Fotolia
SVIZZERA
13.12.2017 - 07:150

Quelli che per fare Babbo Natale si indebitano

Capita a una famiglia su tre alle prese con le richieste sempre più esose dei figli, l'esperto: «Non vogliono frustrarli»

ZURIGO - Ma che Lego e Playmobil, oggi i bambini per Natale chiedono regali sempre più costosi. Che si tratti dell'ultimo iPhone o una console di videogiochi, si parla spesso e volentieri di centinaia e centinaia di franchi.

E finisce che, per non deludere la loro prole, i genitori svizzeri si indebitano. Stando al un rapporto della società di recupero crediti Instrum Justitia l'anno scorso il 28% degli svizzeri ha chiesto un prestito sotto Natale per comprare i regali ai figli. Il motivo? Si sentivano «estremamente sotto pressione».

Particolarmente a rischio, riporta lo studio, i giovani genitori di 18-34 anni. Fra gli acquisti preferiti troviamo appunto gli smartphone (82%), vestiti di marca (26%) e scarpe (25%). Tutti prodotti, spiega Intrum Justitia: «Particolarmente desiderati dai più giovani proprio perché sono status symbol sui social media».

Ma come mai mamme e papà mettono a rischio le proprie finanze per un regalo di Natale? «In una società dei consumi come la nostra per i genitori è particolarmente difficile rendersi conto di non poter soddisfare i desideri dei loro figli. Molti di loro hanno paura di frustrarli se non gli fanno trovare sotto l'albero il dono desiderato», spiega a 20 Minuten Sébastien Mercier di Consulenza Debiti Svizzera.

Un timore forte anche (e soprattutto) se già ci sono pochi soldi: «La pressione è effettivamente forte, e la pubblicità non aiuta affatto. Diversi sentono di non essere buoni genitori se non fanno felici i propri figli e questo è vero specialmente se la famiglia non naviga proprio nell'oro».

Un serpente che si morde la coda, quindi? «Non per forza», conclude Mercier, «Le mamme e i papà dovrebbero parlare dei soldi e della loro importanza con i figli, è una cosa che loro possono capire – parlo per esperienza personale – e adeguare le proprie richieste».

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
aquila bianca 1 mese fa su tio
@Lacry Si d'Ansya... Perdomani.... ma secondo te, i bambini devono imparare a gestire la frustrazione.. ??? Ti sembra normale che ci siano BAMBINI frustrati.. ?? Semmai, genitori assenti che vogliono colmare le loro lacune nei confronti dei figli, con "cose" materiali. Ma capisco, leggendo il tuo nick, é normale che la crisi d'ansia, conosca da vicino le frustrazioni... ;-)))))))))))))))))))))) Buone Feste ;-)
Lacry Si d'Ansya 1 mese fa su fb
La frustrazione è un'emozione che i bambini devono imparare a gestire.
aquila bianca 1 mese fa su tio
Se dei genitori devono indebitarsi per soddisfare i "desideri costosi" dei figli, fanno del male agli stessi, passando un messaggio diseducativo ;-(((( Mettere al corrente i figli che non si é in grado di sopportare una data cifra per carenze economiche, é un messaggio educativo ;-))) Queste sono le basi solide per non arrivare ad avere dei figli che si indebiteranno facilmente per ogni capriccio.... Buone Feste a tutti ;-)))
Afeni Liotta 1 mese fa su fb
Che perbenismo poi saranno i primi a farlo
Rosella Zwyssig 1 mese fa su fb
E poi da grandi alla prima difficoltà vanno nel panico...Devono imparare sin da piccoli che non si puo' avere tutto ciò che si vuole ma bisogna guadagnarselo ...Magari con piccoli lavoretti a seconda dell'eta'.
samarcanda 1 mese fa su tio
Basterebbe distribuire meglio la ricchezza, così si potranno anche fare dei regali senza indebitarsi. Io, personalmente, propendo per un natale semplice: regali necessari più mandarini, arance, spagnolette. Ma questa semplicità non va imposta, va casomai proposta. E non devono esserci troppe differenze sociali a determinarla. Bisogna ricordare che i bambini hanno anche bisogno di sport, giocattoli che insegnano loro a comprendere la realtà, ecc. Insomma, per tutti qualche soddisfazione ci vuole. Poi è un fatto culturale saper dosare il consumismo.
Sem Garovo 1 mese fa su fb
Concordo con te Margherita
Bandito976 1 mese fa su tio
Societá malata
Barbara Castellari 1 mese fa su fb
Sono già una massa di frustrati... ed è colpa di quelli chiamati genitori... se si può si compra se no niente.
Bruna Bralla 1 mese fa su fb
A volte non sono nemmeno loro a volerle le cose , ma i genitori stessi ( frustrati ed incoscienti ) che fanno a gara a chi riempie di gadget inutili i figli
Lu Carminati 1 mese fa su fb
Poi i bambini crescono, diventano giovani adulti che, prima di compiere 25 anni, sono già indebitati fino al collo. Questo è il risultato di una società in cui tutto è dovuto.
Igor Gutschen 1 mese fa su fb
purtroppo vedo in giro sempre più famiglie di questo tipo; oggi avere dei figli vuol dire essere ricchi. Coloro che non lo sono meglio che utilizzino tutte le precauzioni necessarie per evitare di rendere i propri pargoli degli schiavi di un sistema malato e perverso
Fatima Ferreira Campos 1 mese fa su fb
Mancano i valori in questa società!!! Ai bambini vanno spiegate/mostrate anche le difficoltà!!! Quando non si può... Non si può!!! Ma purtroppo alcuni genitori vengono comandati a bacchetta dai figli!!! Amore, attenzione, presenza... allegria!!! Questi sono i regali più importanti nella vita... regalateli genitori!!!
Jeremy White 1 mese fa su fb
Ecco perché i bocia di 12 anni girano già con l''x 😂😂😂 avanti così 🤢
Wanda Tettamanti-Travella 1 mese fa su fb
Si fa il passo secondo la gamba
Manuela Paola 1 mese fa su fb
mio nonno lo diceva sempre... e quanto aveva ragione!
Margherita Danner 1 mese fa su fb
Che novita'.....come quelli che in inverno o estate fanno debiti x andare in vacanza...dopo piangono....se non ci sono soldi niente vacanze....si sta bene anche a casa
Piera Mazzei 1 mese fa su fb
Quando ci sn i saldi forse farò i regali(nn ho figli)
Agnese Sista Gamma 1 mese fa su fb
bravi, indebitatevi e viziateli questi figli, poi ......
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
natale
figli
genitori
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 00:57:22 | 91.208.130.87