Fotolia
CANTONE
16.10.2016 - 11:150

Numeri scioccanti: un caso di pedofilia ogni due settimane in Ticino

«Per la prevenzione è stato fatto molto. Oggi c’è più sensibilità e per questo si scoprono più casi»

BELLINZONA - I dati sono agghiaccianti. Negli ultimi 15 anni, secondo le statistiche della Polizia, in Ticino sono stati accertati 438 casi di atti sessuali con fanciulli. Come riporta il Caffè, dal 2001 al 2015 mediamente ogni due settimane si è registrato un episodio. Gli anni più drammatici sono stati il 2008, con 47 casi, e il 2010, con 42.

Dal 2012 non sono mai stati superati i 30 casi, fatta eccezione per il 2015 quando ne sono stati registrati 32. Quest’anno da maggio ad oggi ci sono stati già tre arresti: un 35enne di Bellinzona, un monitore 31enne del Mendrisiotto e, notizia di questi ultimi giorni, un docente e municipale di Canobbio.

E quello che è più drammatico è che molti casi non vengono nemmeno alla luce. «Ricordo che fino a dieci anni fa la maggior parte delle vittime si portava nella tomba il terribile segreto - ha riferito la dottoressa Myriam Caranzano-Maitre, presidente della sezione Ticino dell’Associazione svizzera protezione infanzia (Aspi) al domenicale. «Il pedofilo è una persona molto abile, manipolatrice, rassicura le sue vittime, le fa sentire protette, non lascia segni, anche se si dovessero sottoporre i ragazzi ad esami medici soltanto sul 4% di loro si scoprirebbero delle tracce».

I progressi ci sono stati. «Per la prevenzione è stato fatto molto. Oggi c’è più sensibilità e per questo si scoprono più casi. Ma non sono aumentati, anzi a livello internazionale e svizzero ce n’è sempre di meno».

E alcuni accorgimento hanno reso gli ambienti di incontro e aggregazione più sicuri. Secondo quanto riporta Lucio Bizzini, psicologo romando ed esperto di problemi di pedofilia, «una studiosa inglese ha fatto lunghe ricerche e ha scoperto che inserendo negli ambienti a stretta connotazione maschile delle figure femminili spesso diminuisce il potenziale di rischio. Altra misura utile è coinvolgere dei genitori nei campi di allenamento, quando ragazzi e monitore stanno via da casa una settimana».

Anche il Ticino si è mosso e per le associazioni e federazioni sportive sono stati messi a disposizione tre i livelli di formazione.

