Ti Press
SVIZZERA
09.11.2017 - 08:270

Disoccupazione: i giovani sorridono, gli over 50 un po’ meno

Nel mese di ottobre il tasso di disoccupazione rispetto a settembre è rimasto sostanzialmente invariato, mentre è sceso rispetto all’anno scorso

BERNA - In ottobre il tasso di disoccupazione in Svizzera è rimasto invariato, rispetto al mese precedente, al 3%: è quanto indica stamane la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Un anno prima si attestava al 3,2%.

Un comunicato indica che alla fine del mese in rassegna erano iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento (URC) 134'800 disoccupati, 1'631 o l'1,2% in più rispetto a settembre. Nel raffronto con ottobre 2016, risulta invece un calo di 9'731 unità (-6,7%).

In Ticino il tasso di disoccupazione si è attestato al 3,2%, in aumento di 0,1 punti rispetto a settembre ma in flessione di 0,2 punti nel confronto con dodici mesi prima. I senza lavoro erano 5'323, 121 o il 2,3% in più del mese precedente ma 374 o il 6,6% in meno dell'ottobre dell'anno scorso. Nei Grigioni il tasso è stato dell'1,6%, pari a un incremento mensile di 0,5 punti e a una contrazione annua di 0,1 punti. I disoccupati erano 1'775, con un aumento mensile di 609 unità (+52,2%) e una diminuzione annua di 92 unità (-4,9%).

Boris Zürcher, capo della Direzione del lavoro alla SECO, considera l'evoluzione sempre molto favorevole. "Ad eccezione del 2010 si tratta del minore incremento relativo della disoccupazione nel mese di ottobre dal 2007", ha dichiarato in una conferenza telefonica.

"Constatiamo che le opportunità sul mercato del lavoro sono migliorate. Si recluta di più tra i disoccupati", ha spiegato. Le soppressioni di impieghi annunciate nelle ultime settimane, ad esempio presso Meyer Burger e ABB, non si riflettono nelle cifre sulla disoccupazione: i licenziamenti solitamente avvengono in maniera scaglionata, quindi si manifesteranno al più presto con un differimento di tre-quattro mesi. E tenendo conto della penuria di forza lavoro specializzata in Svizzera molti interessati non finiscono nemmeno in disoccupazione, ma trovano un nuovo posto ancora entro il termine di disdetta.

Il numero di giovani disoccupati (15-24 anni) è diminuito di 804 unità su base mensile (-4,5%) fissandosi a un totale di 16'905. Su base annua ciò corrisponde a un calo di 2'190 persone (-11,5%). Zürcher ha ricordato che la disoccupazione giovanile ha sempre il suo picco in estate e poi diminuisce. "Ma riteniamo pure che lentamente intervenga la demografia: non abbiamo più una penuria di posti d'apprendistato quanto una carenza di tirocinanti".

Situazione meno favorevole per gli ultracinquantenni, categoria in cui il numero dei disoccupati è aumentato di 546 unità (+1,6% mensile, ma -2,9% annuo), attestandosi a 35'729.

Complessivamente, afferma la SECO, le persone in cerca d'impiego registrate erano 198'025, 4'401 in più rispetto a settembre e 9'487 (-4,6%) in meno rispetto a ottobre 2016. Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli uffici regionali di collocamento (URC) è diminuito di 140 unità a quota 12'316.

Anche tra i disoccupati di lunga durata l'evoluzione è positiva: "vediamo un costante miglioramento", ha affermato Zürcher. Gli iscritti presso gli URC da oltre un anno sono scesi di 361 unità (-1,6%) rispetto a settembre e di 1'935 unità (-8,1%) su base annua, a 21'852.

In ottobre è iniziata la stagione intermedia, cosa che si riflette nella disoccupazione delle regioni e dei settori d'attività, ha proseguito Zürcher. I Grigioni ad esempio, quale cantone turistico, hanno registrato l'incremento più marcato e anche il Vallese segna una forte progressione.

La stessa cosa vale per i rami: la progressione maggiore si è avuta nel settore alberghiero e della ristorazione, e anche nella costruzione vi è stato un aumento della disoccupazione. Sono per contro stati censiti cali nel commercio al dettaglio, nell'educazione e nella sanità.

La SECO fornisce anche i dati relativi al lavoro ridotto, che si riferiscono però allo scorso agosto. In quel mese il fenomeno ha interessato 1'386 persone, 421 in meno (-23,3%) rispetto a settembre. Anche il numero delle aziende colpite è diminuito di 50 unità (-23,9%), portandosi a 159. Il numero delle ore di lavoro perse è sceso del 20,2%, a 68'522. Nell'agosto del 2016 erano state registrate 254'128 ore perse, ripartite su 4'465 persone in 444 aziende.

Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, spiega ancora la SECO, sono 3'846 le persone che in agosto hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Commenti
 
lui63 4 giorni fa su tio
Come sappiamo queste statistiche fanno ridere visto che non tengono conto di chi va in assistenza.....
Zico 1 settimana fa su tio
sono solo percezioni..in realtà non esistono disopccupati e non c'è alcuna forma di sostituzione tra residenti e frontalieri. chiedere al Rico
pillola rossa 1 settimana fa su tio
Sorridono quelli che hanno trovato un lavoro. I tanti altri non sorridono affatto, anche se sono apparentemente diminuiti rispetto allo scorso anno!
shooter01 1 settimana fa su tio
E' per questo che vogliono alzare l'età pensionabile. Così poi non pagheranno più nulla
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
rispetto
settembre
disoccupazione
rispetto settembre
ottobre
lavoro
unità
mese
seco
zürcher
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 18:42:04 | 91.208.130.86