keystone
BERNA
14.09.2017 - 14:140

Corano per strada: «Contrastare la distribuzione»

È l'opinione, in linea con il Consiglio federale, della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali di giustizia e polizia

BERNA - Un divieto generalizzato nei confronti dell'organizzazione "Lies!" ("Leggi!") non sarebbe di nessuna efficacia. Si può per contro contrastare la distribuzione gratuita del Corano per strada non concedendo le necessarie autorizzazioni. È l'opinione del comitato della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali di giustizia e polizia (CDDGP), che si allinea quindi al Consiglio federale.

Il comitato della CDDGP invita i Cantoni e le Città a rifiutare sistematicamente le autorizzazioni richieste per le azioni organizzate da "Lies!", riferisce la Neue Zürcher Zeitung. La notizia è stata confermata all'ats da Claudio Stricker, collaboratore scientifico presso la Conferenza.

La settimana scorsa il Consiglio federale, in risposta a una mozione del consigliere nazionale Walter Wobmann (UDC/SO) - che chiedeva la messa al bando sul territorio svizzero dell'organizzazione "Lies!" e di altre che operano sotto altre denominazioni ma con le stesse finalità - aveva rilevato che queste azioni di distribuzione del Corano "non costituiscono, da sole, una minaccia per la sicurezza interna o esterna della Svizzera".

Per poter vietare "Lies!" - aveva precisato il governo - sarebbero necessarie prove sufficienti dell'esistenza di una struttura organizzativa in Svizzera: bisognerebbe ad esempio dimostrare ogni volta che la persona interessata è membro dell'organizzazione e non ha partecipato soltanto all'attività di distribuzione del Corano.

Tuttavia il governo è consapevole del fatto che gli stand informativi di "Lies!" possono essere utilizzati per avvicinare persone interessate all'Islam e per indottrinarle, oppure per offrire a persone già radicalizzate una piattaforma per creare reti e contatti con individui che condividono le medesime convinzioni.

Non ritenendo quella di un divieto generalizzato la soluzione ideale, il Consiglio federale aveva affermato di "approvare e appoggiare" gli sforzi delle autorità competenti dei Cantoni e dei Comuni per impedire gli stand informativi della campagna "Lies!", in particolare rifiutando le relative autorizzazioni.

Se tutti i cantoni seguissero le raccomandazioni della CDDGP, non autorizzando le azioni dell'organizzazione, ciò significherebbe di fatto la cessazione di queste distribuzioni del Corano alla popolazione.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
lies
corano
distribuzione
consiglio
consiglio federale
organizzazione
cddgp
cantoni
azioni
conferenza
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-22 10:01:21 | 91.208.130.86