Keystone
REGNO UNITO
07.12.2017 - 13:150

«Uccidere foreign fighter, non rimpatriarli»

Sono le parole di Gavin Williamson, neoministro della Difesa nel governo di Theresa May

LONDRA - Meglio uccidere i 'foreign fighter' reduci da Siria e Iraq, anche se cittadini britannici, che consentire loro di rimpatriare per essere poi magari processati. Ad affermarlo, senza giri di parole, é Gavin Williamson, neoministro della Difesa nel governo di Theresa May.

«Per dirla semplicemente, il mio punto di vista é che un terrorista morto non può causare danni alla Gran Bretagna», ha detto Williamson in un'intervista pubblicata oggi dal Daily Mail. «Io credo che a nessun terrorista, di una nazionalità o di un'altra, debba essere consentito di tornare nel suo Paese», ha insistito il ministro, impegnandosi a fare tutto il possibile «per distruggere ed eliminare la minaccia».

Si calcola che almeno 800 cittadini del Regno Unito si siano associati all'Isis in questi anni in Siria o in Iraq: circa 130 risultano essere morti in combattimento, ma diverse decine si ritiene siano in effetti già rientrate in patria.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
williamson
uccidere foreign fighter
uccidere foreign
fighter
foreign fighter
foreign
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-12 09:03:02 | 91.208.130.86