Keystone / EPA
UNIONE EUROPEA
03.10.2017 - 09:490

Brexit, non fatti i progressi richiesti

«Non possiamo ancora parlare delle relazioni future», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker

STRASBURGO - Nei negoziati per la Brexit «non abbiamo ancora fatto il progresso richiesto». Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in plenaria al Parlamento europeo dove sarà votata una risoluzione a riguardo.

«Non possiamo ancora parlare delle relazioni future», ha aggiunto. Il discorso della prima ministra britannica Theresa May a Firenze, ha sottolineato Juncker, ha avuto un «tono ottimistico» ma, ha aggiunto, «i discorsi non sono posizioni negoziali».

Sul punto della tutela dei diritti dei cittadini Ue nel Regno Unito «resta da trovare un accordo sull'indispensabile ruolo della Corte di giustizia europea». Per quanto riguarda il nodo degli accordi finanziari, invece «il diavolo sarà nei dettagli» mentre sulla questione dell'Irlanda del Nord «servono soluzioni che rispettino pienamente il diritto europeo».

Nel negoziato sulla Brexit «restano divergenze serie, in particolare per quanto riguarda il regolamento finanziario: non accetteremo di pagare in 27 ciò che è stato deciso a 28», ha detto il negoziatore capo della Commissione europea Michel Barnier. «Ancora non c'è accordo sui punti chiave - ha aggiunto Ba- non abbiamo raggiunto progressi sufficienti per iniziare una nuova fase di negoziati». Barnier, come Juncker, ha sottolineato che restano ancora distanti anche le posizioni sul ruolo della Corte di giustizia dell'Ue e ancora mancano soluzioni sulla frontiera con l'Irlanda del Nord. «La prossima settimana ci sarà il quinto round di negoziati - ha ricordato il negoziatore - e la nostra attitudine è positiva, vogliamo riuscire».

«Il nostro futuro è l'Europa, non la Brexit» - Per il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker «è un buon segno che il dibattito sul futuro dell'Europa si allarghi perché il nostro futuro non è la Brexit, è l'Europa».

«Dopo l'uscita del Regno Unito - ha detto - si gira una pagina e se ne apre un altra, per lungo tempo abbiamo rimandato questioni cruciali». Juncker ha quindi ribadito la necessità di fare passi avanti verso una maggiore integrazione dell'Ue entro il vertice europeo di Sibiu, in romania, del marzo 2019.

Commenti
 
patrick28 2 mesi fa su tio
Bravo Juncker, non mollare. certo che se i britannici potessero rivotare ...
matteo2006 2 mesi fa su tio
@patrick28 Vero, potrebbero votare No adesso, visto l'atteggiamento per nulla collaborativo e per nulla democratico dell'UE perché spaventati da una tale risposta non improntata unicamente a trovare una soluzione che vada bene a tutti; che vuoi giusto o sbagliato il referendum è stato fatto il risultato è stato deciso in maniera democratica e quindi ora si dovrebbe lavorare in tal senso ma dopo mesi non cambia nulla. L'unica soluzione per l'UE che cosa sarebbe rivotare adesso? complimenti alla democrazia made in UE!
tip75 2 mesi fa su tio
mamma mia peggio di un matrimonio, l'ue dovrebbe fare tre passi indietro e tenersi tutta la marmaglia con cui si è unita e comprendere che i paesi che funzionano non sono più d'accordo di farsi bistrattare a spese dei paesi fannulloni e da questa politica perdente
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
juncker
brexit
commissione
ue
europa
jean-claude
jean-claude juncker
progressi
presidente commissione
futuro
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-13 02:48:20 | 91.208.130.86