SVIZZERA
06.03.2016 - 17:540

Dal 2025 sul treno senza biglietto

Le Ffs sognano un nuovo sistema di pagamento: lo Swiss Pass traccia i nostri movimenti e noi riceviamo la relativa fattura

BERNA - Prendere il treno potrebbe essere molto diverso da qui a nove anni (e forse anche meno). Come emerge dal convegno di settore “La mobilità pubblica del futuro”, infatti, entro il 2025 fare il biglietto prima di partire non sarà più necessario, almeno nelle intenzioni dei responsabili delle ferrovie.

Le Ffs e le ferrovie regionali Bls e Südostbahn stanno infatti pensando ad altri sistemi di pagamento che permettano ai clienti di salire direttamente in treno (o su un altro mezzo di trasporto) e pensare più tardi alla fattura (elettronica) del viaggio. «Fare un singolo viaggio deve diventare comodo come spostarsi con un abbonamento generale», ha dichiarato Jeannine Pilloud, capa della Divisione viaggiatori di Ffs, come riporta la Berner Zeitung.

Nello specifico, tutti i treni dovrebbero essere dotati di sensori che registrino automaticamente la salita e la discesa dei passeggeri dal convoglio, probabilmente utilizzando lo Swiss Pass.  Un sistema, questo, che viene chiamato “Bibo” (“Be in, be out”, “Entra, esci”) e che è già stato testato in altri Paesi. Esso risolve in particolare il problema di altri tipi di biglietti elettronici come il “Check-in, check-out” in cui i passeggeri, dimenticandosi di registrare la discesa, possono ricevere fatture salate.    

Il nuovo sistema dovrebbe essere introdotto al più tardi entro il 2025, «forse anche entro il 2020», ha precisato Pilloud. Oltre che eguagliare l’abbonamento generale in comodità, il sistema Bibo dovrebbe farlo anche nel prezzo. Ogni mese, infatti, le fatture delle singole corse si sommerebbero solo fino al raggiungimento del costo dell’abbonamento: «Non importa quanto qualcuno viaggi, non dovrà mai spendere più del costo dell’abbonamento generale», ha assicurato la responsabile.

Un grande problema rimane, tuttavia, l’attuale quadro legislativo, che non permette di tracciare e registrare i viaggi dei clienti come sarebbe necessario per l'attuazione di questo progetto. A tal proposito, le Ffs si mostrano ottimiste benché l'incaricato federale della protezione dei dati abbia recentemente intimato loro la cancellazione dei dati registrati durante i controlli dello Swiss Pass e finora conservati per 90 giorni dalle ferrovie.  

Anche se il nuovo sistema fosse introdotto, rimarrebbe comunque possibile acquistare un biglietto in anticipo.

