REGNO UNITO
06.08.2017 - 10:100

I 50 anni di "The Piper at the Gates of Dawn"

L'esordio dei Pink Floyd è un capolavoro del genio psichedelico di Syd Barrett

LONDRA - Il 1967 è stato un anno di grande musica. Due dischi, però, spiccano particolarmente per l'influenza enorme che hanno avuto sulla musica successiva: "The Velvet Underground & Nico" e "The Piper at the Gates of Dawn".

Il primo album vendette pochissimo all'epoca ma oggi è considerato fondamentale, mentre "Piper", di cui ieri è ricorso il 50esimo anniversario dalla pubblicazione, è stato rivoluzionario fin da subito. Un'apoteosi psichedelica firmata Syd Barrett, che guidava i giovani Pink Floyd e che ha spianato la strada a svariati generi. La critica fu positiva fin da subito, e negli anni divenne addirittura osannante. Non a caso oggi è considerato uno dei migliori album psichedelici di sempre, e l'espressione più limpida del genio di Barrett.

Potrebbe interessarti anche
Tags
the
piper
at the
of dawn
the gates
the piper
at the gates
of
the gates of
the piper at
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-22 11:25:09 | 91.208.130.86