Fotolia
CANTONE
19.05.2017 - 08:020

Non si sopporta più nulla, è guerra tra vicini

Decine di lamentele a settimana. Dà fastidio tutto: dai bambini che giocano, al fumo del grill. L'associazione inquilini: «Fenomeno ciclico». Lo psicologo: «Società nevrotica»

LUGANO – «È un inferno. Da mesi la famiglia che vive sopra di me fa rumore a ogni orario. E nel weekend, con i bambini a casa, tutto degenera». La testimonianza è di una signora del Luganese, esasperata dai rapporti di vicinato. A nulla sembrano essere servite le segnalazioni al proprietario dello stabile. Nervi tesi anche in una palazzina di Bellinzona, dove una coppia di inquilini semina tensione a causa dell'accumulo di rifiuti sul pianerottolo. «È una situazione insostenibile – dice una donna residente nell'edificio – ci siamo rivolti, tutti insieme, alle autorità. Invano».

Rumori molesti – Sono sempre di più le diatribe che contrappongono un inquilino all'altro nella Svizzera italiana. Alla sezione italofona dell'Associazione svizzera inquilini arrivano decine di spunti a settimana. «Spesso ci si lamenta per i rumori – conferma la segretaria generale Valentina Vigezzi Colombo – è un fenomeno che si ripresenta ciclicamente. Danno fastidio le lavatrici fuori orario, la doccia, la gestione dell'immondizia».

Quattro stagioni – Ogni stagione ha il suo genere di lamentela. In estate la top ten delle “attività indigeste” è guidata dalla produzione di fumo da grill. «Si tratta di un classico – spiega Vigezzi Colombo – ma c'è anche chi si lamenta perché i bambini corrono nei cortili, o per le chiacchiere sul balcone. Personalmente ritengo che ci sia sempre meno tolleranza».

Mutamenti sociali – Secondo Luigi Gianini, psicoterapeuta, le ragioni di questa tendenza vanno ricercate nei profondi cambiamenti sociali che hanno contraddistinto gli ultimi decenni. «Il concetto di convivenza e di condivisione è ormai superato. Oggi c'è più individualismo. Non abbiamo più bisogno del prossimo per fare fronte ai nostri bisogni».

Desiderio di silenzio – Ci si sente autosufficienti, e non c’è più la necessità di comunicare. «Allo stesso tempo, viviamo in una società nevrotica, in cui non si sopporta più nulla. Quando rientriamo a casa dal lavoro, pretendiamo il silenzio assoluto. Ed è anche per questo che a volte ogni virgola si trasforma in un conflitto».

Mobilità – Gianini analizza il problema anche da altri punti di vista. E sottolinea come aumenti, sull'altro fronte, anche una marcata indifferenza da parte di alcune persone, insensibili alle esigenze del vicino. «Oggi si è centrati solo sui propri bisogni. L’idea di vicinato un tempo aveva un altro senso. Il collettivo veniva costruito lentamente. Adesso c'è una grande mobilità, che fa aumentare l'aspetto paranoico. Non si conosce più il proprio vicino di casa». Anche la crescente urbanizzazione ha il suo peso. «In alcuni contesti sfruttiamo il territorio al massimo, gli spazi sono talmente ristretti che ci si pestano i piedi a vicenda».

I doveri del padrone di casa – Ma cosa deve fare chi si trova ad avere problemi seri con una persona che vive nello stesso stabile? Vigezzi Colombo non ha dubbi. «È un dovere del padrone di casa ripristinare l'ordine. L'inquilino ha il diritto di esigere un intervento. Le maggiori difficoltà subentrano quando l'appartamento dell'inquilino con cui si ha un conflitto non appartiene alla stessa amministrazione. In quei casi, la faccenda può andare veramente per le lunghe».

Reclami a raffica – In alcune situazioni specifiche, in cui non si trova un accordo, il padrone di casa arriva addirittura a dare la disdetta a entrambi gli inquilini. In altre, invece, l'inquilino esige, e ottiene, uno sconto della pigione a causa dei disagi con cui è costretto a convivere. «Di certo le amministrazioni sono bombardate da reclami. Io consiglio sempre agli inquilini di cercare di risolvere la questione pacificamente. Purtroppo c'è chi arriva all'Ufficio di conciliazione o, addirittura, in Pretura».

Mediazione di vicinato – Gianini, infine, illustra un’alternativa. «Esistono figure professionali che si occupano in maniera mirata della “mediazione di vicinato”. Si tratta di un approccio che permette di affrontare il conflitto in un clima comunicativo rispettoso. E così si cerca di facilitare le parti a ricercare una soluzione che possa essere condivisa».

Cosa dà fastidio in estate? La top five 

1. Il fumo del grill in giardino
2. I bambini che gridano e corrono
3. La doccia a ora tarda
4. L’accumulo di immondizia
5. Le chiacchiere sul balcone