Commenti
 
moonie 1 anno fa su tio
quello che più dei pedofili mi sconcerta, è chi dovrebbe lottare contro di loro e rendergli 1. impossibile lavorare-avvicinare bambini e 2. fargli passare la voglia, internamento, castrazione, non m'importa cosa, seppure essi stessi sono vittime. ma da qualche parte bisogna iniziare. E invece? invece leggo su la regione che non è stato fatto NIENTE DI NIENTE nelle società sportive e altri enti che gestiscono centinaia di bambini. dopo il caso bomio e l'altro recente monitore sportivo, che cosa si aspetta ancora a fare un bell'esame psichiatrico a tutti gli operatori che lavorano a strettissimo contatto con i bambini? dovrebbe essere obbligatorio. E poi con cosa se ne escono? Si stanno TESTANDO strutture dove quei pedofili che lo richiedono, trovano aiuto per gestire queste pulsioni prima di fare male ad un bambino. ora io dico ma siamo veramente dementi o i pedofili li amate, coltivate e foraggiate di carne fresca deliberatamente? mi spiegate in cosa consiste far testare ai pedofili le proprie pulsioni? cioè li mettete come dietro una vetrata o senza con i bambini e vedete che succede? quindi secondo questi disgraziati bisogna arrivare alla formazione dei pedofili nel controllo delle loro pulsioni? ditemi che non è vero, qualcuno mi spieghi e qualcun altro mi dica come si fa a non pensare di farsi giustizia da se? in Italia un padre recentemente l'ha fatto, si è fatto giustizia da solo verso il pedofilo che aveva molestato il figlio e che era tornato allegramente in libertà. ecco, qua ci portate, infami.
SosPettOso 1 anno fa su tio
Dal 1° gennaio 2o12 questi reati sono imprescrittibili e con la nuova sensibilità sociale sull'argomento si recupera il "lavoro" arretrato....
moonie 1 anno fa su tio
@SosPettOso sai che ce ne fanno i bambini vittime di abuso dell'imprescrittibilità se poi le pene sono ridicole e della sensibilità sociale se chi dovrebbe difendere i bambini pensa di poter formare i pedofili affinché riescano a tenere sotto controllo i propri impulsi davanti ai bambini? ma ti rendi conto? ancora non mi riesco a togliere la vergogna di essermi trovata a dover votare affinché i pedofili non lavorino a stretto contatto con i bambini. la mia sensibilità sociale li metterebbe tutti al muro
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Kriminalità di importazione?...
mambo 1 anno fa su tio
Giustizia o non giustizia .......i bambini NON DEVONO ESSERE ABUSATI ! PUNTO
Frittella72 1 anno fa su tio
È ora di finirla con le pene RIDICOLE che questi mostri ricevono nel nostro Paese.VERGOGNA alla nostra legge, ai nostri magistrati e avvocati senza scrupoli e coscienza!!!!spiegatemi come devono fare i genitori a dire ai propri figli di avere rispetto e fiducia nella magistratura e nelle leggi quando sono proprio loro le prime a non avere rispetto dei bambini. Teste benpensanti dicono che i bambini sono il bene più prezioso e che sono da proteggere sempre...ALLORA FATELO!!!!!Al giorno d'oggi si fa molta prevenzione e i bambini sono molto ricettivi ma ora tocca ai capoccioni a cambiare le leggi e far sì che ogni bambino abusato abbia giustizia con la G maiuscola!!!!!Alcuni "esperti" dicono che i bambini che hanno subito abusi non importa la pena che verrà inflitta al mostro.... ebbene assicuro che invece a loro importa eccome e non riescono a capire come mai la nostra legge possa essere tanto ottusa !!!!!!
mambo 1 anno fa su tio
C"e ancora la giustizia ? se toccassero uno dei miei figli o nipoti altro che giustiziere della notte !!!!!!!!!!
Matto04 1 anno fa su tio
Appunto. E visto che, terminato il suo corso, la giustizia ... non giustizia in modo proporzionale, questo crea il forte pericolo che prima o poi ci sarà chi fa giustizia da sè. Non è accettabile che un pedofilo, che rovina più vite, riceva al massimo 3-4 anni ... quando ne riceve tanti ;( ... e se poi contiamo la condizionale, il pentimento e la buona condotta in carcere ... dopo 1 anno e mezzo é ancora in giro libero come l'aria. No, mi spiace, non chiamiamola giustizia per favore.
Antares46 1 anno fa su tio
Per tutti i reati sessuali introdurre la castrazione. Lasciamo poi decidere ai giudici se la castrazione debba essere fisica o chimica a dipendenza della gravità del reato!
Numeri primi 1 anno fa su tio
Hai ragione, ma noi non siamo i giustizieri della notte e pertanto è la magistratura che deve prima fare il suo corso e se lo fa bene questi "esseri" non dovrebbero più circolare!!!
mambo 1 anno fa su tio
Vero fuori i nomi ...........e non chiamatele bestie perché le bestie non fanno quelle porcate !!!!!!
gabola 1 anno fa su tio
nomi....vogliamo i nomi...escrementi di persone!
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
casi
ticino
ogni due
due settimane
ogni due settimane
pedofilia
settimane
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 08:29:39 | 91.208.130.87