archivio Tipress
LUGANO / ITALIA
13.09.2017 - 06:290

Processo Aemilia, condannato un commercialista ticinese

Confermata in appello la pena a cinque mesi di reclusione per reimpiego e frode fiscale

LUGANO / BOLOGNA - La Corte di appello di Bologna ha confermato la condanna a cinque mesi di reclusione nei confronti di Sergio Pezzati, il commercialista ticinese coinvolto nel maxi-processo di mafia Aemilia.

Lo riferisce la RSI, sottolineando come l’ex dirigente del Lugano Calcio era stato condannato in primo grado per reimpiego e frode fiscale, venendo però assolto dall’aggravante di aver agevolato le organizzazioni mafiose. Secondo i giudici, Pezzati ha gestito la contabilità di alcune società fittizie con sede a Lugano, sfruttate dalla criminalità per frodare il fisco italiano.

Tags
ticinese
commercialista ticinese
aemilia
commercialista
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 20:09:40 | 91.208.130.87