Fotolia
BERNA / CANTONE
29.12.2017 - 13:590

Morbillo di nuovo in aumento. Tra i focolai anche il Ticino

Secondo l'ultima newsletter dell'Ufficio federale della sanità pubblica, quest'anno sono stati segnalati 106 casi di morbillo. L'anno scorso il primo morto dal 2009

BERNA - Più di 100 persone hanno preso il morbillo in Svizzera quest'anno. Il dato è significativamente più alto rispetto agli anni precedenti.

«Abbiamo fallito nel nostro obiettivo: eliminare il morbillo entro il 2015», spiega Mark Witschi, responsabile della sezione Raccomandazioni di vaccinazione all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). «Siamo alla fine del percorso, ma gli ultimi metri sono i più difficili», aggiunge.

La Svizzera è ben determinata ad eliminare la malattia ed oggi vanta solo epidemie sporadiche.

Vaccinazione insufficiente - L'aumento dei casi registrati nel 2016 e nel 2017 ha costituito una tendenza al rialzo delle statistiche ufficiali. L'obiettivo in materia di vaccinazioni, però, non è stato ancora raggiunto: attualmente l'87% dei bambini di 2 anni e il 93% di quelli di 16 anni hanno ricevuto entrambe le dosi contro il morbillo. L'eliminazione di questa malattia comporta la vaccinazione di almeno il 95% di bambini e adulti nati dopo il 1963. 

E se la Confederazione non vuole rendere obbligatoria la vaccinazione, non potrebbe comunque farlo per mancanza di una base legale, dice Witschi. Tuttavia l'allontanamento temporaneo di bambini non vaccinati nelle scuole si è rivelato essere un buon modo per fermare il contagio. 

Nove cantoni focolai - Secondo l'ultima newsletter della FOPH, quest'anno sono stati segnalati 106 casi di morbillo. Undici focolai, rilevati in nove cantoni, rappresentano oltre i tre quarti della casistica (80%). I principali focolai si sono verificati nei cantoni di Grigioni, Ticino e Friborgo.

«I focolai sono in luoghi in cui molte persone non sono state vaccinate», spiega il responsabile dell'UFSP. «Posti come scuole e asili nido sono i luoghi dove il virus attecchisce meglio in presenza di bambini non vaccinati».

L'anno scorso, il 17% dei casi segnalati di morbillo ha richiesto il ricovero ospedaliero e il 6% era sfociato in polmonite. Inoltre, la malattia ha causato la morte per la prima volta dal 2009. Un giovane affetto da leucemia e altamente immunocompromesso è stato infettato dal morbillo ed è morto nonostante il vaccino.

Nel 2016, le statistiche riferivano di 70 pazienti con morbillo. Quasi la metà proveniva da due focolai. Nel 2015 erano stati identificati solo 30 casi, 20 nel 2014.

Potrebbe interessarti anche
Tags
morbillo
focolai
casi
vaccinazione
bambini
quest anno
malattia
cantoni
aumento
ticino
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 16:09:30 | 91.208.130.87