Commenti
 
Giovanii 6 mesi fa su tio
Il mio vicino(nanodagiardino) una sola volta si è permesso di chiedermi di abbassare il.volume della musica. Locarno Palazzo City via della pace 1a. (Chissà se leggerà anche lui)
Maurizio Roggero 6 mesi fa su fb
Neanche nei commenti dei post di FB vi tollerate e rispettate, figuriamoci come vicini 🙈 Eh si perché vedo gente che si schiera con la tolleranza e gente che si schiera con il rispetto, ma non hanno capito che una non può esistere senza l'altro!!
samarcanda 6 mesi fa su tio
della "giustizia" ticinese. A me ne hanno fatte di tutti i colori, ma, malgrado le denunce con tanto di prove al Ministero pubblico, non ho mai ottenuto giustizia. Feci sulla porta, insulti irripetibili, cauzione (non potevo uscire con l'auto), calunnie, truffe in perfetto accordo con l'amministrazione, minacce di botte, minacce di morte, corto circuito indotto apposta nel mio giorno di lavaggio: ero stata scaraventata per terra dal gran botto. Viva per caso, solo perché per pochi millimetri non avevo toccato la parte metallica. L'elettricista basito: qualcuno aveva collegato apposta il positivo al negativo della gettoniera! Nei verbali delle assemblee si diceva anche che secondo la polizia ero una donna da picchiare, da ammazzare! Le mie denunce insabbiate regolarmente. I folli si sono sempre messi d'accordo di farmi stalking. Dei vigliacchi che compiono questi atti, perché sanno che li possono fare. fra di loro, uno che lavora al Ministero pubblico, un altro per BancaStato, ammanicati vari. In Pretura per denunciare una truffa, mi sono vista scherzare anche da una giudice e presa in giro anche da un'altra. Avevano dovuto darmi ragione, ma poi, hanno fatto tali pressioni sul mio avvocato, che questi ha dovuto tirare i remi in barca e mi ha praticamente obbligata a conciliare. Una giudice voleva addirittura cambiare le leggi condominiali pur di darmi torto: non c'era riuscita e allora ha inventato un escamotage. Non le era andata bene e infine mi sono vista il mio avvocato girarmi le spalle di 360° (un giovanissimo legale). La "giustizia" ticinese fa schifo, è una fogna.
Graziella Gagliardi 6 mesi fa su fb
Ma la tolleranza non ve l'hanno insegnata...guai se vivreste in Italia!😅 😃....
Marco DP 6 mesi fa su fb
Anch'io avevo dei coinquilini psicolabili e sapevano reclamare su tutto e sempre con un'arroganza inverosimile. Poi per fortuna il problema è stato risolto drasticamente e durevolmente.
Allegra Spinona 6 mesi fa su fb
Io ne ho uno che alleva zanzare tigre nel suo maledetto orto, l altro che ha la giungla e ho L invasione dei ratti.....
Carmen Rivabella 6 mesi fa su fb
lucca?
Allegra Spinona 6 mesi fa su fb
Carmen Rivabella ahaha se potessi, al volo!!!😜😜😜
Carmen Rivabella 6 mesi fa su fb
si si si<<<<<<<<<¨
Carmen Rivabella 6 mesi fa su fb
pure noi abbiamo problemi con i vicini... gente che prende un cane e non se ne occupa minimamente, se avessero preso un peluche era meglio! li odio!!!
Silvana Blond 6 mesi fa su fb
Se è così denunciare Povero cane
Carmen Rivabella 6 mesi fa su fb
silvana, scusa, prima di risponderti ho guardato dove abiti e ho visto parigi... bello! purtroppo, se tu vivessi in ticino sapresti che le denunce qui si fanno, si fanno, si fanno... ma non ti da retta nessuno😤😤😤
Ale Prds 6 mesi fa su fb
Vivi e lascia vivere..inutile lamentarsi ,la vita è bella e unica lasciate perdere a la gente frustrata.. ci vuole vita non un cemeterio o chiesa,pure in chiesa si canta e da alegria ,armonia .
Lore62 6 mesi fa su tio
A quando "Un giorno di ordinaria follia".... XD Da homo sapiens a homo solitarius e assistitus
Allegra Spinona 6 mesi fa su fb
siamo in troppi in troppo poco spazio!
tirannosaurosex 6 mesi fa su tio
La maleducazione della gente non ha limiti. Non perché vivo in un palazzo devo sopportare urla schiamazzi e altri rumori da parte di altri inquilini! Paghiamo tutti lo stesso affitto e si pretende che tutti gli inquilini abbiano la stessa quiete, altrimenti si andrebbe a vivere nelle favelas in sud America dove tutto è permesso. Personalmente ho sempre vissuto in case singole, ma da due anni abito in una palazzina e posso constatare che non tutti sono rispettosi dei propri vicini e delle regole di base della buona educazione. Il problema forse è la cultura di certe famiglie che arrivando in Svizzera pensano di essere ancora nelle bidonville.
Elena Maccari Nuovo 6 mesi fa su fb
Io ho abitato ad Arbedo... Siamo sempre andati d'accordo .. Avevano bimbi e Siamo Stati uniti A tutt'oggi se vado a fare un giro nei casoni rinvanghiamo i bei tempi pur essendo passati anni e ora vivo in Italia ....qui è peggio Grazie Svizzeri 😘😘
Dog4life 6 mesi fa su tio
è saputo che ai ticinesi non è stato insegnato il significato di rispetto
RemusRogue 6 mesi fa su tio
@Dog4life Fortunato te che conosci tutti i ticinesi :P
RemusRogue 6 mesi fa su tio
@Dog4life e poi è risaputo che tutti i ticinesi generalizzano un casino :D ahahahaha
comp61 6 mesi fa su tio
@RemusRogue fortunato chi conosce qualche ticinese...
Paolo Bamundo 6 mesi fa su fb
"Società nevrotica"... come la si potrebbe descrivere meglio? Se vi dà fastidio il rumore della doccia o il fumo del barbecue avete due strade da prendere: una per lo studio dello psicologo o una per l'eremo.
