SVIZZERA
08.11.2017 - 14:260

Digitalizzare il lavoro per garantire quantità e qualità degli impieghi

 

BERNA - Il Consiglio federale ha approvato oggi un rapporto sugli effetti della svolta digitale sul mercato del lavoro. Anche in questa nuova era, l'obiettivo rimane quello di garantire un'elevata occupazione e una buona qualità degli impieghi.

Secondo i risultati del rapporto, il mercato lavorativo gode di ottima salute e potrà beneficiare della digitalizzazione tramite un miglioramento mirato delle condizioni quadro. A tale scopo sono però necessarie misure in vari settori, fra cui quello formativo, si legge in un comunicato governativo.

Nonostante lo sviluppo di tecnologie sempre più orientate all'automatizzazione, negli ultimi 20 anni sono stati creati 860'000 posti di lavoro, viene sottolineato nella nota. Nel confronto internazionale la Svizzera può vantare un alto tasso di occupazione e una disoccupazione ridotta, oltre a un'elevata qualità dei posti di lavoro.

In base alle conoscenze attuali, la digitalizzazione potrebbe aumentare ulteriormente gli impieghi. Tuttavia, trattandosi di un processo in divenire, i suoi effetti non sono ancora chiari. Per questo l'esecutivo vuole migliorare ulteriormente le condizioni che permettono di sfruttare le opportunità offerte.

Per affrontare al meglio le sfide, secondo il Consiglio federale va aggiornato il diritto delle assicurazioni sociali, con un eventuale aumento della flessibilità. Bisogna poi adeguare i percorsi formativi ai nuovi requisiti, raccogliere maggiori dati sulla svolta digitale e monitorarne gli effetti.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
lavoro
qualità
impieghi
effetti
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-18 00:15:32 | 91.208.130.87