Keystone
VALLESE
02.12.2017 - 11:320

Buttet si difende dalle accuse: «Non sono uno stalker»

Il consigliere nazionale accusato di presunte molestie, rifiuta di essere paragonato a Weinstein e pensa a mantenere unita la sua famiglia

SION - Yannick Buttet, consigliere nazionale PPD, torna a parlare dopo le rivelazioni sulle sulle presunte molestie. Il vicepresidente democristiano, attualmente sospeso dall'incarico, tenta in ogni modo di salvare la sua reputazione e il suo posto in politica.

In un’intervista alla radio romanda RTS, rilasciata sotto consiglio del suo avvocato, Buttet si è detto «scioccato» dell’immagine che nelle ultime ore traspare sul suo conto. «Tutto questo potrebbe distruggere la mia vita - ha dichiarato -. Essere paragonato a Harvey Weinstein ferisce me e la mia famiglia». E, passando al contrattacco per difendersi, ha aggiungo: «Non sono uno stalker. Sono solo stato un po’ “scortese” sotto gli effetti dell’alcool».

Buttet, lo ricordiamo, è accusato di molestie da una donna che l’ha denunciato alla polizia nella notte di domenica 19 novembre. Il quarantenne sindaco di Collombey-Muraz avrebbe suonato una ventina di volte il campanello dell’abitazione della sua ex amante, che vive con due bambini. All’arrivo della polizia, il politico, in evidente stato di ebbrezza, avrebbe tentato di nascondersi nel giardino. Buttet, secondo i racconti della donna, non avrebbe accettato la fine della relazione extraconiugale, perseguitandola con sms, e-mail e telefonate per circa un anno.

Stando allo Schweiz am Wochenende, Buttet si sarebbe riconciliato con la sua famiglia e sarebbe disposto a tutto pur di mantenerla intatta.

Il vicepresidente del PPD svizzero ha escluso per il momento le dimissioni dalle cariche politiche. Il vallesano non crede infatti che il suo comportamento abbia portato pregiudizio al partito. Bisogna però attendere il risultato del procedimento avviato nei suoi confronti.

1 mese fa «Mi scuso ma non mi dimetto»
1 mese fa Vicenda Buttet, aperta un'indagine per violazione del segreto d'ufficio
1 mese fa Vicenda Buttet, chiesta cellula di sostegno in Parlamento
1 mese fa Vicenda Buttet, i parlamentari disapprovano quanto successo
1 mese fa Ubriaco nel giardino della sua ex amante, guai per il vicepresidente del PPD svizzero
Commenti
 
Meiroslnaschebiancarlengua 1 mese fa su tio
Quando non è sbronzo sembra molto rapido a dare leuioni ed a fare la morale. Però, anche Doris Leuthardha affermato che Buttet è un porco. Esprimendosi in linguaggio politico lei ha detto che "se i fatti sono avverati, Buttet ha un problema", che è poi la stessa cosa, vuole dire "porco".
Bär 1 mese fa su tio
poveri nüm
Potrebbe interessarti anche
Tags
buttet
stalker
famiglia
molestie
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-21 11:09:16 | 91.208.130.86