fotolia
CANTONE
05.07.2017 - 21:060

Violenza domestica: due casi al giorno. Così interviene la polizia

Allontanamento o arresto? Come vengono tutelate le vittime? E nel contesto migratorio cosa accade? Ecco le risposte

LUGANO - Sono ben 672 i reati di violenza domestica accertati dalla polizia nel solo 2016. Ben il 13% in più dell’anno precedente. Una situazione grave, questa, che ha spinto nel 2008 il Gran Consiglio ad istituire, laddove necessario, misure quali l'allontanamento e il divieto di rientro al domicilio per gli autori della violenza. 

I recenti femminicidi ad Ascona e Bellinzona sono, tuttavia, la dimostrazione di come queste misure non possano essere risolutive del problema e di quanto la tematica resti urgente. Anche per questo motivo il Governo, sempre nel 2008, aveva istituito la commissione di accompagnamento permanente in materia di violenza domestica con il compito di coadiuvare la Polizia cantonale ed elaborare proposte per migliorare il sostegno alle vittime, l'intervento sugli autori, l'informazione e la prevenzione. Il compito del poliziotti in questi interventi, insomma, è delicato e complesso. E difficile è valutare di volta in volta i casi, sempre diversi tra loro, prendendo le relative misure.

Ecco come si comporta un poliziotto in caso di violenza domestica

Prima di tutto separa i contendenti per garantire la loro incolumità, quindi verbalizza in ufficio sia l'autore che la vittima (quando possibile e dopo la visita medica), in seguito prende le misure atte a garantire la sicurezza della vittima.

Le misure che vengono adottate

Una di queste può essere l’allontanamento dell'autore. Questo avviene se crea un serio pericolo per l'incolumità fisica, psichica o sessuale di un membro della famiglia. Ma non solo. Viene segnalata alla Commissione tutoria regionale competente la presenza di minorenni che hanno assistito direttamente o indirettamente alle violenze, quindi si informa la vittima sulle possibilità di assistenza date dalla legge e l'autore sulle possibilità di sostegno offerte dall'Ufficio di patronato.

Così avviene l’allontanamento

La polizia chiede un recapito all'autore allontanato dal domicilio per procedere alla conferma della decisione di allontanamento da parte del Pretore. Alla vittima viene permesso il rientro al proprio domicilio o, qualora ciò non fosse possibile, presso una struttura protetta. Chi è colpito dalla misura dell'allontanamento,invece, non può più rientrare al proprio domicilio per 10 giorni.

Nei casi più gravi c'è l'arresto

L'autore può essere arrestato, trasferito in una strutture di cura e/o denunciato alla Magistratura. In quel caso un coordinatore del gruppo violenza domestica rimane in contatto con la vittima o l'autore per eventuali problemi o consigli.

Ecco chi si occupa della presa a carico di coloro che commettono violenza domestica

Il Ticino l'Ufficio di Patronato mette a loro disposizione uno spazio di ascolto, di confronto e di sostegno sociale. Questo servizio serve per prevenire gli atti di violenza verbale o fisica agiti all'interno delle mura domestiche.

E se la vittima di violenza ha dei ripensamenti...

La pattuglia di polizia valuta di volta in volta la gravità dell’episodio. Se esistono i presupporti, chiede all’ufficiale della Polizia cantonale di decidere d’ufficio e in modo formale l’allontanamento dell’autore di violenza. Con questa disposizione si cerca di evitare ulteriore violenza nell’ambito familiare e di tutelare le vittime con il principio: “chi picchia se ne va”. Nel periodo dell’allontanamento la persona colpita da questa misura non può rientrare al suo domicilio neppure se la persona che ha subito la violenza è d’accordo.

Nel contesto migratorio e/o di asilo ecco quali sono le tutele particolari in caso di interventi di questo tipo

Nell'ambito del matrimonio o, più in generale, della comunità familiare, il diritto del coniuge e dei figli al rilascio e alla proroga del permesso di dimora, può sussistere anche dopo lo scioglimento della comunità familiare se l'unione coniugale è durata almeno tre anni e l'integrazione è avvenuta con successo. In caso contrario è necessario adempiere a delle condizioni particolari (la/il coniuge dovrà invocare un grave motivo personale che renda necessario il prosieguo del soggiorno in Svizzera).

VIOLENZA DOMESTICA

Quando si parla di violenza domestica ci si riferisce a tutti i membri di una comunione domestica indipendentemente che siano coniugati, divorziati o conviventi. La nozione di violenza domestica comprende:

  • la violenza contro le donne e gli uomini nei rapporti di coppia e in situazioni di separazione;
  • la violenza contro i bambini e gli adolescenti nella famiglia;
  • la violenza dei figli nei confronti dei genitori;
  • la violenza tra fratelli e sorelle;
  • la violenza nei confronti degli anziani.

Ogni persona può segnalare una situazione di violenza alla Polizia o alla Magistratura:

  • Polizia cantonale (tel 117 o 112)
  • Ministero pubblico (tel 091 815 53 11)
  • Telefono Amico (tel 143)
Commenti
 
