SEGNALACI mobile report
focus
Fotolia
PRO JUVENTUTE
27.07.2017 - 07:000

L'educazione unisce tutti quanti?

Troppo di frequente si delegano ai professionisti dell'educazione quelle iniziative che in verità quasi tutti noi, con l'ausilio delle nostre buone pratiche, saremmo in verità in grado di realizzare

 

Alcuni giorni fa mi trovavo nella stazione di una grande città svizzera. Mentre guardavo le centinaia di persone che l'affollavano mi sono chiesto quali sono gli elementi che accomunano tutti, al di là degli aspetti, forse troppo scontati, dell'essere tutti delle persone, con un profilo psicologico, con delle abilità e via dicendo.

Mi sono poi chiesto se quello dell'educazione fosse anche un elemento che unisse tutti. Mi sono detto che se da una parte il fatto di prendersi cura dei più piccini pare un fatto scontato, soprattutto se appartenenti alla propria specie (e chi non sosterrebbe che i bambini sono il nostro futuro?), dall'altra, a volte, si fa finta di nulla e si gira la faccia da un'altra parte. In altri termini: non credo che, alle nostre latitudini, oggi, nella situazione in cui ci troviamo, possiamo serenamente dire che il fatto di assumere la responsabilità di occuparci dei nostri pargoli o dei nostri giovani sia qualcosa che ci accomuna tutti e che ci rende membri di un gruppo coeso e intenzionato ad andare in una direzione ben precisa. Troppo spesso si vede nell'educazione un compito enorme, ciclopico, ben al di sopra delle nostre possibilità. Troppo di frequente si delegano ai professionisti dell'educazione quelle iniziative che in verità quasi tutti noi, con l'ausilio delle nostre buone pratiche, saremmo in verità in grado di realizzare.

Prenderci cura dei nostri bambini e dei nostri ragazzi non è sempre così difficile; soprattutto non è impossibile, anche se i problemi a volte – ed è facilmente comprensibile – sembrano enormi. Questo fatto ci dovrebbe accomunare tutti; forse il fatto stesso di assumere la responsabilità di prendersi cura dei più piccini, dei giovani e dei ragazzi che stanno crescendo può diventare uno dei pochi punti fermi su cui costruire il nostro comune futuro a lungo termine.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-15 19:01:22 | 91.208.130.86