SVIZZERA
07.08.2012 - 14:540

Prezzo del latte, torna la tensione

Secondo l'Unione dei contadini il calo dei prezzi è incomprensibile

BERNA - Il prezzo del latte ad uso industriale pagato ai produttori è calato in maniera "tanto incomprensibile quanto inutile": lo afferma l'Unione svizzera dei contadini (USC), che denuncia la "situazione economica disperata" in cui versano molti agricoltori.

A fine giugno il comitato interprofessionale (IP Latte) non si è accordato su un prezzo indicativo per il terzo trimestre, così che diverse e importanti aziende di trasformazione del latte hanno ridotto i prezzi. La perdurante tensione va a tutto danno dei produttori, scrive l'USC in un comunicato odierno.

La tematica non è nuova, ma solitamente sono la Federazione dei produttori di latte e altre organizzazioni di categoria a farsi avanti; stavolta invece scende in campo l'associazione mantello degli agricoltori, con un appello pressante sia ai produttori che ai trasformatori del latte, per evidenziare la gravità della situazione.

Ats

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Potrebbe interessarti anche
Tags
latte
prezzo
produttori
tensione
svizzera
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-19 06:32:53 | 91.208.130.87