Carlo Aiele 6 mesi fa su fb
Se non ce guadagno chissene frega che si ammazzino tra di loro no????? È cosi.
elvicity 6 mesi fa su tio
Questo per dire che la polizia si è comportata correttamente nel caso di Bellinzona .. Ascona .. ?? poco confortante comunque.
Elena Maretti 6 mesi fa su fb
Silvia Lorenzi
Silvia Lorenzi 6 mesi fa su fb
Si, dovrebbe essere così, ma se leggi i commenti sotto, alla fine sembra che non applichino alla lettera. In ogni caso i morti ci sono stati...
Claudia Pizzi 6 mesi fa su fb
Tutto il mondo è paese. Basta violenza sulle donne. 😧
Clody Clo 6 mesi fa su fb
Diciamoci la verità,non essendoci una legge,non si può neanche tutelare le vittime,sveglia!
Kimberly Kohler 6 mesi fa su fb
Fate entrare il terzo mondo, diventerete terzo mondo. Il resto è blablabla.
Myriam Tognetti 6 mesi fa su fb
Il terzo mondo è qui da sempre....ma ben nascosto...!
Tati Past 6 mesi fa su fb
Kimberly Kohler conosci le statistiche di quanti svizzeri menano le mogli fidanzate ? Smettetela di mettere tutto sul piano razziale e nazionale perché la violenza non ha né etnie ne tantomeno confini ....
Tati Past 6 mesi fa su fb
Sai Roberta Condemi ha volte è più facile fare gli struzzi....mi piange il cuore. La violenza contro le donne è un fenomeno subdolo è ancora un tabù, è nascosto....non se ne parla abbastanza e si preferisce attaccarsi ai pretesti sono problemi di cultura ,nazionalità etc....ma NON è così!!!! L' educazione è uno dei fattori importanti e fintanto che si tentano scuse e si cercano pretesti e specchietti per allodole non si risolve niente!( per intenderci quando scrivono che è un problema del terzo mondo....)
Kimberly Kohler 6 mesi fa su fb
la violenza domestica c'è sempre stata, mariti che buttano la moglie dalla finestra o le svuotano il caricatore addosso decisamente meno. Semplicemente è tio che mescola le due cose per guadagnare click ed è più facile da affrontare che il discorso migratorio.
Tati Past 6 mesi fa su fb
Allora se c' è sempre stata va bene accettiamola da una sberla si va di solito ad un escalation... Ma che discorso è? No in effetti mogli che hanno fratture saldate fan meno notizia ,anche perché il caso della donna non è ancora finito stanno appurando e in effetti guarda un po' penso che il tema violenza domestica ci stia tutto a prescindere dalla nazionalità. Se non fosse finita così però tutto tranquillo, per lei è per i bambini tanto la violenza domestica c' è sempre stata! Complimenti ee beh alla stessa stregua pure lo stupro e l' omicidio il furto e la pedofilia....ci son sempre stati bel ragionamento!
Kimberly Kohler 6 mesi fa su fb
Tati Past non ho mai detto che bisogna accettare una cosa perchè c'è sempre stata, mi sta semplicemente mettendo le parole in bocca. Se mi posso permettere un consiglio, la sua rabbia non la risolverà sfogandosi con sconosciuti su Internet. Risolta quella, sarò volentieri a sua disposizione per discutere. Saluti.
Tati Past 6 mesi fa su fb
Io non sono arrabbiata rilegga il suo commenti e poi se ne parla.Io non metto le parole in bocca a nessuno e magari un consiglio lo potrei dare io a lei quando parla di violenza domestica dovrebbe condannarla a prescindere che si tratti di una semplice sberla oppure ad un femminicidio o alla violenza psicologica. Ma forse lei è forte ad interpretare gli sconosciuti su FB.buon proseguimento.
Kimberly Kohler 6 mesi fa su fb
Io condanno quello che mi pare e piace, comunque grazie per il consiglio. La mia interpretazione in effetti è che lei abbia capito male ciò che è scritto e che il suo tono di voce sia inutilmente arrabbiato.
Tati Past 6 mesi fa su fb
Un' altra lettrice esperta del web che sa chi è arrabbiato dallo scritto ma si condanni lo straniero è non condanni magari il vicino di casa ticinese che dà ogni tanto una qualche botta.." il tuono di voce..." pertanto si direbbe che stiamo chiacchierando mentre.....su dai si sente lo stridio delle unghie sui vetri :)
Christine Vedova Gianpietro Zappa 6 mesi fa su fb
Aspettano sempre il morto ...
Verena Tengattini 6 mesi fa su fb
Vero poi si muovono
tip75 6 mesi fa su tio
capirai ora dormiremo sonni tranquilli...in compenso intervengono per un sacco di motivi inutili con comportamenti anche fuori luogo..
Hanna Martinoli 6 mesi fa su fb
Non è così!!!!
Giulia Marianne Cavadini 6 mesi fa su fb
Perché non fare una notte di carcerazione preventiva in cui l'autore o presunto tale "sbolle" al fresco? Perché mi pare che nell'ultimo caso a Bellinzona la polizia sia intervenuta più di una volta ma senza concludere nulla, probabilmente in certi casi una sgridata non basta proprio...
Antonella Anto Pali 6 mesi fa su fb
Da me è intervenuta due volte e non ha fatto nulla la polizia e alla terza gli hanno trovato gli armi senza permesso e nulla, mio ex è stato sempre libero e tranquillo e noi sempre sotto paura, ma pur tropo la poliza la conoscono e gli credono a lui?? È giusto così secondo voi??
Verena Tengattini 6 mesi fa su fb
Nn ho parole visto stan sempre dalla stessa parte pure a me capitato e nn hanno fatto nulla
Monika Pasello 6 mesi fa su fb
Stessa barca antonella 16 anni ho passato cosi e io da svizzera ho dovuto lasciare il mio paese per la paura perche il mio ex ha il sedere parato da dire che lui è spagnolo 😢
Emiliana Pironaci 6 mesi fa su fb
Mi posso accodare?? Stessa cosa anche per me!!! E qui mi fermo non dico altro
Potrebbe interessarti anche
Tags
polizia
allontanamento
violenza domestica
autore
vittima
violenza
domicilio
misure
ufficio
casi
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 16:47:23 | 91.208.130.87