Ros Di 6 mesi fa su fb
I ballerini non sono per niente considerati! Tanta pubblicità per sti due che valgono poco e niente, in primis Riccardo! Comunque vincerà la ragazza è già tutto scritto... questa edizione di Amici penso che sia la più schifosa di tutte !!!
UlVisin 6 mesi fa su tio
Secondo me sono le persone che non hanno più rispetto per la gente...
RemusRogue 6 mesi fa su tio
@UlVisin è vero e poi anche la gente non ha più rispetto per le persone :D
Kevin Maggett 6 mesi fa su fb
Rompicoglioni
Stefanie Soar 6 mesi fa su fb
L'intolleranza è una malattia sociale. Inumana.
Stefanie Soar 6 mesi fa su fb
Word.
Emanuela Dell'Avo 6 mesi fa su fb
😥
Biagio 6 mesi fa su tio
Purtroppo nella maggior parte dei casi, eccetto i rumori sporadici legati ad eventuali lavori o magari qualche cena rumorosa, la cosa è legata al livello culturale delle persone, dove per cultura intendo senso della realtà. Anche a me è capitato qualche rumore molesto, ed onestamente svegliarsi con la musica a manetta di zumba o non so cos'è alle 7 di mattina non è il massimo, ma per fortuna solo un paio di volte. Se la notte entro moto nell'atrio, e c'è la finestra dei vicini sopra, beh, spingerla è un atto doveroso e di educazione.
moma 6 mesi fa su tio
@Biagio Giusto, cultura della gente. Noi siamo stati educati a rispettare il prossimo. Dico bene, noi, intendo indigeni.
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
è ovvio, si scontrano gli intolleranti con i prepotenti , siamo sempre meno socievoli, rabbiosi
Mimi Anìs 6 mesi fa su fb
Non c'è più tolleranza ne tantomeno rispetto . Oggi, così.... purtroppo!!
Mimi Anìs 6 mesi fa su fb
Vero
Edy Guerra 6 mesi fa su fb
Chi reclama x bambini che giocano cerchino di ricordare che erano bambini anche loro ... magari più fortunati perché intorno alle loro abitazioni c erano prati e campi ...😄
Marusca Busacca-Buletti 6 mesi fa su fb
Sui bambini non sono d'accordo ma sui sacchi della spazzatura si!!! Brozzoni....
Andrei Rezzonico 6 mesi fa su fb
Il peggio è arrivare a casa e trovare la lavatrice occupata quando è il tuo turno !
Andrei Rezzonico 6 mesi fa su fb
Rompere le palle a chi lavoradi notte perche si fa la doccia quando torna a casa è veramente ridicolo
siska 6 mesi fa su tio
Sta un po ' nella "bilancia" interna alle persone saper che tu non puoi fare un gran casino quando più ti pare e fuori dagli orari poi però dall'altra parte ci deve essere più umanità e sensibilità. A me danno molto fastidio le persone prepotenti e maldicenti. Anni fa ho abitato per ca. 1 anno in una casa perfetta ma appena fuori l'abitazione ho incontrato persone veramente da schifo, cattiveria e maldicenza al limite del penale. Ho deciso di trasferirmi e fortunatamente non ho mai più trovato né conosciuto quanto sopra. A distanza danni mi é rimasto ancora un pessimo ricordo e disgusto per queste persone.
ladycore 6 mesi fa su tio
Avendo vissuto un paio d'anni in un palazzone di appartamenti sussidiati ho tollerato litigi sui pianerottoli, bambini urlanti sul marciapiede, terrazzo e piano superiore, tacchi a spillo della vicina a tarda ora, il vicino del piano superiore che tornava dal lavoro di barista alle 2 e si faceva la doccia....Daltronde ho vissuto anche momenti di convivialità con la famiglia turca del 3°piano, bevuto il caffà con la vecchietta dell'appartamento di fronte, oppure andavo a fare le punture sottocutanee al bisogno alla portinaia che mi offriva un liquore della sua regione. Ho assistito alla benedizione ortodossa dell'appartamento di una famiglia slava. Insomma sono stati 2-3 anni belli intensi. Ora sono contenta i avere una casa solo per me.
santo 6 mesi fa su tio
@ladycore esatto, sono dell'idea che: o si è disposti a tollerare, oppure ci si compra una bella casetta isolata. Non tutti possono comprarsi la casa, ma tutti possono tollerare nel limite delle leggi!!!
Maria Teresa Pezzati 6 mesi fa su fb
Abitavo in campagna il mattino presto il gallo cantava, si udivano i campanacci delle mucche, le campane suonavano , vivere e lasciar vivere. Perché non vivete a 2000m. li non vi disturba nessuno.🤔🤔🤔🤔🤔
Elia Smartis Passerini 6 mesi fa su fb
Tartini Danilo Con la nosa visina l'è sempro staia guèra! ahahahah
Tartini Danilo 6 mesi fa su fb
🤣🤣🤣🤣🤣
Iris Filisetti 6 mesi fa su fb
Vandali
Elia Smartis Passerini 6 mesi fa su fb
Giüsct inscì😂😂
Norma Gavazzini 6 mesi fa su fb
a quelli che dà fastidio tutto dovrebbero rinchiudersi in una campana di vetro
Valeria Verda 6 mesi fa su fb
Il rispetto e il buon senso ! Ci sono delle regole scritte ed altre non scritte dettate dal buon senso. Se tutti rispettassero la regola di non fare ciò che non vorresti sia fatto a te il mondo sarebbe un posto migliore.
Equalizer 6 mesi fa su tio
Il cambiamento è anche dovuto al fatto che oltre all'individualità, 20 anni fa arrivavi a casa alla sera ed eri stanco, oggi arrivi a casa alla sera sei stanco e stressato, questo su tanti individui ha un effetto deleterio, vedi scene di delirio negli stadi o sulle strade.
Lore62 6 mesi fa su tio
@Equalizer Manca lo sfogo, aumenta la frustrazione tartassati da multe e divieti, se vedi che un'altro si diverte, dà fastidio... ;-)
Mara Athena 6 mesi fa su fb
