SVIZZERA
28.11.2016 - 06:000

Politico vittima di una fake news all'ennesima potenza

Il consigliere nazionale Udc Andreas Glarner è inciampato nelle cosiddette “fake news”. Ma anche il post del politico, a sua volta, sembrerebbe un falso

BERNA - Le cosiddette “fake news” circolano sul web da sempre, anche se durante l’elezione di Trump si sono moltiplicate a non finire, dandogli una mano anche ad avere la meglio su Hillary Clinton.

Qualche giorno fa una “fake news” è piombata anche sul portale politikstube.com, in cui veniva riportato su come in Grecia i residenti sarebbero regolarmente attaccati dai migranti. Glarner sarebbe così inciampato nella falsa notizia, lasciandosi andare in un commento che ha suscitato inevitabile indignazione in rete: «I confini vanno chiusi e sparare ai rifugiati non sarebbe nemmeno così inappropriato».

Schweiz am Sonntag è andata però all’origine di quanto accaduto e, da quanto è emerso dall’indagine, sembrerebbe un “falso” anche il post pubblicato dal consigliere nazionale. A fare circolare sul web uno screenshot – tramite Facebook – con il commento incriminato sarebbe un'inesisistente Mia Pfister...

Glarner, dal canto suo, si dice «del tutto annoiato di quanto accaduto». «Facebook mi ha bloccato l’accesso per due settimane – spiega a Schweiz am Sonntag – Riesco ad effettuare il log in, ma non posso scrivere commenti o condividere articoli». Questa, comunque, non è la prima volta che il consigliere nazionale si ritrova alle strette con il social network, bensì la quinta. «Sono una vittima di attacchi coordinati», conclude.

 

 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
fake news
fake
news
glarner
vittima
consigliere nazionale
consigliere
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 08:28:03 | 91.208.130.86