 mesi fa su tio
@Bleniese avremo un accordo che entrerà in vigore (se tutto va bene) nel 2030!
WGWG 2 mesi fa su tio
@Bleniese Rimettere immediatamente il segreto bancario e i contingenti
Pepperos 2 mesi fa su tio
Stia tranquillo Cassis ( Almeno è cosciente ) , il tutto verrà ridiscusso nel 2018 dopo le elezioni politiche italiane; poi si vedrà.
Danny50 2 mesi fa su tio
Si sentirà a casa. Vedremo se si farà infarinare come i suoi predecessori, burkalteeer in testa o se otterrà qualche zuccherino in cambio dei soliti soldoni in esubero per gli altri, a Bernalagenerosaconchivuoimanonconituoi.
limortaccituoi 2 mesi fa su tio
@Danny50 Credo che tu abbia letto troppi Mattini della Domenica...
Danny50 2 mesi fa su tio
@limortaccituoi Impossibile, esce uno la settimana e non sempre. Comunque il risultato ora é arrivato e il buon Ignazio a ricevuto un bel pesce in faccia, dal medesimo che aveva infarinato burkalteeeeeeeeer un mese fa.
Potrebbe interessarti anche
Tags
cassis
svizzera
italia
frontalieri
estero
viaggio
consigliere
consigliere federale
visita
fiscalità
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 10:12:39 | 91.208.130.87