Purtroppo il buonsenso e l'educazione sono andati persi . Tolleranza anche , serve ed e corretta , ma i miei mi hanno insegnato prima l'educazione (non fare quello che non vorresti fosse fatto a te stesso). Quando di giorno si scendeva giocare in cortile si rispettava anche gli anziani che facevano la pennichella o qualcuno arriva a a rincorrerci con la scopa 😂 . Insomma vivi e lascia vivere é corretto ma usare educazione più buonsenso non guasta nessuno. Oggi é tutto dato è dovuto solo perché si paga ?! Triste .... d'altronde non ci si trova più comunicare o parlare "face to face". Sono felice essere nata nella "vecchia guardia" e con il battipanni 😂
Mariluz NeMa 6 mesi fa su fb
Pure io...a noi è stata insegnata l'educazione e il rispetto. Oggi invece tutto è dovuto...ma ....tutto torna! Poi si comprende! .....
Ila Pol 6 mesi fa su fb
Quella scopa me la ricordo bene😂! Approvo quel che hai detto 👍
Antonio Ippolito 6 mesi fa su fb
Al giorno d’oggi per la maggior parte ci si conosce quasi solo di vista con i propri vicini, soprattutto nelle città più grandi, quindi se capita l’occasione di scambiare qualche parola sulle scale o sul pianerottolo bisogna cogliere l’occasione di questa opportunità di dialogare, potrà magari affiorare qualche idea di promuovere un’iniziativa collettiva o comunque mantenendo dei buoni rapporti con i vicini si può avere la certezza di poter contare su di loro in caso di qualche situazione di emergenza o bisogno, senza approfittare della disponibilità degli altri ovviamente, possono nascere anche vere amicizie a volte, a volte no: se i nostri vicini sono tipi troppo diversi da noi per mentalità, educazione, abitudini ecc. teniamo i rapporti nei giusti limiti di cordialità per quieto vivere!!! Tolleranza: così come per ogni rapporto umano, anche quello tra vicini richiede un certo grado di tolleranza; vivere in condominio significa dover incontrare le esigenze di più persone, anche chi è diverso da noi. Impariamo a essere più tolleranti e a pensare che in fondo anche noi ogni tanto “sgarriamo” le regole. Quindi prima di litigare e lamentarci di ogni singolo rumore cerchiamo di vedere se si tratta di situazioni momentanee o invece di situazione che si ripetono nel tempo!!! Poi scopri che le uniche persone che ascoltano davvero entrambe le versioni durante una lite famigliare, sono i vicini. Siamo anche noi i vicini di casa di qualcun altro! non scordiamolo mai !!! Tutti diciamo d'amare l’umanità, ma non sopportiamo il vicino di sopra o di sotto!!! Cerchiamo di rispettare il nostro vicino di casa allo stesso modo di come vorremmo essere rispettati noi !!! Buon vicinato a tutti !!!
Elena Anelli 6 mesi fa su fb
Mondo difficile
Sandy Denning Tamborini 6 mesi fa su fb
Nicola Cozzatti 😂 a me devono solo provare a dire qualcosa che gli lancio le uova i cachi e gli sparo in casa🖕🏽
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Io sono stata minacciata perché il mio cucciolo di cane piangeva un po' di giorno 😞
Sandro Rennis 6 mesi fa su fb
Vero!
Enea Bofetti 6 mesi fa su fb
Non è questione di intolleranza....é questione di rispetto...se mi passi l aspirapolvere la domenica mattina alle 7.00 sei un coglione...se metti un cane in un appartamento dove c è altra gente e abbaia di continuo devi capire che rompi i coglioni agli altri...se lasci correre i bambini per casa e sotto abita gente sei uno che non ha rispetto... vivi e lascia vivere ci sta...ma pensa a non tirare troppo la corda ...le cose che a te non danno fastidio magari agli altri danno fastidio....e viceversa....la base è rispettare un po di più...non tollerare di più....
Gladys Jelmini 6 mesi fa su fb
Beh sì certo, ma guarda che anche i bambini non li puoi neanche legare...e non penso che giocano a calcio in casa...capisco molto bene il discorso educazione e lo condivido...però è pur vero che non abbiamo più un briciolo di sana tolleranza...
Enea Bofetti 6 mesi fa su fb
Certo i bambini non puoi legarli....ma puoi educarli....ben vengano al giorno d' oggi bambini ancora vispi e non "imbesuiti " davanti a schermi di telefonini tablet ecc....ma dopo lo sfogo il genitore interviene e li calma...o li porta fuori o li impegna in altri modi ( come ricordo faceva mia madre) ....il bambino chiaramente non ci arriva da solo...il genitore dovrebbe arrivarci ....ti racconto solo un piccolo fatto che mi è successo : ero al mare...lavorando tutto l anno le 4 misere settimane di vacanza vorrei anche godermele....ero al ristorante dell albergo...entra una madre col bambino che comincia a piangere e fare versi, lei si alza , chiede scusa,esce imbarazzata con il bambino e torna dopo avere fatto calmare il bambino....questo è rispetto....quello che oggi è cosa rara....capire che a te il tuo bambino non disturba...ma pensare che agli altri può dare fastidio....
Charlotte Queen 6 mesi fa su fb
Enea Bofetti ti auguro di non avere figli e animali in casa !
Enea Bofetti 6 mesi fa su fb
Charlotte Queen scusa ma non vedo il nesso.....
Enea Bofetti 6 mesi fa su fb
