Ti Press
BERNA
16.08.2017 - 15:080

«Vietare la distribuzione del Corano è irrealizzabile»

Lo indica il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), precisando che mancano le condizioni materiali e formali per farlo

BERNA - Vietare le distribuzioni del Corano in strada come fa attualmente l'organizzazione "Lies!" ("Leggi!") sarebbe irrealizzabile. Lo indica il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), precisando che mancano le condizioni materiali e formali per farlo.

Il SIC ha formulato un parere legale sulla questione e il direttore Markus Seiler ha scritto una lettera alla conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia, indica oggi la Neue Zürcher Zeitung (NZZ).

È verosimile che la distribuzione di copie del Corano negli spazi pubblici da parte di "Lies!" ha potuto contribuire o contribuisce a radicalizzare alcune persone e a reclutarle per effettuare viaggi con motivazioni jihadiste, indica il SIC.

Un divieto generale contro la distribuzione di copie del Corano non è possibile, poiché non si può pronunciare un tale divieto nei confronti di persone indeterminate. Inoltre mancano attualmente prove sufficienti contro "Lies!", struttura organizzativa già esistente in Svizzera.

Un'autorizzazione può essere negata se dietro a questa azione vi sono singole persone che minacciano concretamente la sicurezza interna o esterna della Svizzera e se viene utilizzata direttamente o indirettamente per diffondere, sostenere o promuovere attività terroristiche o estremiste. Questo anche se l'azione prevista non pone problemi.

Tuttavia, dal punto di vista giuridico la distribuzione di copie del Corano o della biografia di Maometto non rappresenta nessuna minaccia per la sicurezza. I gruppi islamici che diffondono una visione radicale del Corano non possono essere sorvegliati in maniera preventiva dal SIC. Vietare l'associazione che organizza queste campagne sarebbe sicuramente irrealizzabile, poiché mancano le condizioni materiali e formali. Inoltre la procedura si protrarrebbe per troppo tempo.

La campagna di distribuzione gratuita del Corano "Lies!" è creata sotto forma di associazione ed è dunque difficilmente attaccabile sul piano penale, aveva indicato il Ministero pubblico della Confederazione. Quest'ultimo ha aperto diverse procedure contro persone legate alle operazioni "Lies!" nello scorso novembre.

 

 

Commenti
 
GIGETTO 4 mesi fa su tio
Il corano da vietare immediatamente!!!!!
lo spiaggiato 4 mesi fa su tio
Vietare la distribuzione di cose aggratis?... Epperchè mai?... Che io sappia il corano non è (ancora) un libro proibito...
leopoldo 4 mesi fa su tio
vai nei loro paesi ha vendere la bibbia poi vedi se vietarlo non è realizzabile
nordico 4 mesi fa su tio
Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) ha preso una decisione sulla base del nostro ordinamento giuridico, ma sicuramente gli avvocati che fanno parte di questo servizio non hanno letto nè il Corano nè le Hadith (i detti raccolti dai compagni di Maometto). Si tratta di una decisione di natura puramente legale. Se, invece, avessero letto questi libri e avessero approfondito il loro contenuto la loro decisione sarebbe stata diversa oppure avrebbero - come minimo - pensato che il nostro ordinemento giuridico va modificato.
Monello 4 mesi fa su tio
Siamo sempre troppo buonisti ...un giorno la pagheremo ! Curzio ha ragione in Germania l hanno totlo senza tante storie..... e se non ti va bene esci da casa mia !!
curzio 4 mesi fa su tio
In Germania hanno vietato la distribuzione del corano senza tante storie.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
distribuzione
corano
lies
sic
distribuzione copie
distribuzione copie corano
condizioni materiali
materiali formali
copie corano
condizioni materiali formali
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-15 20:51:06 | 91.208.130.86