Keystone
GINEVRA
28.11.2017 - 17:000

Premi malattia gratuiti per i ginevrini?

Genève En Marche ha lanciato un'iniziativa costituzionale per garantire «una copertura delle cure completa e gratuita per i residenti del cantone»

GINEVRA -  Genève En Marche, il nuovo partito fondato dall'ex leader del Mouvement Citoyens Genevois (MCG) Eric Stauffer, ha lanciato un'iniziativa costituzionale cantonale volta ad esonerare le persone residenti nel cantone dal pagamento dei premi malattia. Il loro finanziamento dovrebbe essere pubblico.

Il testo pubblicato dal foglio ufficiale di Ginevra prevede la creazione di una cassa malattia cantonale incaricata di garantire «una copertura delle cure completa e gratuita per i residenti del cantone». Alla cassa sarebbe riconosciuto lo statuto di ente pubblico autonomo.

I premi malattia sarebbero finanziati dalle imposte e «iscritti nel budget di funzionamento dello Stato». Secondo il giornale Le Temps, che ha dato notizia del lancio dell'iniziativa oggi, i premi malattia versati dai ginevrini rappresentano 1,95 miliardi di franchi all'anno.

Con questa iniziativa, Genève En Marche vuole proporre una soluzione «inedita, nell'interesse esclusivo delle classi popolari». Il nuovo partito ritiene che il finanziamento pubblico dei premi malattia tramite le imposte sia «più giusto ed equo».

Commenti
 
saetta 1 mese fa su tio
Sono pienamente d'accordo, cassa Malati pubblica e premio in base al reddito! Questa è la via da seguire a livello federale!
pontsort 1 mese fa su tio
La trovo completamente controproducente. I costi della salute di sicuro non diminuirebbero e la popolazione continuerebbe comunque a pagarli senza accorgersene. Questa finta gratuità della salute fara solo aumentare l'incremento dei costi, trovandosi a continuare ad aumentare i prelievi alla popolazione.
Libero pensatore 1 mese fa su tio
Poco importa se il premio lo si paga direttamente oppure con le imposte. I costi continueranno ad aumentare e questo è il problema numero uno da risolvere. Anche perché ci sono talmente tante persone sussidiate che si potrebbe tranquillamente affermare che lo stato si fa carico di almeno il 30% dei costi. Io eliminerei le franchigie basse, e magari ne metterei anche di più alte, tipo 5000 chf. Poi comunque bisognerebbe creare una cassa pubblica e metterla in concorrenza con le altre. Inoltre darei la possibilità ai farmacisti di prescrivere farmaci, in modo da evitare tutti quei casi dove ci si reca dal medico solo per farsi prescrivere un banale farmaco
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
L'amico Eric si dimostra sempre un GRANDE!... :-)))
nordico 1 mese fa su tio
Le soluzioni per evitare gli aumenti dei premi (o anche per toglierli del tutto) sono molte e questa iniziativa ginevrina lo dimostra. L'importante è che in qualche modo i costi vengano coperti e ciò si potrebbe fare, ad esempio, in modo molto semplice aumentando il tasso dell'IVA. Ma non è mettendo più soldi a disposizione che si risolvono tutti i problemi, anzi, con i soldi facili gli approfittamenti diverrebbero endemici, aumenterebbero i medici, gli esami e le cure inutili, nessuno più si lamenterebbe per i costi sproporzionati dei medicamenti in Svizzera con conseguente ulteriore lievitamento dei loro prezzi, e sul mercato arriverebbero nuove medicine dalla dubbia efficacia. I costi della salute vanno assolutamente contenuti ma nessuno sembra moversi in questa direzione, è la vittoria degli interessi di pochi potenti su quelli di molti che possono solo subire.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
premi malattia
malattia
premi
iniziativa
en
genève
ginevrini
cantone
residenti cantone
genève en marche
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 00:50:16 | 91.208.130.87