Io sono un po coerente e rispettoso...se abito in un appartamento so già che per rispetto degli altri non vado a prendere un cane che rompe le palle agli altri...lo prendo se la mia situazione lo permette e non crea problemi agli altri.. .uno che va a comprare un cane che poi abbaia tutto il giorno perché rimane solo chiuso in un appartamento per me è un coglione....e per quanto riguarda i bambini ho detto anche io ben vengano belli vispi...ma poi credo che il genitore ad un certo punto possa anche intervenire...se il genitore non riesce ad avere ancora un certo potere sui figli allora era meglio che comprava pesci rossi invece di procreare...
Kerol Do Nascimento 6 mesi fa su fb
Ho sentito di gente che si lamentava del gatto che scendeva dai mobili.. La cosa è fuori di testa.. Io posso capire se sono rumori molto forti, che durano ore e vengono fatti tutti i giorni.. Sennò no.
Ste Croce 6 mesi fa su fb
A mio avviso in tutto ci vuole tolleranza ma soprattutto RISPETTO. questa parola purtroppo viene sempre meno presa in considerazione. Quando leggo che i bambini sono un disturbo mi viene l orticaria . Il pianto di un bimbo è vita signori miei . Piuttosto mi soffermerei su altre problematiche ben più importanti. Se si abita in un condominio ci sono delle REGOLE alle quali ci si deve attenere. Anche se bisogna dire che , per mia esperienza , ho abitato in una casa dove al piano sopra al mio vi era una giovane che una sera si e una no faceva festini fino alle 4 del mattino con musica ad alto volume, schiamazzi, urla ecc ( con annessi danni ). Si chiama la polizia ma non possono fare nulla! Quello che voglio dire è che bisogna saper valutare cosa è DISTURBO o POCA TOLLERANZA. Ognuno nel proprio piccolo dovrebbe imparare le buone maniere di convivenza in spazi comuni!
Giordana Gio 6 mesi fa su fb
Non c'è più tolleranza .. ma è decaduto anche il rispetto . Un cane che si morde la coda.
Lore Berga 6 mesi fa su fb
Ma si, non sarà per le 8 ore lavorative al giorno.. io direi di aumentarle a 10 perché così la gente si rilassa di più mentre lavora. 😂
Thib Ghi 6 mesi fa su fb
E mentre fa ciò, mangia 2 volte al giorno la carne 😂
Lore Berga 6 mesi fa su fb
Mentre sta arrivando alla pensione la posticipano ancora. "80 anni e lavorare mi sembra più che normale" Allora per rilassarti un pochino passi direttamente al blue whale e ciao a tutti 😂
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Peccato che spesso e volentieri coloro che rompono le palle non lavorano nemmeno 😂😂😂
Gianluca Rugo 6 mesi fa su fb
È senz'altro colpa dei frontaGLIeri!!1!!1
Barbara Giantomaso 6 mesi fa su fb
Lol!!
Christian Delacroix 6 mesi fa su fb
Dipende dal tipo di fastidio che possono dare i vicini. A me è capitato in passato di sentire qualcuno che picchiava sul muro e gridava dicendomi di smettere di fare andare l'acqua, mentre facevo la doccia, alle 22.30 di sera... *_*
Caterina Borsetto 6 mesi fa su fb
Non lavarti. 😂😂
Christian Delacroix 6 mesi fa su fb
Caterina Borsetto Ovviamente devo puzzare! 😖
Gladys Jelmini 6 mesi fa su fb
Ecco questo è un caso dove il buon senso è andato decisamente a farsi benedire.
Christian Delacroix 6 mesi fa su fb
Gladys Jelmini Si, decisamente...
Libano Fredo 6 mesi fa su fb
40 anni fa , nei paesi questi problemi non esistevano, poi è arrivata la globalizzazione ……
Antonella-michele Patullo 6 mesi fa su fb
No no esistevano anche 40 anni fa credimi si dice una volta ma è uquale
Rosy Bariffi 6 mesi fa su fb
Beh che dire? Fermiamoci e respiriamo profondamente, i rumori (se non esagerati) son vitaaaaaaaaaaaa! Viviamola , ciaoo
Patrick Bongiorno 6 mesi fa su fb
Troppa gente é convinta che pagando un affitto si può permettere di fare quello che vuole... non è così! Ci sono delle semplici regole da rispettare se vuoi vivere un buon rapporto di vicinato. Altrimenti non sono gli altri a doversi cercare un posto isolato da tutti ma te stesso. L'importante a mio modesto parere è sempre essere educati e comunicare con gli altri. Il venirsi in contro è fondamentale in ogni tipo di rapporto, figuriamoci in dei condomini "popolosi"... Mentre contro arroganza e ignoranza purtroppo c'è poco da fare...
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Certo io in 3 anni che abito da sola non ho mai fatto mezzo rumore, prendo il cane e dopo una settimana mi rompono le palle con tanto di minacce.. bisogna anche essere tolleranti e cercare di capire gli altri..
Patrick Bongiorno 6 mesi fa su fb
Ma infatti quando parlo di venirsi in contro parlo di questo. Essere tolleranti l'uno verso l'altro altrimenti non si va da nessuna parte. 😉
Nicole Bresciani 6 mesi fa su fb
X fortuna nn era un nostro problema in quel di Gerra ♡
Patrick Bongiorno 6 mesi fa su fb
No per niente Nicole anzi... bellissimo nucleo! 😍
Luca Gulino 6 mesi fa su fb
Certi commenti, mettono la depressione. Siete tristi e non siete gli unici a lavorare.
Barbara Prestigiacomo 6 mesi fa su fb
Risate e bambini che giocano o neonati che piangono ma dove il problema?questo è vita signori .meno male che esiste c'è tanto di quel tempo per stare in silenzio che lamentarsi oggi è molto eccessivo
Claudia Pizzi 6 mesi fa su fb
Sacrosanto. ..poi prendono i tranquillanti...educazione ma anche Vita.
Caterina Borsetto 6 mesi fa su fb
Scommetto che quelli che dicono "non c'è più tolleranza" sono quelli che fanno dei "torti" ai vicini e si sentono la coscienza sporca 😏😂
