BERNA
11.11.2016 - 14:030

Postfinance, i tassi diventano negativi

L'istituto finanziario riduce i tassi d'interesse per diversi tipi di conto e ne introduce di negativi per i clienti facoltosi

BERNA - PostFinance riduce i tassi di interesse per diversi tipi di conto e ne introduce addirittura di negativi per i clienti facoltosi: dal primo febbraio la filiale della Posta preleverà una commissione dell'1% per l'avere disponibile che supera il milione di franchi.

Vengono considerati gli averi presenti su tutti i conti privati e di risparmio, precisa PostFinance in un comunicato odierno. La maggior parte dei clienti privati e commerciali continuerà però a non dover pagare alcuna commissione sull'avere disponibile, viene sottolineato.

«Sono consapevole che queste misure non fanno molto piacere ai nostri clienti: nessuno paga volentieri le commissioni», afferma il CEO Hansruedi Köng, citato nella nota.

Prelievi sugli averi sul conto vengono effettuati per importi elevati anche da altri istituti. I piccoli risparmiatori rimangono invece finora esentati: solo la Banca Alternativa - una realtà con 30'000 clienti, ben diversa quindi dai circa 3 milioni di clienti di PostFinance - ha introdotto tassi negativi dello 0,125% su tutti i conti per il traffico dei pagamenti.

Sui mercati finanziari nazionali e internazionali - argomenta la filiale della Posta - i tassi d'interesse permangono ai minimi storici e risultano in gran parte addirittura di segno negativo. Gli averi detenuti da PostFinance in conti giro presso la Banca nazionale svizzera superano la soglia di esenzione: nel 2016 questo è già costato oltre 10 milioni di franchi.

A causa del divieto di erogare crediti - lamenta PostFinance - diventa sempre più difficile investire in modo redditizio i depositi che le sono affidati dai clienti. Nel contempo l'apparato normativo in costante crescita comporta oneri e spese sempre maggiori.

«Siamo investiti del chiaro mandato di operare in modo economicamente vantaggioso», ricorda Köng. «Tuttavia, in qualità di operatore finanziario di proprietà della Posta e quindi della Confederazione, non siamo obbligati a conformarci alla mentalità classica dello shareholder value (...) Nel corso degli anni siamo stati così in grado di offrire loro tassi d'interesse e commissioni di sicuro vantaggio. Anche noi ci rammarichiamo del fatto che, al momento, tutto ciò non sia più possibile in egual misura a causa dei tassi negativi, del divieto di erogare crediti e dei costi legati all'inasprimento delle disposizioni normative».

PostFinance riduce anche diversi tassi: sono interessati l'e-conto di risparmio per giovani (tasso scenderà da 0,80% a 0,55% il primo gennaio), il conto gioventù e conto formazione (da 0,50% a 0,25%), il conto libero passaggio del secondo pilastro (da 0,20% a 0,05%), il conto previdenza 3a (da 0,50% a 0,30%) e l'e-conto di risparmio per clienti commerciali e associazioni (da 0,05% a 0,00%). L'istituto ha anche ridotto gli importi massimi fruttiferi di interesse nonché aumentato le tasse per i clienti esteri e per l'incasso di assegni.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
pulp 1 anno fa su tio
Mi spiace leggere certi commenti.... frutto di una totale non conoscenza della situazione. Ad ogni buon conto i tassi non li regolano le banche o postfinance ma la BNS... detto questo, chi conosce il mondo bancario è diventato complicato...ma questo non deve essere motivo di festa... per nessuno....e non solo per gli addetti ai lavori.
Nicklugano 1 anno fa su tio
Non male... se una banca o Postfinance ti presta dei soldi, paghi... giustamente. Se tu presti dei soldi ad una banca o a Postfinance (quando apri un qualsiasi conto da loro non fai altro che questo), devi pagare per prestarglieli .... la quadratura del cerchio ! Chissà se prima o poi anche le famose formiche s'incazzano.
sedelin 1 anno fa su tio
@Nicklugano anch'io di primo acchito ho avuto la tentazione d'incazzarmi, poi - riflettendo - ho cambiato idea: CONSIDERATA LA SITUAZIONE non é sbagliato far pagare qualcosina ai milionari.
spank77 1 anno fa su tio
@sedelin Si immagina che ci sarà un grande aumento delle richieste di cassette di sicurezza nelle banche...e di soldi non dichiarati all'ufficio di tassazione ?
Nicklugano 1 anno fa su tio
@spank77 Se calcoli che già oggi di cassette non ce n'è quasi più, mi sa che hai perfettamente ragione.
Sarà 1 anno fa su tio
@spank77 Soldi già non dichiarati... Ed ora non servono più le banche per avere una cassetta di sicurezza, c'è chi fa solo affitto di queste cassette.
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
postfinance
tassi
clienti
conto
interesse
tassi interesse
risparmio
posta
conti
averi
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-16 08:21:13 | 91.208.130.86