CANTONE
04.04.2017 - 06:460

Decreto d'accusa per il dottor Rey

Il medico si è visto infliggere una pena di 120 aliquote e una multa di 3.000 franchi. Scagionata la clinica Sant'Anna

LUGANO - Nuovo capitolo nel caso Rey, il medico che l'8 luglio del 2014 amputò per sbaglio entrambi i seni ad una paziente ricoverata alla clinica Sant'Anna di Sorengo. 

L'errore commesso dal dottore è infatti sfociato in un (solo) decreto d'accusa che propone una pena pecuniaria di 120 aliquote (sospesa condizionalmente) e una multa di tremila franchi. Tuto Rossi, l'avvocato del medico, ha parlato di una «clamorosa marcia indietro» del Ministero Pubblico. Ma, come riportato dai quotidiani ticinesi, al dottor Piercarlo Rey questa decisione non soddisfa, tanto che, ritenendosi innocente, ha deciso di impugnarla.

Il caso, che sembrava chiuso, si riapre nuovamente e torna nelle mani di Paolo Bordoli che dovrà decidere se confermare o meno questo decreto d'accusa. 

La clinica Sant'Anna di Sorengo è stata per contro scagionata da ogni accusa.

1 anno fa Seni asportati per errore: «La clinica non ha responsabilità»
1 anno fa «Il dottor Rey non è più accreditato per svolgere attività medica al Sant'Anna»
1 anno fa Caso Rey, l'inchiesta è conclusa
1 anno fa «Piercarlo Rey opera ancora al Sant'Anna»
1 anno fa Caso Rey: «Un episodio di mesi fa già noto alle autorità»
1 anno fa Caso Rey: «Era presente in sala solo per dare sostegno morale»
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
accusa
decreto
rey
clinica sant
clinica sant anna
anna
sant anna
dottor
sant
decreto accusa
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-23 10:14:06 | 91.208.130.86