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Ma lasciate vivere gli altri invece di rompere sempre per ogni cagata... se uno non può fare rumore di giorno siam messi male oppure certe persone dovrebbero trovarsi un lavoro o un'occupazione invece di rompere perché sentono di giorno i rumori... chi abita in un palazzo (me compresa) sa che non si può ottenere il silenzio assoluto, poi ovvio ci sono modi e modi ma purtroppo viviamo anche in un mondo di gente incivile. Ma le persone che si lamentano perché sentono cani o bambini far rumore di giorno è inammissibile... aprite le menti ogni tanto...
Jeani Dark 6 mesi fa su fb
Bravissimaaaaa!! :-) :-) :-) :-)
Jole Moser 6 mesi fa su fb
Manca il rispetto in tutto...rifiuti nei boschi...fermi con auto accesa e intenti col telefonino...x non parlate dove si portano pet ..carta e quant 'altro...uno schifo..
Monica Ca 6 mesi fa su fb
Monica Ca 6 mesi fa su fb
Carola Hildegard Franceschini 6 mesi fa su fb
Siamo fortunati , i nostri vicini sono super!
Noemi Oechslin 6 mesi fa su fb
Anche i nostri! 😃
Barbara Giantomaso 6 mesi fa su fb
Ed ecco perché io non potrei vivere in condominio o con dei vicini molto vicini.......
Antonella-michele Patullo 6 mesi fa su fb
Io vivo in condominio da sempre di proprietà piccolo con molto giardino i bambini i scorrazzano i grandi stanno assieme x chi non si scende in giardino si ha rispetto ci salutiamo tutti sappiamo i nostri spostamenti o un'amica che si ha costruito una casa x una siepe sono in causa è dispetti aaaaaaa
Barbara Giantomaso 6 mesi fa su fb
Il tuo é un caso RARO!
Ivan Tti 6 mesi fa su fb
Desi Muaz Muaz appunto di pio'fare tutto ma con rispetto e moderazione..a chi ha detto perche'non vanno a vivere in cima alle montagne che li ce tranquillita'rispondo ce anche chi lavora o perche non ci vanno loro cosi fanno tutto il casino che vogliono senza disturbare nessuno? evidenza di egoismo sempre a puntare il dito ci vuole rispetto..e forse i locatari dovrebbero anche fare una selezione quando affittano se e'uno stabile per famiglie con bambini cosa ci metti nell appartamento piccolo una persona anziana..mettici un giovane no...in quanto a parlare con certi vicini e'meglio lasciar perdere inizierebbe una guerra senza fine con certa gente.
Gladys Jelmini 6 mesi fa su fb
Concordo in pieno sul discorso selezione tra quartieri famigliari e non.
navy 6 mesi fa su tio
Potessi vivere in una baita in cima ad una qualche montagna con un qualche cane, lo farei subito. La gente è sempre più maleducata ed arrogante. Il buon senso è sconosciuto ai più e l'arroganza mista a supponenza un male diffusissimo!
Frankeat 6 mesi fa su tio
@navy Sperando che i cani non abbaino tutta la notte :-)
Libero pensatore 6 mesi fa su tio
Il fenomeno ga due dimensioni chiare: 1. In generale le persone sono meno educate e pensano soprattutto a se stessi e poi agli altri. L'empatia è una qualità diventata rarissima 2. Il livello di tolleranza è bassissimo, e anche questo è legato in parte all'eduxazione e alla mancanza di empatia. Ci sono persone che pretendono che i bambini non giochino o non piangano. Questo non è possibile. D'altra parte ci sono genitori i quali ritengono che i propri bambini possano fare sempre quello che vogliono. io penso che se si decide di vivere in un certo contesto (condominio, zone densamente abitate) bisogna accettare che ci sia meno tranquillità. Se uno vuole il silenzio assoluto è la tranquillità vada a vivere in un paesino, ce ne sono molti. Per assurdo ci sono persone che prendono casa sopra dei bar per spendere poco e poi si lamentano per i rumori.
Ludovica Longhi Groppi 6 mesi fa su fb
Non ci si sopporta più????? Non c'è mai stata tolleranza
Mauro Mantovani 6 mesi fa su fb
Non si può nemmeno fare gli arrosticini sul balcone con la carbonella che scattano le lamentele
Jole Moser 6 mesi fa su fb
Il balcone non e'fatto e fare arrosticini a grigliare si va in giardino
Mauro Mantovani 6 mesi fa su fb
Si così arriva il cane della vicina e se li mangia tutti
Barbara Prestigiacomo 6 mesi fa su fb
Perché gli viene voglia 😂😂😂😂
Mauro Mantovani 6 mesi fa su fb
Tati Past 6 mesi fa su fb
Non tutti hann9 il giardino.....Madonna mia non è che uno griglia arrosticini 24 ore su 24 365 giorni l' anno ma poi tutti santi pronti a scagliare le pietre...boh.per quanto riguarda i bambini ma voi avete saltato quella fase e siete diventati subito adulti( quelli che commentano negativamente) ? Dai mettiamolo tutti davanti alla TV, ma a a volume muto caso mai....
Liveidis Franco 6 mesi fa su fb
"Società nevrotica"....concordo pienamente per non dire altro
KilBill65 6 mesi fa su tio
Devo dire che sono molto tollerante!!....Pero' mi e' successo in passato di avere dei vicini (sopra di me) musicisti.....Suonavano circa 7, 8 ore al giorno (violino, contrabbasso) con tanto di zum zum, da trapanarti il cervello....Alla fine ho cambiato casa !!.....Non c'era verso......
shooter01 6 mesi fa su tio
