LUGANO
20.09.2012 - 07:290

Comida contro il Decs, Lati: "Noi ci dissociamo"

Comida convoca una conferenza stampa e nella sua battaglia contro il Decs recluta otto aziende ticinesi. Ma Lati e Rapelli prendono le distanze

LUGANO - La polemica scoppia ancora prima della conferenza stampa in programma questa mattina alle 11.00. La Lati Sa non parteciperà all'incontro con i giornalisti organizzato da Comida, la ditta attiva nel settore mense, in grave difficoltà dopo che lo Stato non ha rinnovato loro l’appalto per servire i pasti nelle scuole. Ma andiamo con ordine.
Ieri, in redazione, è giunta da parte di Comida la convocazione a una conferenza stampa in cui si diceva che ben otto ditte ticinesi avrebbero preso parte all'incontro in quanto "direttamente coinvolte nel passaggio a una refezione scolastica interamente pubblica, preoccupate per le conseguenze anche in un’ottica di macroeconomia cantonale". Tra queste, oltre a la Lati anche Atre Sa, Brumana Sa, Brughera Sa, Formisa Sa, Franchini Sa, Lati e Rapelli Sa.

Ebbene, la Lati si dissocia e in un articolo pubblicato oggi su 20minuti dichiara: "Noi prendiamo le distanze da questa conferenza stampa". E non è l'unica. Anche la Rapelli non ne vuol sapere. "Non eravamo d’accordo in questi termini. Non saremo assolutamente presenti alla conferenza stampa". Staremo a vedere cosa succederà alle 11.00 e chi sarà realmente presente alla conferenza stampa. Affaire à suivre.

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
lati
stampa
conferenza
sa
conferenza stampa
decs
rapelli
lugano
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-18 07:07:08 | 91.208.130.87