Keystone
SVIZZERA / STATI UNITI
23.12.2017 - 09:580

Credit Suisse: «La riforma di Trump costerà 2,3 miliardi»

L'istituto elvetico ha comunicato il probabile importo della svalutazione che riguarderà il quarto trimestre di quest'anno

ZURIGO -  Credit Suisse ha comunicato che dovrebbe registrare una svalutazione di 2,3 miliardi di franchi nel corso del quarto trimestre del 2017. La causa è da far risalire alla riforma fiscale adottata negli Stati Uniti, si legge in una nota dell'istituto finanziario elvetico.

L'annuncio non arriva a sorpresa: all'inizio di dicembre, la banca aveva stimato che la decisione dell'amministrazione Trump le sarebbe costata 2,1 miliardi. Dal canto suo, UBS aveva affermato di aspettarsi una svalutazione di circa 3 miliardi.

La riforma fiscale americana abbassa il tasso d'imposizione delle società dal 35% al 21%, costringendo a ridurre il valore delle imposte differite attive. Secondo Credit Suisse, la perdita è comunque definita un aggiustamento contabile una tantum, con un impatto minimo sui fondi propri regolamentari.

I dettagli sulle conseguenze per Credit Suisse della riforma fiscale voluta dal presidente Trump saranno forniti il 14 febbraio, quando la banca pubblicherà i propri risultati.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Potrebbe interessarti anche
Tags
credit
credit suisse
suisse
riforma
miliardi
trump
2,3 miliardi
riforma fiscale
svalutazione
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 18:51:24 | 91.208.130.86