Commenti
 
MIM 1 anno fa su tio
Sono i primi sintomi di una malattia globale (non parlo solo di FFS) che si stanno inventando, inesistente... hanno già però il rimedio: un chip sotto la pelle quando si nasce...
Melek 1 anno fa su tio
@MIM Eh si... la fantascienza è già il passato :-)
Melek 1 anno fa su tio
E se buttassimo via tutte queste "geniali" idee e tornassimo agli sportelli, ai bigliettai, ai controllori? Più posti di lavoro, migliori rapporti umani, e meno complicazioni per noi tutti (che utilizziamo treni e altri mezzi pubblici).
Meno 1 anno fa su tio
@Melek E costi maggiori e biglietti ancora più cari. Come reagirebbe chi usa i mezzi pubblici e non naviga nell'oro?
Melek 1 anno fa su tio
@Meno Non mi sembra che quando c'erano sportelli, bigliettai e controllori i costi dei biglietti fossero più alti, anzi. Non penserai che tutte queste macchinette e altre geniali idee siano gratis?!? Sono anni e anni che uso i mezzi pubblici, soprattutto per andare in Svizzera interna e ho visto i prezzi lievitare, i servizi sparire o diventare molto cari (niente più venditori di caffé o panini, ma ristorante).
Tiger 1 anno fa su tio
@Melek Concordo. Inoltre, quando c'erano i controllori su tutti i treni, c'erano sicuramente meno vandalismi. Vandalismi che costano molto. Quindi credo che fare un passo in dietro e tornare al vecchio, non farebbe che migliorare il servizio. Magari per trovare i soldi per pagare i controllori neo assunti, potrebbe servire, almeno in parte, abbassare gli stipendi da nababbi dei capoccia.
Meno 1 anno fa su tio
@Melek 1. Nelle stazioni importanti gli sportelli ci sono ancora. Tenere una persona allo sportello di Rivera (per fare un esempio) quando una macchinetta può fare lo stesso lavoro e magari di persone che chiedono informazioni ce n'è 1 alla settimana, trovi che sarebbe giustificato pagare una persona a tempo pieno per questo? 2. Tranquilla che in un anno i vantaggi economici di una macchinetta rispetto ad un impiegato di vedono subito. Anche se costasse 30'000 l'una, il salario annuale di un impiegato di costa di più mentre la macchinetta necessita solo di corrente, manutenzione e aggiornamenti. 3. Se usi i treni per andare in Svizzera interna saprai che i controllori ci sono sempre. 4. Per quello che dici del personale con il carrellino ti do ragione, manca pure a me, e se prima mi acquistavo un panino con bibita per il pasto sul treno, ora me lo compro in altri posti e non compro più nulla sul treno (anche perché se si è soli e bisogna andare al ristorante o ti porti tutto con te valigia compresa che non è comodo o le lasci incustodite)
MIM 1 anno fa su tio
@Meno Esempio di Rivera: nessuno dice che la persona allo sportello debba solo vendere i biglietti!!
Melek 1 anno fa su tio
@Meno Caro Meno, i conti sui salari non si fanno così aritmeticamente... una persona impiegata alle FFS significa che tutti i suoi amici e parenti sono propensi a usare le FFS. Come una persona impiegata alla Migros, alla Manor, etc. fa sì che altre persone vicine a questa si sentano "fidelizzate" verso l'azienda. Ma una persona licenziata da FFS, Migros o Manor significa una disaffezione molto ampia. Stesso discorso per i piccoli negozi chiusi nelle valli perché "non rendevano". Poi han chiuso quelli in città a Mendrisio e a Chiasso (Manor, Coop). Pensano che andremo tutti a Lugano o nei centri commerciali? No, comperiamo meno cose. Non ci sono più le biglietterie nelle piccole stazioni? E le stazioncine che erano centri aggregativi sono morte, vandalizzate, non ci passa più nessuno, l'immagine FFS si associa con un luogo triste, sporco e squallido. C'è un indotto umano che tutte le strategie di marketing non riusciranno mai a colmare. Si chiama "effetto del sasso nello stagno".
Alice Russo 1 anno fa su fb
Miriana Serravalle sarebbe possibile vista l'organizzazione dei mezzi pubblici..
Miriana Serravalle 1 anno fa su fb
Dio ma pensate prima di tutto a far si che il servizio diventi proporzionale a quanto si paga! 1000 fr per avere treni stra pieni corse che saltano e tanto atro schifo... Capre
Nicola Martini 1 anno fa su fb
Incominciamo ad abbassare i prezzi!!
Daniel Mauro 1 anno fa su fb
In Italia sono decenni che molta gente viaggia...senza biglietto :/
Jonathan Bopp 1 anno fa su fb
Non ho nessuna intenzione di essere tracciato!!!
gp46 1 anno fa su tio
E noi del personale treno senza lavoro,complimenti signora Pilloud, molto lungimirante....ma vi capisco: i disoccupati sono a carico dello Stato, gli utili ( quando ci sono) sono per le FFS S.A.
Tiger 1 anno fa su tio
@gp46 Esattamente!
pontsort 1 anno fa su tio
L'idea di base mi sembra buona, ma mi chiedo come faranno a controllare che tutti quelli che salgono utilizzano questo metodo e non fanno il viaggio a sbaffo. Poi mi sa che sarebbe una cosa facile schermare la carta in modo che non viene detectata e se per caso controllano var vedere che la si ha
Giuseppe Licata 1 anno fa su fb
Ma fare come nei paesi nordici no eh? ovvero siccome noi paghiamo le tasse non creare nessun biglietto!
Amel Tumbul 1 anno fa su fb
Jack Grassi
Fabrizio Sciacco 1 anno fa su fb
