Fabio Caironi 20 minuti/tio.ch
Marco Zappa, 67 anni, mostra una copia del 45 giri di “Complication”, realizzato con i Teenagers nel 1967.
CANTONE
24.02.2017 - 06:000

Marco Zappa, un instancabile esploratore delle 7 note

Martedì 14 marzo, alle 20.45, tra le mura del Teatro Sociale di Bellinzona, il cantautore ticinese presenterà “PuntEBarrier”, il suo nuovo album, e inizierà un tour con la sua band

LUGANO - Negli scorsi giorni Marco Zappa è venuto a trovarci in redazione, in compagnia della sua signora, Elena, a cui, tra l’altro, ha voluto dedicare la sua ultima fatica discografica.

Il concerto in programma al Sociale il 14 marzo (giorno in cui Marco compirà 68 anni, ndr), non sarà comunque “solo” un’appetitosa occasione per poter ascoltare in anteprima il nuovo disco, poiché avremo modo, nel contempo, di gustarci anche brani che Zappa non ripropone in dimensione live da decenni.

Cantautore, polistrumentista e instancabile esploratore delle sette note, durante il nostro incontro, imbraccia la sua Gibson del ‘57, “assesta” l’armonica a bocca, e, tra un accordo e l’altro, si racconta e racconta la sua musica, le sue canzoni, che fanno parte di noi, del Ticino e del mondo da esattamente mezzo secolo…

Marco, raccontami di “PuntEBarrier”...

Quest’anno, in occasione dei miei cinquant’anni di musica, avrei potuto scegliere di pubblicare una raccolta, un “Best Of”, insomma, ma alla fine ho preferito dare alla luce un disco di inediti: diciotto per l’esattezza. Brani, questi, che, comunque, a livello di strofe, strutture musicali e arrangiamenti riassumono questi miei cinque decenni “on the road”...

Cosa vuoi dirmi dei testi?

Come sai, ogni mio album è un lavoro monografico. In questo caso, le prime idee che stanno alla base dell’intero progetto si collocano su una serie di riflessioni sull’apertura di Alptransit, che da una parte ha indubbiamente molti lati positivi, mentre dall’altra ci porta anche a fare dei passi indietro: ben venga il collegamento di due grandi città, ma si rischia di isolare tutte quelle località che troviamo lungo il percorso… Questo è stato il primo spunto, diciamo… Il discorso si è poi ampliato, brano dopo brano, ai “ponti e alle barriere” generazionali, così come, tra gli altri, a un tema che non avrei mai potuto mettere da parte, soprattutto in questo periodo in cui si costruiscono muri:  la società, così come la politica, deve capire che un migrante non è mai felice di lasciare il proprio Paese di origine…

Un disco, questo, che verrà dato alle stampe in due formati, vinile e cd…

Entrambe le edizioni raccoglieranno i diciotto brani, con una differenza sostanziale nel missaggio, però…

Cosa ci riserva la setlist in programma al Sociale?

“PuntEBarrier” a livello quasi integrale, così come la ripresa di alcuni miei brani che non riportavo sul palco da decenni, come “Change”, title-track del mio primo album da solista datato 1976, e “Complication”, che realizzai con il mio primo gruppo, i Teenagers, nel 1967. E proprio per la riproposizione in dimensione live di quest’ultima, al pianoforte tornerà Oscar Bozzetti, che con me, Renato Perucchi, Luciano Mordasini e Claudio Bassi condivideva la line-up della band…

“Complication”, un brano di nitida influenza beat, straordinario, realizzato su 45 giri e, oggi come oggi, difficilissimo da reperire…

Venne pubblicato dall’etichetta Cda in pochissime copie, e per questo motivo è pressoché introvabile. Sul lato B figura “Taps”, un pezzo strumentale, che elaborammo tra blues e psichedelia…

Non hai mai pensato a una ristampa?

Proprio negli scorsi giorni ho ricevuto una proposta da un’etichetta indipendente di Basilea e, sicuramente, per la gioia degli appassionati, nel corso dei prossimi mesi si farà...

Info: marcozappa.ch

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
marco
zappa
brani
decenni
disco
album
esploratore
note
brano
sociale
ULTIME NOTIZIE People
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-20 10:06:41 | 91.208.130.86