Keystone
SVIZZERA
12.12.2017 - 09:270

Preventivo 2018, “no” a 442 milioni all’AVS

Contrariamente al Nazionale, gli Stati vorrebbero destinare i soldi all’infrastruttura ferroviaria e all’abbattimento del debito

BERNA - Si profila una conferenza di conciliazione per eliminare le ultime divergenze in merito al preventivo 2018 della Confederazione. Oggi il Consiglio degli Stati ha infatti riaffermato la sua volontà di voler destinare parte dei soldi - 295 milioni - risparmiati dopo la bocciatura alle urne della Previdenza 2020 al Finanziamento per l'infrastruttura ferroviaria e il rimanente - 147 milioni - all'abbattimento del debito.

Dal canto suo, il Nazionale - a cui ritorna il dossier - ha sempre ribadito di voler attribuire tutti i 442 milioni all'AVS. Se domani la Camera del popolo confermerà la sua posizione si andrà in conciliazione.

Oggi i "senatori" hanno eliminato soltanto una divergenza con la Camera del popolo riguardante l'agricoltura: con 20 voti contro 19 e 2 astenuti, si sono allineati infatti al Nazionale decidendo di non sopprimere la sovvenzione di circa 3 milioni di franchi destinata all'assicurazione sulla qualità del latte.

Per il resto, il Consiglio degli Stati ha mantenuto tacitamente tutte le altre divergenze. Ha in particolare respinto le proposte del Nazionale di attribuire 25,6 milioni supplementari alla formazione professionale superiore e 1,94 milioni in più all'Amministrazione federale delle dogane per aumentare di 30 posti gli effettivi delle guardie di confine.

A differenza del Nazionale, i "senatori" si sono pronunciati contro un taglio di 41 milioni all'aiuto sociale per i richiedenti asilo, nonostante un probabile calo delle domande.

Rispetto alla Camera del popolo, quella dei cantoni vuole inoltre concedere un supplemento di 564'000 franchi all'Istituto universitario federale per la formazione professionale, nonché 300 mila franchi in più alla città federale di Berna quale aiuto culturale.

Il preventivo uscito dai dibattiti odierni degli Stati prevede un deficit di 41 milioni di franchi, mentre quello scaturito giovedì scorso dalle discussioni al Nazionale prevede un saldo negativo di 174 milioni.

La Camera del popolo riprenderà il dossier domani. Non è escluso che per dirimere le restanti divergenze alla fine sarà necessaria una conferenza di conciliazione: va ricordato che qualora non si riuscisse a trovare un accordo, passerà il preventivo più basso.

Commenti
 
beta 1 mese fa su tio
Lo schifo intellettuale ben dimostrato da umuncoli a doppia faccia ???
Zico 1 mese fa su tio
Chiaro, se li dessero all'AVS seaebbero a favore di chi ha contribuito al benessere in CH, lavoratori che ci hanno preceduto, molto meglio versarli per l'abbattimento del debito pubblico, così poi potranno di nuovo farlo crescere dando soldi a destra e a manca! (41 milioni all'aiuto sociale per richiedenti -restano: va che strano!
Pepperos 1 mese fa su tio
Che Paese Strano...
Bandito976 1 mese fa su tio
Avs no. Poi danno milioni a destra e a manca ad altri paesi. Che schifo!
Potrebbe interessarti anche
Tags
nazionale
preventivo
camera
franchi
stati
popolo
camera popolo
conciliazione
divergenze
avs
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-21 11:19:04 | 91.208.130.86