TI-Press
SUPER LEAGUE
05.10.2017 - 07:000

Bravo Renzetti, ma ora c'è comunque da pedalare

Il "passo indietro" del presidente permetterà al gruppo bianconero di lavorare senza pressione. Limiti e problemi però rimangono: fino a dicembre si dovrà soffrire

LUGANO. Niente più maschere o ambizioni strombazzate ai quattro venti. Finalmente Angelo Renzetti - che del Lugano è il Deus ex machina, a cui il Lugano deve tantissimo, tutto - ha messo da parte la sua versione grintosa e ha ammesso le difficoltà. Non quelle raccontate dalle classifiche o certificate dai numeri, bensì quelle derivate da una situazione economica non floridissima. Quella bianconera non è una società ricca, lo si sa. E questo limite, perché nel pallone di oggi non nuotare nell'oro è un problema, ha partorito un mercato incompleto. I guai dei ticinesi stanno tutti qui. Con i quattrini probabilmente sarebbe arrivato qualche attaccante di peso e di sicuro si sarebbe potuta allestire una rosa non solo numericamente migliore di quella dell'anno passato.

Il peccato originale, dalle parti di Cornaredo, è stato quello di farsi illudere dai bei risultati raccolti da febbraio a giugno e pensare che, con l'inventiva e la passione, si sarebbero potuti tagliare grandi traguardi. Quante volte si è sentito dire il presidente «Questa squadra è migliore di quella dell'anno passato»? Quante volte volte lo si è sentito parlare di obiettivi importanti? Il Lugano ha dei limiti oggettivi, lo scriviamo da tempo, e l'Europa League è una distrazione enorme, colossale, pericolosissima. Il passo indietro - come aspettative e presenza - fatto da Renzetti è intelligente e arriva nel momento giusto: permetterà a Tami, che già in quanto allenatore non ha certo vita facile, e ai giocatori di lavorare con meno tensione e renderà più semplice percorrere il durissimo cammino da qui a dicembre. Perché è ora che può decidersi la stagione: se la coppa continentale sarà affrontata considerandola solo quello che è, ovvero una festa, e contemporanemente si penserà a dare tutto in campionato, allora i limiti potranno essere mascherati e qualche punto (pesante) potrà arrivare. Alzare continuamente l'asticella (e la pressione) non è mai saggio. Bravo Renzetti ad averlo capito. Ora però la palla passa ai giocatori e a Tami: che sappiano sfruttare quest'improvvisa finestra di tranquillità che si è aperta loro davanti.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
renzetti
lugano
bravo renzetti
limiti
Risultati
10.12.2017
Super League
2. tempo
Lugano
Losanna
1-2
(1-2)
2. tempo
Young Boys
Grasshopper
1-1
(0-1)
2. tempo
Zurigo
Lucerna
1-2
(1-2)
11.12.2017
Challenge League
2. tempo
Sciaffusa
Wil
2-1
(2-1)
12.12.2017
Serie A
2. tempo
Genoa
Atalanta
1-2
(1-1)
16.12.2017
Super League
19:00
S.Gallo
Sion
19:00
Thun
Lugano
Serie A
15:00
Inter
Udinese
18:00
Torino
Napoli
20:45
Roma
Cagliari
02.02.2018
Challenge League
20:00
Aarau
Sciaffusa
20:00
Servette
Chiasso
20:00
Vaduz
Xamax
20:00
Wil
Wohlen
20:00
Winterthur
Rapperswil
Ultimo aggiornamento:15.12.2017 00:04
Classifiche
Super L.
1
Young Boys
18
37
2
Basilea
18
35
3
Zurigo
18
28
4
Grasshopper
18
24
5
S.Gallo
18
24
6
Losanna
18
22
7
Thun
18
21
8
Lucerna
18
20
9
Lugano
18
19
10
Sion
18
17
Ultimo aggiornamento:16.12.2017 08:11
Challenge L.
1
Xamax
18
46
2
Sciaffusa
18
36
3
Servette
17
35
4
Vaduz
18
26
5
Rapperswil
17
23
6
Chiasso
18
20
7
Aarau
17
18
8
Wohlen
17
13
9
Winterthur
18
12
10
Wil
18
11
Ultimo aggiornamento:12.12.2017 23:50
Serie A
1
Inter
16
40
2
Napoli
16
39
3
Juventus
16
38
4
Roma
15
35
5
Lazio
15
32
6
Sampdoria
15
27
7
Milan
16
24
8
Atalanta
16
23
9
Torino
16
23
10
Fiorentina
16
22
11
Bologna
16
21
12
Chievo
16
21
13
Udinese
15
18
14
Cagliari
16
17
15
Sassuolo
16
14
16
Genoa
16
13
17
Crotone
16
12
18
SPAL
16
11
19
Verona
16
10
20
Benevento
16
1
Ultimo aggiornamento:16.12.2017 08:11
ULTIME NOTIZIE Sport
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-16 08:24:36 | 91.208.130.87