SEGNALACI mobile report
focus
SUPSI
29.03.2016 - 06:000

Il talento è qualcosa che ognuno ha dentro di sé, ma serve la chiave per farlo uscire

A colloquio con Faustino Blanchut, diplomato Bachelor of Arts in Theatre presso l’Accademia Teatro Dimitri e vincitore del Premio TalenThesis 2015

 

Chi Sei?

Faustino Blanchut, 24 anni, nato e cresciuto in Francia, vicino a Tolosa.

Nel 2015 hai vinto il premio TalenThesis per la miglior tesi del tuo corso di laurea. Quale era il soggetto?

Mi sono ispirato al libro Alamut di Vladimir Bartol. Mi interessava il tema della manipolazione e la sfida assurda che porta con sé una professione o un ruolo.

Parlaci dell’esperienza vissuta nel realizzare questo lavoro.

Per me è stata molto arricchente, anche per la diversità delle sue componenti: lavorare a fondo, prima da solo, poi con l’oeil extérieur dei docenti, realizzare una ricerca teorica e riuscire a trasporla scenicamente, fare delle repliche; si è trattato di una vera e propria creazione, dall’inizio alla fine.

Che cos’è per te il talento?

Per me è qualcosa di innato. La cosa più difficile è riuscire a fare concorrere due grandi forze: la voglia di farlo uscire, e la disponibilità di questa cosa a uscire.

Che cosa ha significato questo premio?

È stata una grande soddisfazione! Mi ha motivato a sviluppare ulteriormente questo lavoro fino a farne uno spettacolo completo, che spero di presentare a breve!

Professionalmente?

In questo momento sono a Città del Capo per una residenza artistica di creazione in una scuola di circo. Qui condivido il mio bagaglio accademico con altri artisti.

Il tuo sogno?

Vorrei creare senza risentire la pressione del mondo economico, orientando le mie scelte artistiche ai miei gusti.

Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-22 01:06:51 | 91.208.130.86