archivio TiPress
BELLINZONA
18.06.2017 - 15:120

«A quando una casa della cultura?»

Michela Delcò Petralli e co-firmatari hanno presentato una mozione per chiedere al Municipio di creare uno spazio comune di riferimento per eventi culturali non istituzionali

BELLINZONA - A Bellinzona «manca uno spazio comune di riferimento e di appoggio per chi intende proporre eventi culturali al di fuori dell’ambito classico e istituzionale». È quanto sostengono Michela Delcò Petralli e co-firmatari in una mozione presentata oggi al Municipio.

Nel documento vengono sottolineate «le difficoltà logistiche che si riscontrano per trovare un luogo dove riunirsi» nonché la mancanza di una struttura «alternativa»  al Teatro sociale, a Villa dei Cedri e ai castelli, location riservate ad eventi di «cultura omologata».

«Ora che Bellinzona è più grande - spiega Delcò Petralli - può permettersi di investire in una casa della cultura aperta ad ogni persona, che abbia un minimo di strutture fisse e sia sempre aperta, non solo per tutti quelli che operano nel campo delle arti ma anche per chi semplicemente vuole curiosare, usare, approfittare delle varie attività».

Commenti
 
miba 5 mesi fa su tio
Tranquilli,alcuni bellinzonesi (pochi e quadrati) reclamano per il rumore, per il carnevale, per le piscine comunali ecc ecc. Sarà sicuramente anche il turno della casa della cultura (cioè ricorsi in vista...)
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
cultura
casa
delcò petralli
petralli
bellinzona
eventi
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-23 06:23:56 | 91.208.130.87