SVIZZERA
06.12.2017 - 11:030

Il Consiglio degli Stati in breve

BERNA - Nella seduta odierna, il Consiglio degli Stati ha:

- STAGE MEDICINA: affossato tacitamente una mozione della consigliera nazionale Ruth Humbel (PPD/AG) che chiedeva l'introduzione di uno stage pratico obbligatorio di un anno al massimo per accedere agli studi di medicina quale alternativa all'attuale numero chiuso. L'attuazione di questo nuovo sistema, che avrebbe dovuto essere esaminato in collaborazione con i cantoni, non ha convinto la Camera dei cantoni;

- ORARIO DI LAVORO: affossato tacitamente una mozione del consigliere nazionale Hans-Peter Portmann (PLR/ZH) che chiedeva di modificare immediatamente l'ordinanza concernente la legge sul lavoro poiché - a suo avviso - l'obbligo di registrare la propria presenza con una precisione quasi al minuto sancito nell'ordinanza non rispecchia più la realtà del mondo del lavoro. Secondo i "senatori", la modifica proposta non è opportuna. Preferiscono attendere i risultati delle trattative in corso fra i partner sociali in vista di una revisione dell'ordinanza;

- MARCHIO DI QUALITÀ: deciso di rinviare l'esame della mozione di Beat Vonlanthen (PPD/FR) che chiede di sfruttare al meglio l'ottima reputazione della Svizzera nell'e-commerce con un marchio di qualità. Secondo il "senatore" Didier Berberat (PS/NE), il testo va trasmesso alla competente commissione per un esame più approfondito. Anche il consigliere federale Johann Schneider-Ammann si è detto d'accordo con questa proposta;

- SERVIZIO CIVILE: deciso che il servizio civile non deve venir trasferito al Dipartimento della difesa (DDPS) ma rimanere di competenza del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR). La Camera dei cantoni ha affossato tacitamente una mozione in tal senso della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Il testo era stato accolto - con 94 voti contro 85 - dalla Camera del popolo durante la sessione primaverile. Per i "senatori", l'attribuzione dell'Organo d'esecuzione del servizio civile al DEFR si giustifica pienamente;

- SERVIZIO CIVILE bis: affossato tacitamente un'altra mozione del Nazionale che chiedeva di rendere meglio riconoscibili in pubblico le persone che prestano servizio civile (per es. applicando una fascia al braccio o indossando un indumento appropriato). Anche in questo caso il testo era stato accolto - con 103 voti contro 69 e 6 astensioni - dalla Camera del popolo. Gli Stati hanno però ritenuto la proposta costosa e difficilmente realizzabile. Le differenti istituzioni che impiegano i "civilisti" hanno già le loro regole in materia di abbigliamento per questioni di igiene, di appartenenza a un'impresa o di sicurezza;

- LEGGE CIOCCOLATO: appianato tacitamente l'ultima divergenza - minore - che l'opponeva al Nazionale in merito alla revisione legislativa che mette fine alle sovvenzioni alle esportazioni per prodotti agricoli trasformati. Quelli che attualmente sono contributi invisi all'OMC, domani saranno sostegni diretti alla produzione di latte e cereali. Il dossier è pronto per le votazioni finali;

- SVIZZERI ALL'ESTERO: rinviato in commissione una mozione del "senatore" Filippo Lombardi (PDC/TI) con cui si chiede che gli Svizzeri all'estero siano meglio informati sulle conseguenze di un progetto di legge. Si tratterebbe di modificare la legge sul Parlamento affinché la Quinta Svizzera possa meglio difendere i suoi interessi. Spesso aspetti tecnici di taluni dossier, come quelli riguardanti le assicurazioni sociali, hanno ripercussioni importanti per gli Svizzeri all'estero. Secondo i "senatori", la mozione merita un esame più approfondito;

- COMMISSIONI EXTRAPARLAMENTARI: affossato tacitamente una mozione del consigliere nazionale Hans-Ulrich Bigler (PLR/ZH) che chiedeva di ridurre di un terzo le commissioni extraparlamentari e di introdurre un limite d'età per i loro membri (corrispondente all'età del pensionamento). Per la Camera dei cantoni, tale riduzione non è opportuna, poiché le commissioni extraparlamentari conservano un ruolo importante. Inoltre il numero di membri che sono già al beneficio della pensione non è sproporzionato;

- POLITICA DI SICUREZZA: deciso che i Rapporti sulla politica di sicurezza dovranno continuare a essere di competenza del Consiglio federale. La Camera dei cantoni ha tacitamente affossato una mozione del Nazionale che voleva fare di questo rapporto un documento del DDPS, mentre i punti di vista divergenti degli altri dipartimenti sarebbero stati presentati separatamente. Per i "senatori", una tale presentazione avrebbe costituito un pregiudizio alla collegialità.

Ordine del giorno del 7 dicembre 2017 (08.15-13.00):

- Codice civile; atti dello stato civile e registro fondiario (divergenze);

- Codice civile; protezione dei minorenni (divergenze);

- Iniziativa popolare "Fuori dal vicolo cieco! Rinunciamo alla reintroduzione di contingenti d'immigrazione" (iniziativa "RASA").
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
civile
camera
mozione
stati
servizio civile
affossato tacitamente
cantoni
servizio
legge
tacitamente mozione
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-19 02:16:26 | 91.208.130.87