Tipress
CANTONE
11.12.2017 - 12:080

Le Officine resteranno in Ticino, nessun licenziamento

Il comparto attuale diventerà un parco tecnologico. L’investimento previsto è di 360 milioni di franchi. Firmata la dichiarazione d’intenti. «Saranno le officine più moderne d'Europa»

BELLINZONA - Ora è ufficiale: le Officine FFS di Bellinzona si preparano a un futuro trasloco in uno stabilimento industriale d’avanguardia da 100’000 metri quadri, restando in Ticino e senza prevedere licenziamenti. L'adeguamento del personale (da 400 a 230 circa) sarà attuato attraverso la fluttuazione naturale del personale. Si parla del 2026. Ma il Consiglio di Stato, la Città di Bellinzona e le FFS hanno firmato stamani la lettera d’intenti per il mantenimento della presenza industriale delle FFS al Sud delle Alpi, con un investimento di circa 360 milioni di franchi (di cui 120 saranno garantiti da Cantone e Città). È quanto annunciato poco fa a Bellinzona in una conferenza stampa a cui erano presenti le autorità cantonali (i consiglieri di Stato Christian Vitta e Claudio Zali), comunali (il sindaco di Bellinzona Mario Branda assieme al municipale Simone Gianini) e il Ceo di FFS Andreas Meyer.

Per la manutenzione dei treni più moderni - Qual è dunque la visione delle FFS per le Officine? «Vogliamo realizzare lo stabilimento più moderno d’Europa per la manutenzione dei nostri treni più moderni, tra cui il nuovo “Giruno”» ha assicurato Meyer. L’ubicazione dello stabilimento non è ancora stabilita, ma si troverà a nord di Bellinzona: «Si parla di Castione-Arbedo, Bodio oppure Biasca». Nella struttura ci saranno comunque circa 230 posti di lavoro. Per quanto riguarda la presenza industriale delle FFS in Ticino, la lettera d’intenti prevede inoltre una penale finanziaria in caso che l’azienda cambi idea.

Un parco tecnologico - Non si parla soltanto del nuovo stabilimento industriale d’avanguardia, ma anche del recupero del comparto attualmente sede delle Officine FFS (si tratta di circa 60’000 metri quadri che saranno ritirati da Città e Cantone, oltre ad altri spazi). Un comparto che sarà trasformato in un parco tecnologico con l’insediamento di diverse aziende e la creazione di centinaia di posti di lavoro in diversi settori, ha spiegato Vitta. Questo per rafforzare la competitività territoriale e la capacità innovativa del cantone. Ha parlato a più riprese di opportunità il consigliere di Stato Zali, direttore del Territorio, sottolineando che «per la prima volta in Ticino si ha la possibilità di pianificare da zero un ampio comparto in posizione strategica».
 
«Il Municipio scommette su questo progetto» - «Quello di oggi è un momento solenne, ma non ancora un momento di festa». Così il sindaco Branda, che si è detto soddisfatto della strada intrapresa. «È una buona soluzione che guarda nel futuro lontano, ma potremo parlare di festa quando saranno realizzati tutti gli impegni che abbiamo assunto con la firma della dichiarazione d’intenti». Il sindaco ha inoltre ricordato che lo sviluppo del settore tecnologico e della promozione industriale era «prevista nello studio aggregativo». E questo progetto è qualcosa «su cui il Municipio si sente di scommettere».

La reazione di Frizzo - Oggi però Gianni Frizzo, presidente dell’associazione Giù le mani dall’Officina, si dice deluso per la decisione di realizzare un nuovo stabilimento. «Erano stati presi accordi perché le attuali officine avessero una prospettiva futura, anche attraverso il centro di competenza, l’autonomia per orientarsi al mercato privato» ci ha detto. «Oggi si fa credere che queste prospettive non ci fossero, quando invece la manutenzione dei treni moderni si poteva prevedere anche nella sede attuale. Il fatto è che c’è la volontà di sviluppare in maniera diversa il comparto in questione. Ma perderemo posti di lavoro».

Un decennio dallo sciopero - Risale ormai a quasi dieci anni fa lo sciopero che nel 2008 aveva visto gli operai delle Officine incrociare le braccia per 33 giorni. Uno sciopero che aveva permesso di salvare i posti di lavoro, evitando anche il trasferimento dell’attività a Yverdon (a Bellinzona sarebbe rimasta soltanto la manutenzione dei carri merci).

1 mese fa Futuro delle Officine, MPS scettico
Commenti
 
nordico 1 mese fa su tio
In nessuna parte del mondo si pone un parco industriale/tecnologico in zona abitativa, ma - al contrario - si spostano le industrie fuori dall'abitato e si riconvertono queste aree in zone commerciali e pedonali, sicuramente più vivibili. Mi pare che qui ci sia da fare qualche "piccola correzione", per non trovarci domani di fronte a una "Fehlgeburt".
matteo2006 1 mese fa su tio
10 anni sprecati ecco il risultato! A quest'ora le officine potevano già essere da un pezzo a Castione fuori dal centro abitato, e iniziati i lavori per una nuova zona nell'attuale area delle officine. FFS in primis che alla stessa stregua di SSR non aveva pianificato un piano B 10 anni fa pensando solo allo smantellamento, poi lo sciopero ha portato a mantenere i posti si ma come dice bene Benji78 è stato un accanimento sul manterene questi posti ma senza valutare un reale futuro per queste persone mettendole davanti alla realtà ora dove alcuni inevitabilmente non verranno sostituiti. Ora vediamo di sprecare altro tempo, poi lamentiamoci che la fermata principale in ticino di Alptransit sarà a Lugano, che Bellinzona è morta, che non ci sono sbocchi, che perderemo posti di lavoro e quant'altro. Sarà che il ticino non è la Silicon Valley ma nemmeno lo crede, però di questo passo rimaniamo una bidon valley se non facciamo niente e restiamo a guardare o meglio ancora a buttare soldi e tempo in tante discussioni poco o nulla fruttuose.
Benji78 1 mese fa su tio
Inutile accanimento terapeutico, ma spero tanto di sbagliarmi. Il Vitta poi è un genio "Un comparto che sarà trasformato in un parco tecnologico con l’insediamento di diverse aziende e la creazione di centinaia di posti di lavoro in diversi settori". Qualcuno gli dia un pizzicotto.
Equalizer 1 mese fa su tio
@Benji78 Bravissimo, la "Ticino Valley" non è, e non sarà mai, la Silicon Valey o altro di simile, per solo abbozzare una tale idea si dovrebbero annullare la metà delle ordinanze della "grande" Bellinzona, poi drogare tutti i quelli all'interno delle palazzo delle Orsoline, a questo punto magari a qualcuno gli si apre la mente e inizia a delirare riguardo a liberalizzazioni, deregolamentazioni, sfruttamento verticale, vere opportunità di sviluppo esenti da nepotismo, e via di seguito. Ma forse mi sono drogato io, di troppa speranza.
matteo2006 1 mese fa su tio
Bene ottimo compromesso, alcuni posti non verranno mantenuti ma sicuramente in futuro ci sarà modo di far crescere il nuovo polo FUORI dal centro abitato di Bellinzona.
Bär 1 mese fa su tio
Altro spreco di denaro pubblico governo e città vergogna!
Tarok 1 mese fa su tio
se era una società privata era già chiusa danni....
Mauro Mantovani 1 mese fa su fb
Interessante
Potrebbe interessarti anche
Tags
bellinzona
ffs
officine
comparto
ticino
stabilimento
lavoro
manutenzione
intenti
posti
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 07:39:56 | 91.208.130.87