CANTONE
28.04.2015 - 16:310

Per un contratto collettivo di lavoro per i giornalisti

BELLINZONA - Syndicom chiede fortemente un contratto collettivo di lavoro per i giornalisti, “gli editori devono chiedersi quale livello di qualità vogliono: è in gioco la loro credibilità e quella dei loro prodotti”.

Il sindacato dei media e della comunicazione ha accolto con piacere “l’intervento della consigliera federale Doris Leuthard che ha ribadito quanto richiesto da tempo da syndicom e ha sottolineato l’importanza di questa rivendicazione”.

Al contrario viene condannata la dichiarazione del presidente degli editori Hanspeter Lebrument che considera insensato un CCL di settore e dice di non aver mai ricevuto richieste per aprire una trattativa.

Syndicom ha quindi deciso di invitare gli editori ticinesi davanti al tavolo delle trattative con l’obiettivo di far cessare questo “inaccettabile vuoto contrattuale che dura ormai da più di dieci anni”.  Il sindacato promuove un’azione di protesta volta a tempestare di e-mail ([email protected]) e di telefonate (081 255.55.26) il sig. Lebrument per ribadire “che le giornaliste e i giornalisti del Ticino rivendicano un contratto collettivo di lavoro”.

La regolamentazione delle condizioni di lavoro dei giornalisti “è una tematica che deve essere affrontata con priorità assoluta. Stiamo parlando di servizio pubblico, di libertà di espressione e di opinione; elementi fondamentali di una società civile e moderna. Solamente con condizioni di lavoro chiare e trasparenti si può garantire ai giornalisti di poter svolgere il proprio lavoro con professionalità e nell’interesse della collettività”.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
lavoro
giornalisti
contratto collettivo
contratto
lavoro giornalisti
syndicom
collettivo lavoro
contratto collettivo lavoro
editori
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-21 16:56:17 | 91.208.130.86