Il problema dell'invasione della sfera privata degli utenti può essere facilmente aggirato in maniera semplice: si crea un QR Code per ogni stazione e, sull'applicazione delle FFS, si mette un tasto "check-in", si scannerizza il codice (messo in bella mostra in più punti di ogni stazione) e si sale sul treno. Alla discesa si scannerizza il QR Code della stazione di arrivo e quindi si fa "check-out". L'applicazione calcola l'importo che viene detratto o dalla carta di credito, o dal proprio conto corrente bancario oppure, per chi ama la privacy, da un proprio conto delle FFS a scalare (stile Oyster Card di Londra) che può essere ricaricato alle biglietterie o negli uffici delle FFS anche pagando in contanti.
mgk 1 anno fa su tio
Gli asilanti gia ci salgono
Sulejman Dedic 1 anno fa su fb
Noo, Basta le fatture! A breve ogni famiglia dovra' avere un contabile per gestire le decine di fatture che arrivano tutte le settimane. Che stress! Anche le imposte dovrebbero essere dedotte direttamente dalla paga..e cosi via... i costi della salute anche.. Ora tra quelli che nn pagano e poi finiscono all ufficio fallimenti e quelli che ci speculano finiamo in mezzo noi semplici cittadini.. Pagare in anticipo e usare il servizio..
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
La fattura è più comoda che portarsi appresso moneta, fare biglietti ecc. Chi non paga le fatture o ha avuto un imprevisto (es. licenziamento) oppure non sa fare i conti, ma non è certo il sistema ad essere sbagliato.
Sulejman Dedic 1 anno fa su fb
Patrick, limitare al massimo le fatture. Ci sono sistemi alternativi alla fattura ed allo stesso tempo non serve il cash. Sono convinto che se si pagassero in anticipo tanti servizi non avremmo tutti quei casi al UEF e neanche la % piu alta dei suicidi... Dobbiamo rendere la vita piu semplice ai cittadini..
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
È riduttivo... non tutti i servizi offerti possono essere pagati in anticipo e non tutti quelli all'UEF ci sono finiti di proposito. Sicuramente esistono sistemi migliori, ma vanno cambiate altre cose prima. Se una persona ha un lavoro sicuro e un salario decente, molto probabilmente ricorrerà a sistemi di pagamento automatico con la banca... le fatture non sono il problema, sono le persone.
Sulejman Dedic 1 anno fa su fb
Lo so, ma non tutti sono dei bravi contabili. Con questo ragionamento (anglosassone) dovremmo lasciare le persone gestirsi individualmente il risparmio per la vecchiaia (pensione)... ma nn e' cosi.. Inutile dare alla gente i soldi che gli verrano richiesti dopo qualche mese (dopo che li ha gia spesi) (--》imposte). Ok, per il consumismo e' ottimo, ma chi bada al cittadino? Boh.. mi sembra un po' uno sfruttamento.. Cmq, io anticiperei il tutto.. Sto sistema americano di spendere oggi quello che guadegneremo (risparmieremo) domani mi lascia un po' scettico..
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
Per cambiare questo andrebbe cambiato il nostro modo di vivere. La pensione non può essere gestita in modo così semplicistico. Ci sono un miliardo di motivi per cui una persona può avere difficoltà e con i costi svizzeri, dovresti essere ricco per permetterti di vivere da anziano... basta pensare al costante aumento della popolazione in terza età per capire che anche pagando l'AVS tutta la vita, la sicurezza non è mai garantita. Viviamo in un mondo consumistico e la gente consuma. È un business anche quello dei debiti, pensa alle agenzie di recupero crediti. Bisogna cambiare il modo di pensare prima di preoccuparsi delle fatture. Questa è solo la mia opinione ovviamente.
Sulejman Dedic 1 anno fa su fb
Appunto, quello che hai detto nelle ultime righe e quello che nn mi piace.. Per dare la paga a qualche giudice si tollera il sistema che manda alcuni alla diga di Verzasca..
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
Non piace a nessuno, ma manca la volontà di cambiare e in parte è comprensibile. Fino a quando la maggior parte delle persone riuscirà a soddisfare i propri bisogni, farà fatica a vedere la realtà. Cambiare di solito è più difficile che non fare niente, soprattutto se in modo così radicale, ti da un profondo senso di insicurezza. Andrà meglio o peggio? Io come starò? Cosa avrò? (a quanto pare l'egoismo ha una base genetica). Quindi perchè cambiare se posso ancora comprarmi l'auto nuova e la TV nuova con cui guardare un bel film e ignorare tutto il mondo?
Sulejman Dedic 1 anno fa su fb
Lasciamo lo fare ad altri hahah Grande
Jonathan Bopp 1 anno fa su fb
Sulejman Dedic come non quotarti!
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
Bello... spero arrivi presto.
Roberto Barboni 1 anno fa su fb
Ecco il primo volontario per farsi impiantare un chip nel cervelletto....
Patrick Pieri 1 anno fa su fb
Io di fantasia ne ho, ma passare dallo swiss pass ad un chip nel cervelletto ce ne vuole...
Rory Battal 1 anno fa su fb
Ma anche no!!
Bruno Walther 1 anno fa su fb
ecco...aumenteranno i biglietti e licenziamenti a bala......
Damir Svagusa 1 anno fa su fb
Evviva ai tagli sul personale! Avanti così!
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
sistema
ffs
biglietto
abbonamento
treno
swiss
swiss pass
abbonamento generale
nuovo sistema
pass
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-15 20:45:04 | 91.208.130.87