Tipress
CANTONE
30.10.2017 - 09:540

«Gravi interferenze. Lo Stato impiega i dipendenti per altri scopi?»

Matteo Pronzini interpella nuovamente il Governo sulle «stranezze ed irregolarità» del DSS in merito al caso Argo 1

BELLINZONA - «I dipendenti e gli uffici dello Stato sono stati impiegati per scopi diversi da quelli che dovrebbero essere i loro?». A chiederlo, interpellando il Consiglio di Stato, è Matteo Pronzini che vuole chiarezza sul dipendente dell’Ufficio del sostegno sociale e dell'inserimento (USSI) che sarebbe stato impiegato per «indagare sulle informazioni in possesso di giornalisti e che avrebbe eseguito verifiche su una pensione di invalidità italiana».

«L’ultima di una serie di stranezze e irregolarità commesse da alti funzionari del DSS», commenta il deputato MPS - ricordando in particolare il caso della famosa “cena offerta” a Bormio e l'e-mail al centro della sospensione di un agente di sicurezza avvenuta la scorsa settimana - chiedendo quale fosse il ruolo effettivo del dipendente ausiliario dell’USSI e per quale motivo fosse in contatto con ex agenti dell’agenzia Argo 1.

Inoltre, precisando la gravità di un’eventuale interferenza da parte della politica nella libertà d’inchiesta giornalistica, Pronzini chiede al Governo se è stata avviata una verifica interna «per capire se il dipendente ausiliario o Renato Bernasconi - capo della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie - hanno indagato sulle informazioni in possesso dei giornalisti» e soprattutto, qualora risultasse vero, per quale motivo lo hanno fatto.

3 settimane fa «Quell'email è stata un'ingenuità»
4 settimane fa Argo 1: «Il Cantone è cosciente del messaggio trasmesso ai lavoratori?»
4 settimane fa Argo 1, i dipendenti «vittime due volte»
1 mese fa Argo 1, dubbi sulla sospensione dell’agente
Commenti
 
F/A-18 3 settimane fa su tio
State tutti tranquilli che tutta questa storia finirà come sono sempre finiti gli scandali in questo nostro ridente cantone e cioè sotto a cafonate di sabbia......, scommettiamo?
vulpus 3 settimane fa su tio
Che Beltraminelli dia le dimissioni oppure no , non cambia. È tutto il funzionariato, che ancora una volta dimostra la sua onnipotenza e incontrollabile attività. Certe responsabilità devono rimanere in mano ai politici. Ed è ora che questi non facciano più da paraculo a certi personaggi: bisogna avere il coraggio di fare i nomi . Nell'economia privata era a casa da molti mesi ( se non anni). Smettela di perdere tempo con questa faccenda.In una giornata si fà pulizia. Poi ci penserà l'autorità inquirente a sistemare le cose. Ma di principio queste persone non dovrebbero più avere accesso agli uffici.
Sarà 3 settimane fa su tio
@vulpus I funzionari hanno il potere che il capo dipartimento gli lascia, se il capo dipartimento è debole e non ha le idee in chiaro il potere se lo prendono, oppure sono costretti a prendere le decisioni che lui non prende. In ogni caso quel dipartimento non è mai stato disorganizzato come ora.
GI 3 settimane fa su tio
@Sarà Una cosa è sempre: cambiano i responsabili negli esecutivi....ma, generalmente non cambiano gli amministrativi.....quindi...
Sarà 3 settimane fa su tio
@GI I meriti vanno sempre ai capi dell'esecutivo, i demeriti sempre ai funzionari, ma di solito quando una squadra non funziona si cambia l'allenatore.
Foxdilollo78 3 settimane fa su tio
Non importa come si abbia ottenuto le informazioni, l'importante è averle! Peccato che le informazioni siano giunte in ritardo.
Gus 3 settimane fa su tio
Beltraminelli deve dimissionare! Poi si occupi di Facebook
Fran 3 settimane fa su tio
Tutti marci. Vogliamo le.dimissini di BeltraeternamenteSereno.
siska 3 settimane fa su tio
...dimenticavo....mai visto e vissuto un corpore così labile, mia opinione personale.
siska 3 settimane fa su tio
Che brutte storie e senza una risposta da parte di chi deve avere il coraggio di promuoverla e metterla in atto. Brutte persone che usano la propria posizione nascondendosi dietro la scrivania. Spero che questa storia porti nomi e cognomi perché trovo molto grave che siano sempre i cittadini/e a dover pagare il silenzio altrui.
ziopecora 3 settimane fa su tio
@siska fino a quando le persone vengono assunte per mera appartenenza politica, senza neppure un barlume di competenza, e con una idea dell'etica e dell'onestà tutta loro, non si può pretender nulla di più o di meglio.
siska 3 settimane fa su tio
@ziopecora Ciao ziopecora, perfettamente ragione! Ed il cantone ticino rappresenta tutto ciò. Tanti anni fa ero iscritta alla disoccupazione, ho voluto fare una prova, ( se mi fosse andava bene avrei accettato) ho inviato richiesta d'impiego + curriculum in qualità di centralinista/ricezionista e come pure quale inserviente nelle pulizie nei a vari uffici cantonali compreso gli uffici URC di Lugano morale della favola: URC-Lugano niente con risposta tipo siamo al completo e ci vuole concorso gli altri uffici dipartimentali nulla del nulla. Avranno fatto due conti: 1° non ero facente parte di nessun partito politico, 2° ero la signora nessuno alla quale gli é stata tolta l'opportunità di lavorare a maggior ragione in quanto la funzionaria di allora non vedeva l'ora di "sbattermi" fuori dalla disoccupazione. Morale della favola: ho trovato lavoro con le mie forze. Questo si chiama cantone ticino impregnato di una politica malata.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
stato
dipendenti
scopi
pronzini
dipendente
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-25 03:04:45 | 91.208.130.87