RUSSIA
09.08.2012 - 16:390

Infanzia negata, bambini vissuti sotto terra per anni

La polizia russa ha liberato una ventina di bambini costretti da una setta islamica per anni a vivere in una sorta di bunker sotterraneo

MOSCA - Hanno vissuto per anni in un bunker sotterraneo di Kazan, cittadina distante da Mosca circa 800 km. Una ventina di bambini erano stati affidati dai loro genitori al capo di una setta islamica, affinché essi venissero preservati dal mondo e le sue regole.

Una setta russa ha vissuto per anni senza mai vedere la luce del sole, senza riscaldamento ed elettricità in un bunker sotterraneo. "I bambini non sono mai andati a scuola" hanno riferito le autorità della città di Kazan al giornale "Komsomolskaja Pravda". Quotidiano che, riferisce della condizione dei bambini al momento del blitz della polizia russa: "sporchi, vestiti di stracci e senza mai essere stati sottoposti a visita medica".

Erano una settantina gli adepti che hanno vissuto per più di dieci anni sotto terra, in spazi abitativi descritti dal 20min.ch simili a delle celle, costruite su sette piani sotterranei.

I minorenni, che hanno trascorso la loro infanzia sotto terra, hanno un'età che va dall'anno e mezzo ai 17 anni. Bambini nati in superficie e poi portati sotto terra, dopo essere stati custoditi in orfanotrofio. La diciassettenne liberata è stata sottoposta al test di gravidanza. I genitori sono accusati di maltrattamento di minori. Anche Satarow, il fondatore 83enne della setta, dovrà rispondere alla giustizia per negligenza. Ha proibito ai suoi adepti di lasciare il bunker, neppure in caso di stretta necessità. Satarov definiva se stesso un profeta musulmano e aveva proclamato la sua casa come uno stato musulmano indipendente. 

Saratov avrebbe dichiarato che per gli adepti della setta incomberebbe la minaccia della fine del mondo se le autorità non riconsegneranno i figli liberati dai bunker ai propri genitori. 

I suoi adepti stanno opponendo una strenua resistenza affinché la casa del loro "profeta" non venga demolita. "Le autorità stanno sfidando Allah. Ma esse non lo sconfiggeranno" ha dichiarto un membro della setta all'Associated Press.

Satarow si era dichiarato profeta a fine anni '80. Dopo aver acquistato un terreno di circa 700 metri quadrati nel 1996, aveva ordinato ai suoi di costruire un sistema di celle sotterranee. Le autorità sono intervenute dopo aver indagato su un omicidio avvenuto all'interno della setta. Arrivato il commando speciale, la scoperta che nessuno si sarebbe mai immaginato di imbattersi.

5 anni fa Bambini tenuti in un bunker per oltre 10 anni, scovata setta islamica
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
setta
bambini
bunker
sotto terra
terra
adepti
autorità
genitori
profeta
bunker sotterraneo
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-19 06:02:07 | 91.208.130.86