Non abbiamo più bisogno del prossimo per fare fronte ai nostri bisogni. Mi è piaciuta molto questa frase e la quoto. Esatto. Il problema è che siamo troppi, la situazione contingente ci obbliga a condividere ( spazi, tempo, libertà) e questo è obsoleto, sbagliato e inadeguato. Comunque io ci aggiungerei una buona dose di ignoranza e cafoneria, Perché per arrecare meno fastidio al prossimo basta un po' di attenzione., E cito 2 esempi. Posteggiare in modo corretto l'autovettura nel proprio posteggio condominiale evita fastidi agli altri, specialmente se i posteggi sono stretti. "ma era per cinque minuti", denota cafoneria e menefreghismo. Cercare di evitare rumori continui e prolungati che infastidiscano è un bene per se stessi e per gli altri. Non fare al prossimo ciò che disturba te è una buona regola che gli ignoranti non riescono a comprendere.
Pamy Bernardi 6 mesi fa su fb
Anche i cani in certe strutture abitative non sono ammessi!! 😢 Tolleranza zero in sto benedetto mondo!! 😡
Prisca Moser 6 mesi fa su fb
Non è che non si sopporta più nulla, è che è venuto a mancare il rispetto delle buone regole tra vicini!!!
Gladys Jelmini 6 mesi fa su fb
Mah, un po' entrambe le cose...si è davvero molto più intolleranti, e concordo c'è anche molta gente maleducata...però diciamo che la nevrosi è abbastanza collettiva. Io penso che il buon senso non vada trascurato in nessun caso...
tip75 6 mesi fa su tio
più che società nevrotica io la chiamerei società di maleducati, sono due cose ben distinte
Pepperos 6 mesi fa su tio
C'è sempre il vagone del silenzio FFS!
Mert Özyalçin 6 mesi fa su fb
Ci si lamenta delle guerre nel mondo quando nemmeno con un vicino si riesce ad andare d'accordo 😄
Claudia Pizzi 6 mesi fa su fb
Giusto.😊
Mariluz NeMa 6 mesi fa su fb
Cosa ne dite del cane del vicino che abbaia tutto il giorno in giardino xche nessuno lo porta a spasso. O chi fa festa e a mezzanotte sono ancora in giardino a parlare e ridere a voce alta? Vivi la vita nel rispetto degli altri! Poi mi sta bene tutto!!!
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Scusa la domanda, ma di giorno non lavori?
Mariluz NeMa 6 mesi fa su fb
Si..ho uno studio nella stessa casa! E cmq ci sono persone anziane che sono a casa.🙄
Karma 6 mesi fa su tio
Io in estate devo dormire con le finestre chiuse, perché c'è un vicino che fa casino a qualsiasi orario, che sia giorno o notte lui parla ad alta voce, bimbo che gioca a pallone dopo le 23 di fuori..pur urlando giù non cambia! Non si sa proprio cosa fare in questi casi..quando la gente è maleducata e irrispettosa..
Paula Avila Lopes 6 mesi fa su fb
Felipe Giacomini Lopes
Veronica Chionne 6 mesi fa su fb
Bisogna però anche tener conto che (almeno, dove abito io) i bambini giocano anche fino alle 23 in strada, senza contare che c'è gente che alle 5 del giorno dopo va a lavorare..
Mary Baumgartner 6 mesi fa su fb
Si, e quando reclamavo sentivo: ma sono bambiiiniii. E io? Chi sono ??
Veronica Chionne 6 mesi fa su fb
Giustamente non hanno colpa i bambini, sta ai genitori tirarli in casa o comunque dir loro di tenere il volume della voce un più basso! 😡😡 l'altra sera ululavano!!
Sandro Rennis 6 mesi fa su fb
Io ne sarei felice! Meglio fuori che davanti alla tv
Veronica Chionne 6 mesi fa su fb
Sandro Rennis sì, ma teniamo conto che non perché siamo a sabato o in piena estate si può far casino fino a chissà che ora.. la gente non fa gli stesse orari dei bambini quando vanno a scuola.
Sandro Rennis 6 mesi fa su fb
Dopo le 22 no, prima non hai chance
Ismy Tiz Petrocchi 6 mesi fa su fb
Sono i genitori lì che non funzionano! Mia figlia 8 anni e mezzo anche in estate massimo 21.30 ma massimo è a nanna!
Veronica Chionne 6 mesi fa su fb
Sandro Rennis ma prima delle 22 ancora ci sta, uno sopporta.. hanno diritto (e dovere) di giocare, urlare e fare i matti, ma dopo.. ululare, arrampicarsi sul box delle bici non credo 😅
Ismy Tiz Petrocchi 6 mesi fa su fb
Veronica Chionne per me no, ripeto, mia figlia va a letto alle 20.30 sempre, in estate, in vacanza al mare eravamo gli unici che andavano in camera alle 21.30! Certo, gli altri prima delle 11 non uscivano, la nostra alle 8/8.30 sveglia come un grillo😂😂😂!!!! Secondo me sta ai genitori dare delle regole in base al bambino che ha....poi...ognuno faccio che vuole ci mancherebbe!
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Ismy Tiz Petrocchi Ma dai... almeno in vacanza un po' di elasticità che non c'è scuola il giorno dopo. Non siamo tutti uguale; ci sono quelli che amano vivere la sera e altri la mattina presto, importante e un po' di sano rispetto.
Mary Baumgartner 6 mesi fa su fb
Si, dipende sempre dove abiti, Sandro Rennis, se rimbomba tutto perchè sono in mezzo al prato anzichè nel posto a loro assegnato e fino le 24 quasi, non sono d'accordo
Claudia Pizzi 6 mesi fa su fb
Diciamo che la "tolleranza" non è molto in voga! !! Poi non so come mai ...ma dà sempre noia il rumore degli altri..
Ivan Tti 6 mesi fa su fb
la tolleranza ma anche l'educazione ed il rispetto sono diventate cosa rara...non vuol dire perche'io pago faccio wuello che voglio...allora se io pago e mi va di farla giu dslla finestra lo fsccio?no chiaro perche'ci sono delle regole e bisogna vivere rispettando gli altri c'e' gente che taglina erba alle 8 di domenica ganasa ubriaca in terrazxo fino alle 4 di mattina ti mette il grill sotto la finestra ti squote tappeti di sotto bambini lasciati incustoditi non a giocare ma a fare la gara a chi grida piu forte e chi piu ne ha piu ne metta...poi se reclami il rompicog..oni sei tu ...e'giusto tutto questo? non mi pare proprio.RISPETTA SE VUOI ESSERE RISPETTATO.
