RUGBY
01.10.2017 - 12:160

«Mio caro leoncino»: una carezza e Baldwin (quasi) ci rimette la mano

In trasferta con gli Ospreys in Sudafrica, il tallonatore gallese ha infilato la mano nella gabbia del grosso felino per coccolarlo. Ha rimediato solo punti di sutura

BLOEMFONTEIN (Sudafrica) – Chi non è felice quando può accarezzare e coccolare un docile gatto? Chi non sorride quando questo, come risposta, gongola beato?

Alla vista della gabbia dei leoni, quando si trovava in trasferta con i suoi Ospreys in Sudafrica per il match di Pro 14 contro i Cheetahs, il 29enne tallonatore Scott Baldwin deve aver pensato di trovarsi davanti solo dei gattoni. Così, pronto a dispensare coccole, ha allungato la mano e ha cominciato a regalar carezze. Di leoni e non di gatti – appunto – però si trattava e così per il gallese un momento di tranquillità si è trasformato in un attimo di paura. Uno dei due felini, dimostrando di non gradire le attenzioni, ha infatti tentato di tramutare la mano del rugbista nel suo pasto. Non ci è riuscito ma a Baldwin, che non è potuto scendere in campo per "infortunio", è rimasto un ricordino: ferite profonde e punti di sutura. E gli è già andata bene...

Commenti
 
albertolupo 2 mesi fa su tio
Eh beh... in Galles non ci sono leoni... mica lo sapeva che mordono...
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
mano
baldwin
sudafrica
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-15 07:35:32 | 91.208.130.87