SEGNALACI mobile report
focus
Fotolia
PRO JUVENTUTE
05.10.2017 - 07:000

La paghetta come esperienza costruttiva

Che rapporto vorremmo avessero i nostri figli con il denaro?

 

Uno dei temi che di recente va per la maggiore in materia educativa – visti i tempi che corrono – è quello della paghetta, vale a dire della piccola quantità di denaro da dare ai propri bambini e ai propri ragazzi affinché questi possano maturare esperienza significativa nei confronti del denaro. Già… poiché prima di parlare di indebitamento è utile e saggio parlare di gestione virtuosa del denaro; prima, cioè, di paventare rischi e pericoli che il denaro porta con sè, prendiamo la buona abitudine di provare a tracciare, con i nostri bambini e i nostri ragazzi (se già non lo facessimo, naturalmente) alcuni itinerari di esperienza costruttiva, portandoli un po' più in là di dove fino ad oggi sono giunti.

Il tema del denaro si presta davvero a delle esperienze educative significative. Attraverso di esso si possono evocare e trattare temi legati ai valori, alla capacità di relazionarsi con l'altro da sé (cose e persone), alla necessità o meno di dover rinunciare a qualcosa poiché fuori dalla nostra portata (esame di realtà), alla sua saggia e sapiente economia, al potere che genera (reale o solo illusorio) e via dicendo…

Elemento centrale di tutto questo complesso di occasioni educative è il fatto di essere, noi adulti, a nostra volta centrati a proposito di questo argomento. Che rapporto abbiamo noi con il denaro? Ci abbiamo mai riflettuto? Siamo consapevoli che avere poco denaro a disposizione significa oggettivamente correre il rischio di avere qualche problema; ma siamo altrettanto consci del fatto che averne molto è quasi certamente altrettanto problematico? Che rapporto vorremmo avessero i nostri figli con il denaro? Siamo, ancora una volta, degli esempi virtuosi per loro o siamo (magari senza averci riflettuto su) degli esempi cattivi? Proviamo a pensare al nostro rapporto con il denaro e, se scopriamo che è – diciamo – improvvisato, pensiamoci su un po'… poiché è assai probabile che i nostri ragazzi ne avranno, a loro volta, uno del tutto simile.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-17 03:34:31 | 91.208.130.87