Claudia Pizzi 6 mesi fa su fb
..leggetevi Giovanni della Casa...poi ne riparliamo.
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Il rumore degli altri dipende della dose e dell'orario. Sono due estremi; gente che vuole divertirsi senza pensare agli altri tutta la settimana e gente che ama i cimiteri silenziosi. Esiste la via di mezzo.
Desi Muaz Muaz 6 mesi fa su fb
Quello della spazzatura sono d accordo! Ma bambini che corrono... grill... parlate nel bancone mi sembra esagerato! Qui tutti paghiamo affitto non solo chi non fa rumore... mica viviamo in un cimitero x stare sempre zitti! La gente si lamenta x tutto madonna ma vivetela sta vida rompi pa....
Campotaro Gianfranco 6 mesi fa su fb
Campotaro Gianfranco 6 mesi fa su fb
Hanno proprio rotto non sanno fare che rompere i c..... per stronzate ma se ne andassero i case per anziani o in cima a qualche montagna così stanno da soli e fanno vivere gli altri
Ivan Tti 6 mesi fa su fb
D accordo ma c"e' modo e modo pero".per il grill ci vuole tanto ad avvisare che stai per iniziare il grill chiudi la finestra?parlare in balcone ad alta voce con musica fino alle 3 del mattino quando ti devi alzare alle 6 x andare al lavoro mentre loro vanno a letto? bambini che giocano e'un conto ma gridare a squarciagola litigare piangere sotto le tue finestre? squotere i tappeti e pulire le spazzole gettando capelli di sotto quando tu hai la biancheria stesa fuori?si certo la vita va vissuta ma l'affitto lo paga anche chi subisce,ci sono delle regole e vanno rispettate ma l'educazione di questi tempi e'cosa rara.
Desi Muaz Muaz 6 mesi fa su fb
Appunto Campotaro Gianfranco... intanto gli altri si divertono e loro nervosi ahahahhahaah.... cmq sempre rispetto x gli altro ovvio nn ke la griglia la fai a mezzanotte o i bambini fanno casino fino all una ... xo i noiosi nn si possono lamentare se di pomeriggio c e casino i bimbi che corrono o i vicino che hanno ospiti a casa! Io sn d accordo ke fino le 10 in sett si puo far quel k si vuole nel week end ank fino a mezzanotte
Desi Muaz Muaz 6 mesi fa su fb
Ivan Tti certo qll della musica ti capisco fino le 3 nn e giusto x chi lavora e io nn parlo nemmeno di orari cosi tardi... io ho detto che fino le 10 si puo fare cio k si vuole dopo e ovvio k bisogna rispettare chi va a lavorare... xo c e gente che esagera troppo dai k perche sente bambini correre in una casa alle 8 di sera gia si lamenta qll nn lo accetto! Quello della biancheria fossi te andrei su a parlargli xk no nn e giusto
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Ivan Tti Concordo, quando un bambino viene educato senza la sensibilità che esiste anche un "vicinato da rispettare" e che il bambino non è un Re, crescendo nell' 'egoismo assoluto, ecco il risultato! Idem con carte e schifezze ovunque. il mondo è cambiato e progredisce ma non sempre nel verso giusto.
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Premetto che non ho un balcone, ma adesso se mi metto a fare una grigliata devo avvisare i vicini? E quando i vicini fumano sigarette e altro non mi devono avvisare? No ma qui stiamo degenerando.. se qualcuno vuole la tranquillità può anche andare in Val Colla.. ok i rumori dopo le 22, ma prima cosa vi lamentate a fare se x legge si può?!
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Jennifer GaTe hai ragione x le grigliate, ma maleducazione gratis e musica ad alto volume senza rispetto anche se è permesso fino alle 22 non direi che è giusto anche se permessa dalla legge. Si tratta di RISPETTO del prossimo. Se volete fare casino perché non andate voi in Val Colla???? da che mondo è mondo la buona educazione la fa da padrone e fa vivere in pace tutti. E che oggi fanno le case troppo vicine e certa gente diventa sempre più egoista e maleducata.
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
Prima di tutto io non faccio casino ma non spacco neanche le palle agli altri specie se la legge lo permette ;)
Desi Muaz Muaz 6 mesi fa su fb
Io l altro ggiorno nel mio palaxxo c era quello sopra k ascoltava musica altissimaaa... a me non dava fastidio dopo dipende da gente e gente... ai fustrati da fastidio tutto Jennifer GaTe ank tirar lo sciaqquone tardi a certa gente da fastidio
Jennifer GaTe 6 mesi fa su fb
La gente rompe le palle pure se uno si fa la doccia tardi... magari c'è gente che lavora a turni e invece di puzzare vorrebbe anche lavarsi..
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Desi Muaz Muaz Perché adesso a chi piace l'educazione minima le si da il nome di " frustrato"... questa è nuova!
Omar Baesso 6 mesi fa su fb
Ci state portando alla esasperazione
Flo Rian 6 mesi fa su fb
Al mio vicino di sopra non piace la nuova erba light😂😂
rojo22 6 mesi fa su tio
Da una parte non sopportiamo più nulla, dall'altra, un po' di educazione e di buon senso, permetterebbero di risolvere in modo pacifico buona parte dei problemi.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
casa
inquilini
inquilino
vicinato
bambini
padrone casa
grill
padrone
fumo grill
vigezzi colombo
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-19 00:14:54 | 91.208.130.87