Keystone
BERNA
24.09.2017 - 14:030

Iniziativa UDC contro la libera circolazione, da gennaio le firme

Il testo è attualmente all'esame della Cancelleria federale e il partito spera di ottenere il via libera a dicembre

BERNA - La raccolta delle firme per la nuova iniziativa dell'UDC contro la libera circolazione delle persone potrebbe iniziare il prossimo gennaio. Il testo è attualmente all'esame della Cancelleria federale e il partito spera di ottenere il via libera a dicembre.

La direzione dell'UDC ha deciso due settimane fa il testo definitivo, ha dichiarato all'ats il segretario generale Gabriel Lüchinger, precisando quanto pubblicato oggi da Le Matin Dimanche e dalla SonntagsZeitung.

L'assemblea aveva approvato il lancio dell'iniziativa il 24 giugno. Ai delegati erano state presentate due varianti, entrambe accolte. La prima prevedeva la disdetta pura e semplice dell'accordo sulla libera circolazione delle persone. La seconda era più articolata e includeva il divieto di firmare nuovi accordi internazionali contrari al principio di limitazione dell'immigrazione.

La direzione ha scelto la seconda versione. Il testo, intitolato "Limite alle frontiere", prevede che la Svizzera regoli in maniera autonoma l'immigrazione e che non possa essere conclusa nessuna nuova intesa che conceda libertà di movimento ai cittadini stranieri. Gli accordi internazionali esistenti inoltre non possono essere in contraddizione con questi principi.

Se il testo dovesse essere accolto in votazione popolare, il Consiglio federale avrebbe un anno di tempo per negoziare con l'Ue la disdetta della libera circolazione. Se non fosse possibile trovare un accordo, sarebbe necessario rinunciare a tutto il pacchetto dei bilaterali I entro un mese.

L'iniziativa è stata sottoposta alla Cancelleria federale per l'esame preliminare che normalmente dura dai due ai tre mesi, ha precisato ancora Gabriel Lüchinger. Il comitato direttivo dell'UDC inoltre dovrà dare il via libera al testo il 27 ottobre. La raccolta delle firme quindi potrebbe iniziare in gennaio.

Il lancio della modifica costituzionale è stato deciso in collaborazione con l'Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI). I membri dell'ASNI si erano detti d'accordo già il 6 maggio scorso. Per la destra, la legge di applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, accolta il 9 febbraio 2014, non è fedele al testo posto in votazione. Con questa seconda iniziativa il Consiglio federale sarebbe obbligato a disdire la libera circolazione.

Un'altra iniziativa contro la libera circolazione, intitolata "Priorità ai lavoratori indigeni", è stata lanciata da un comitato borghese. Il testo chiede di limitare l'immigrazione quando la disoccupazione supera il 3,2% secondo la definizione dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). La raccolta delle firme è iniziata a giugno e il comitato avrà tempo fino al 13 dicembre 2018 per racimolare le 100'000 firme necessarie alla riuscita.

Commenti
 
fakocer 3 mesi fa su tio
Spérem che la sìa la volta bona, a san pò pü!
patrick28 3 mesi fa su tio
Altra sconfitta alle porte. Forza UE
lo spiaggiato 3 mesi fa su tio
A quante votazioni contro gli accordi bilaterali siamo?...6 o 8?... :-))))
Danny50 3 mesi fa su tio
Le piattole respingeranno tutto perché senza spina dorsale e succubi dell'UE.
roma 3 mesi fa su tio
Magnifico.
Potrebbe interessarti anche
Tags
iniziativa
circolazione
libera circolazione
testo
firme
udc
immigrazione
gennaio
iniziativa udc
via libera
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-21 11:29:09 | 91.208.130.86