foto tio.ch-20 min
BOSCO LUGANESE
17.02.2017 - 07:000

Ecco il ticinese che cammina sulle acque

Da anni, mari e laghi ghiacciati della Svezia sono meta di Beat Kilcher, appassionato di escursioni sul ghiaccio. E anche nel 2017 la spedizione si ripeterà

BOSCO LUGANESE – Quasi come nella Bibbia. Un ticinese che cammina sulle acque del lago e del mare. È Beat Kilcher, 67enne ingegnere elettromeccanico di Bosco Luganese, oggi in pensione, appassionato di piste ghiacciate. Da cinque anni a questa parte, la sua passione si è spinta all'estremo. Ora le sue mete sono il Mar Baltico e i tanti laghi della Svezia. In particolare quelli tra Göteborg e Stoccolma. Nel 2017, a metà febbraio, una nuova spedizione. «Sono un po' pazzo – ammette il 67enne –. Ogni giorno percorrerò tra i 50 e i 60 chilometri sul mare ghiacciato. Paura? I pericoli ci sono anche quando si circola in auto».

Tra fiordi e insenature – A spasso per i fiordi, tra insenature e scorci mozzafiato. Ai piedi, scarpe speciali e lame lunghe fino a 50 centimetri. «Ci si muove come nello skating, disciplina dello sci di fondo. Lo scorso anno avevo portato con me alcuni amici dal Ticino. Quest'anno ci saranno mio figlio e la sua amica. E poi ancora due tedeschi, un'inglese e una russa. È nata una bella comitiva, nel corso degli anni».

Bassa escursione termica – Il gruppo è seguito da una guida che conosce bene le caratteristiche del luogo. «La zona è talmente vasta che uno straniero rischia di perdersi. Ogni giorno, poi, cambiamo meta. Ci spostiamo con un pulmino e dormiamo in ostelli». Lo spessore dei ghiacci? Varia parecchio. «Si va dai 7-8 centimetri ai 40. Ci sono variazioni enormi. Le temperature sono comunque sempre attorno allo zero. A un certo punto arriva il sole. Ma l'escursione termica è così bassa che il ghiaccio non si scioglie».

Quando il ghiaccio cede – Possono, tuttavia, verificarsi grossi inconvenienti. E Kilcher ne è cosciente. «Capita raramente che il ghiaccio possa cedere. Anche per questo nel nostro zaino abbiamo tutti un sacco impermeabile che contiene vestiti asciutti. E soprattutto una corda di 20 metri e ganci di acciaio per riuscire poi a risalire dall'acqua in casi simili. A me per fortuna non è mai successo».

Carcasse e castori – Kilcher, che una ventina di anni fa aveva contributo alla nascita della pista di ghiaccio naturale di Bosco Luganese, oggi attrazione per famiglie e giovani, prosegue nel racconto dei suoi aneddoti. «Mi sono spesso imbattuto in carcasse di animali morti, rimaste congelate nel disperato tentativo di salvarsi. Così come in castori indaffarati nell'abbattere piante. È una regione molto selvaggia. E lo si percepisce da ogni angolatura. È anche piacevole incontrare un pescatore che ha appena fatto un buco nel ghiaccio e che cerca di portare a casa il pranzo. Momenti magici che solo una simile avventura ti può regalare».


 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
ghiaccio
bosco
luganese
kilcher
bosco luganese
ticinese
metà
acque
ULTIME NEWS Ticino
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-14 01:34:28 | 91.208.130.87